Le mani avanti

Pare che il ragionamento conduca a questa conclusione: "I cittadini italiani non sono in grado di esprimersi su una questione complessa come la riforma costituzionale; dunque il referendum di ottobre sarà inutile e il suo risultato viziato dalla loro ignoranza e dal populismo".

All’in­do­ma­ni del refe­ren­dum ingle­se, il nostro sin­da­co Gior­gio Gori ne ha com­men­ta­to l’e­si­to con un edi­fi­can­te tweet:

gori

Poi, sol­le­ci­ta­to dal­le “viva­ci rea­zio­ni” di chi ha frain­te­so, “bana­liz­zan­do e distor­cen­do” il suo pen­sie­ro (a pro­po­si­to: ma come si fa a non bana­liz­za­re un con­cet­to espres­so in 140 carat­te­ri?), Gori ha ripre­so l’ar­go­men­to in un post di FB.

Ha spie­ga­to che il pun­to non era “pro­por­re restri­zio­ni del suf­fra­gio uni­ver­sa­le”, ma sot­to­li­nea­re che l’a­nal­fa­be­ti­smo fun­zio­na­le degli elet­to­ri (“meno di un ter­zo del­la popo­la­zio­ne ita­lia­na avreb­be i livel­li di com­pren­sio­ne del­la scrit­tu­ra e del cal­co­lo neces­sa­ri per orien­tar­si nel­la vita di una socie­tà moder­na”) gene­ra mostri; in par­ti­co­la­re uno, il popu­li­smo, che “sem­pli­fi­ca le real­tà, eli­mi­na la com­ples­si­tà, par­la all’emotività e alla pan­cia dei cittadini”.

La col­pa del­la “demo­cra­zia disin­for­ma­ta”, che “pro­du­ce disa­stri epo­ca­li”, non è insom­ma tan­to del­la poli­ti­ca o dei media che non infor­ma­no: “il pun­to è il livel­lo di alfa­be­tiz­za­zio­ne com­ples­si­va del­la popolazione”.

In poche paro­le, noi ita­lia­ni non capia­mo un acci­den­ti. E’ inu­ti­le far­ci l’e­sa­me di cit­ta­di­nan­za: non com­pren­de­rem­mo le doman­de. E’ per il nostro bene che ci han­no scon­si­glia­to di vota­re al refe­ren­dum sul­le tri­vel­le: il que­si­to era trop­po dif­fi­ci­le per i nostri angu­sti cervelli…

Non so a voi, ma ai nostri angu­sti cer­vel­li pare che il ragio­na­men­to con­du­ca a que­sta con­clu­sio­ne: “I cit­ta­di­ni ita­lia­ni non sono in gra­do di espri­mer­si su una que­stio­ne com­ples­sa come la rifor­ma costi­tu­zio­na­le; dun­que il refe­ren­dum di otto­bre sarà inu­ti­le e il suo risul­ta­to vizia­to dal­la loro igno­ran­za e dal populismo”.

Met­te­re le mani avan­ti rispet­to a un futu­ro risul­ta­to elet­to­ra­le che si pre­an­nun­cia sfa­vo­re­vo­le è una fur­bi­zia da bam­bi­ni; ma l’ar­go­men­to usa­to per far­lo in que­sto caso è vera­men­te meschi­no e peri­co­lo­so, per­ché dele­git­ti­ma l’es­sen­za stes­sa del­la demo­cra­zia.

Sia­mo con­vin­ti inve­ce che chiun­que può capi­re per­ché la scel­ta miglio­re al refe­ren­dum di otto­bre è il “no”: basta che ci sia qual­cu­no di capa­ce e volon­te­ro­so a spie­gar­lo. E’ pro­prio per que­sto che ci tro­ve­re­te in piaz­za, ai ban­chet­ti infor­ma­ti­vi: per­ché, su que­sto il sin­da­co ha ragio­ne, la “demo­cra­zia infor­ma­ta” è cer­ta­men­te la miglio­re.

Comi­ta­to Ber­ga­mo Pos­si­bi­le “I Bastio­ni di Orione”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.