Se le danno di santa ragione. Come nel wrestling 

L’ultimo match in ordine di tempo, e tale solo fino al prossimo, è andato in scena domenica: Gianni Cuperlo vs Dario Franceschini. No, non ho sbagliato il verbo; “in scena” descrive bene quello è successo. Perché sì, minoranza e maggioranza dem se le danno di santa ragione, non c’è che dire, ma non come nella boxe, dove i colpi sono veri, diciamo più come nel wrestling, in cui da attacchi sferrati con apparente inaudita violenza non discende alcuna conseguenza.

Prendiamo a modello il caso più recente. Il ministro della cultura dice che usare le riforme costituzionali per «buttare giù Renzi», come sostiene stia facendo la sinistra interna, è «un atto contro il Paese». L’ex presidente del Pd replica affermando che quelle parole sono «l’espressione imbarazzante di una profonda disonestà politica e intellettuale». Ora, se uno si fermasse a quanto detto, stenterebbe a credere che dopo simili colpi, fuor di metafora e sul piano politico, si possa ancora esser parte della stessa formazione. Cioè, è sui voti di quelli che addirittura compiono atti «contro il Paese» che Franceschini confida per la tenuta del governo di cui fa parte? E ancora, è a un esecutivo composto da esponenti di primo piano capaci di «profonda disonestà politica e intellettuale» che Cuperlo vota la fiducia?

Sinceramente, sapere quale sia lo sport, si fa per dire, a cui quelli del partito di maggioranza intendano darsi suscita in me tanto interesse che poco più è noia. Se non per quel piccolo particolare che, appunto, sono il partito di maggioranza, e a loro è in sorte fare le leggi e decidere le strade da seguire; sapere questa facoltà nella disposizione dei fanatici del colpo teso al posizionamento, dell’uso congressuale del referendum costituzionale o delle elezioni quirinalizie (ché quello fecero i centouno, giusto?), della ritorsione correntizia, non è proprio rassicurante.

Con altri, ormai più di un anno fa, abbiamo deciso di andarcene anche per quello; perché della peculiare responsabilità che vediamo in questi gesti di quanti chiamavano noi “irresponsabili” ne avevamo abbastanza. Fuori da lì c’è il mondo vero, quello che è un po’ stanco, per usare il più blando degli eufemismi, della pièce portata sul palcoscenico da chi dovrebbe, per mandato, pensare all’interesse generale. Ed è con quello che vogliamo confrontarci, sapendo che non sarà facile e agevole il cammino, ma pure con la consapevolezza che, per costruire qualcosa di nuovo, non esistono scorciatoie.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati