Se le danno di santa ragione. Come nel wrestling 

Minoranza e maggioranza dem se le danno di santa ragione, ma non come nella boxe, dove i colpi sono veri, diciamo più come nel wrestling, in cui da attacchi sferrati con apparente inaudita violenza non discende alcuna conseguenza.

L’ultimo match in ordi­ne di tem­po, e tale solo fino al pros­si­mo, è anda­to in sce­na dome­ni­ca: Gian­ni Cuper­lo vs Dario Fran­ce­schi­ni. No, non ho sba­glia­to il ver­bo; “in sce­na” descri­ve bene quel­lo è suc­ces­so. Per­ché sì, mino­ran­za e mag­gio­ran­za dem se le dan­no di san­ta ragio­ne, non c’è che dire, ma non come nel­la boxe, dove i col­pi sono veri, dicia­mo più come nel wre­stling, in cui da attac­chi sfer­ra­ti con appa­ren­te inau­di­ta vio­len­za non discen­de alcu­na con­se­guen­za.

Pren­dia­mo a model­lo il caso più recen­te. Il mini­stro del­la cul­tu­ra dice che usa­re le rifor­me costi­tu­zio­na­li per «but­ta­re giù Ren­zi», come sostie­ne stia facen­do la sini­stra inter­na, è «un atto con­tro il Pae­se». L’ex pre­si­den­te del Pd repli­ca affer­man­do che quel­le paro­le sono «l’espressione imba­raz­zan­te di una pro­fon­da diso­ne­stà poli­ti­ca e intel­let­tua­le». Ora, se uno si fer­mas­se a quan­to det­to, sten­te­reb­be a cre­de­re che dopo simi­li col­pi, fuor di meta­fo­ra e sul pia­no poli­ti­co, si pos­sa anco­ra esser par­te del­la stes­sa for­ma­zio­ne. Cioè, è sui voti di quel­li che addi­rit­tu­ra com­pio­no atti «con­tro il Pae­se» che Fran­ce­schi­ni con­fi­da per la tenu­ta del gover­no di cui fa par­te? E anco­ra, è a un ese­cu­ti­vo com­po­sto da espo­nen­ti di pri­mo pia­no capa­ci di «pro­fon­da diso­ne­stà poli­ti­ca e intel­let­tua­le» che Cuper­lo vota la fiducia?

Sin­ce­ra­men­te, sape­re qua­le sia lo sport, si fa per dire, a cui quel­li del par­ti­to di mag­gio­ran­za inten­da­no dar­si susci­ta in me tan­to inte­res­se che poco più è noia. Se non per quel pic­co­lo par­ti­co­la­re che, appun­to, sono il par­ti­to di mag­gio­ran­za, e a loro è in sor­te fare le leg­gi e deci­de­re le stra­de da segui­re; sape­re que­sta facol­tà nel­la dispo­si­zio­ne dei fana­ti­ci del col­po teso al posi­zio­na­men­to, dell’uso con­gres­sua­le del refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le o del­le ele­zio­ni qui­ri­na­li­zie (ché quel­lo fece­ro i cen­tou­no, giu­sto?), del­la ritor­sio­ne cor­ren­ti­zia, non è pro­prio rassicurante.

Con altri, ormai più di un anno fa, abbia­mo deci­so di andar­ce­ne anche per quel­lo; per­ché del­la pecu­lia­re respon­sa­bi­li­tà che vedia­mo in que­sti gesti di quan­ti chia­ma­va­no noi “irre­spon­sa­bi­li” ne ave­va­mo abba­stan­za. Fuo­ri da lì c’è il mon­do vero, quel­lo che è un po’ stan­co, per usa­re il più blan­do degli eufe­mi­smi, del­la piè­ce por­ta­ta sul pal­co­sce­ni­co da chi dovreb­be, per man­da­to, pen­sa­re all’interesse gene­ra­le. Ed è con quel­lo che voglia­mo con­fron­tar­ci, sapen­do che non sarà faci­le e age­vo­le il cam­mi­no, ma pure con la con­sa­pe­vo­lez­za che, per costrui­re qual­co­sa di nuo­vo, non esi­sto­no scor­cia­to­ie.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?