La sciocchezza del “voto utile”, perché non si può più votare PD

Il voto utile è la ninna nanna del populismo in salsa intellettuale, quello proprio di una forma centrosinistra che non si accorge di essere finita. Il “voto utile” è la versione democratica dell’ultimo giapponese a cui non hanno detto della fine della guerra.

Ecco­ci alla tiri­te­ra del voto uti­le. Dove rim­bom­ba di più è Mila­no ma sono mol­ti i comu­ni ita­lia­ni che si pre­pa­ra­no al voto in cui il cen­tro­cen­tro­cen­tro­si­ni­stra (di soli­to raf­faz­zo­na­to con i resi­dui di una sta­gio­ne ormai con­clu­sa) alza la voce per “non con­se­gna­re la cit­tà alla destra” oppu­re, meglio anco­ra, per­ché sareb­be (secon­do loro) “irre­spon­sa­bi­le divi­der­si”. Il voto uti­le è la nin­na nan­na del popu­li­smo in sal­sa intel­let­tua­le, quel­lo pro­prio di una for­ma cen­tro­si­ni­stra che non si accor­ge di esse­re fini­ta. Il “voto uti­le” è la ver­sio­ne demo­cra­ti­ca dell’ultimo giap­po­ne­se a cui non han­no det­to del­la fine del­la guerra.

Così a Mila­no, ad esem­pio, biso­gne­reb­be vota­re Sala “per non rega­la­re Mila­no a Sal­vi­ni” e fa nien­te se qual­cu­no tro­va discu­ti­bi­le qual­che posi­zio­ne del mana­ger che s’è fat­to cam­pa­gna elet­to­ra­le con l’Expo: “quel­li là sono peg­gio”, ci dico­no. Ma peg­gio di chi? Per­ché a vede­re qual­che fac­cia che spun­ta tra i soste­ni­to­ri di Bep­pe­Sa­la (scrit­to tut­to attac­ca­to per dare un sen­so di moder­ni­tà alle sto­ri­che clien­te­le) sem­bra che l’era Pisa­pia (che sareb­be meglio comin­cia­re a chia­ma­re con il suo nome, «l’era del­le spe­ran­ze per Pisa­pia») sia sta­ta un inci­den­te di percorso.

Ma non è que­sto il pun­to. La que­stio­ne poli­ti­ca è lapa­lis­sia­na, sem­pli­ce, qua­si bana­le: si può in que­sto Pae­se così osti­na­ta­men­te inna­mo­ra­to dal pote­re costi­tui­to fis­sa­re un linea di pota­bi­li­tà nei rap­por­ti con le altre for­ze poli­ti­che? E se sì, cosa altro ser­ve per rite­ne­re que­sto PD ormai indi­ge­ri­bi­le per chiun­que abbia a cuo­re un Pae­se ega­li­ta­rio, soli­da­le e giu­sto? Io cre­do che il dado sia sta­to trat­to da un pez­zo, alme­no dal momen­to in cui Pos­si­bi­le è diven­ta­ta un’oasi neces­sa­ria per con­ti­nua­re a fare politica.

Poi insie­me al voto uti­le entra in cam­po anche il fede­ra­li­smo pol­tro­ni­sta: ci dico­no che “sì, è vero che le poli­ti­che nazio­na­li di que­sto gover­no non pos­so­no esse­re con­di­vi­se ma qui (dove qui è una cit­tà qual­sia­si in cui si vote­rà dome­ni­ca nda) si può con­ti­nua­re un’esperienza loca­le”. E così a Mila­no si è pro­va­to a cari­ca­re i pisa­pia­ni in grop­pa a Sala. E guai se qual­cu­no pro­va a sot­to­li­nea­re come i pastroc­chi elet­to­ra­li di que­ste ammi­ni­stra­ti­ve rischia­no sem­pli­ce­men­te di esse­re gli uti­li idio­ti in appog­gio al PD. Con Sala ma con­tro Ren­zi, per il NO ma con un capo­li­sta che vote­rà SI oppu­re inven­tan­do­si una lista di sini­stra che è il lem­bo di un’alleanza destrorsa.

Sono anni che sen­to dire che “Pos­si­bi­le rom­pe le allean­ze dap­per­tut­to”. Ne bisbi­glia­no sot­to­vo­ce colo­ro che sogna­no di per­pe­tuar­si come eter­na mino­ran­za del­lo sta­tus quo. Lo dico­no a Mila­no dove Fra­to­ian­ni cor­re in appog­gio di una lista di sup­por­to a Sala e gli ex SEL si spac­ca­no. Lo dico­no quel­li (ne ha par­la­to Fas­si­na, ricor­da­te?) che a Roma avreb­be­ro volu­to fare la cia­bat­ta sini­stra di Gia­chet­ti. Che poi, a guar­dar­li bene, sono gli stes­si che dice­va­no che Civa­ti non aves­se il fega­to di usci­re dal PD. Sono loro, gli stes­si. Che se la pren­do­no per­ché non si tor­na a ele­mo­si­na­re da Ren­zi un bri­cio­lo di atten­zio­ne. Sono gli stessi.

Quel­li che non han­no anco­ra chia­ra la dif­fe­ren­za tra rom­pe­re e tene­re una posi­zio­ne. Anzi: quel­li che han­no come posi­zio­ne domi­nan­te il non scom­pa­ri­re. Ecco, no. Noi no.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.