Le barricate contro donne e bambini: quando a perdere siamo tutti noi

Le immagini che arrivano da Goro e Gorino, piccoli centri sul delta del Po ferrarese, fanno paura. A me fanno paura. Ieri sera alcuni cittadini dei due comuni hanno letteralmente alzato delle barricate con dei bancali per bloccare un “pullman carico di profughi”.

I profughi, per la precisione, erano venti: dodici donne e otto bambini. Nell’immaginario oramai corrotto da un’informazione indegna, sono diventati pericolosi clandestini. Da respingere, allontanare, tenere lontani dalle nostre comunità.

E così sono arrivate le barricate, costruite da giovani, anziani, donne. Che poi si sono seduti sui bancali e si sono messi in posa, per farsi fotografare, col sorriso. Forti loro, che respingono donne e bambini. Guardatele le foto e chiedetevi di cosa dobbiamo davvero avere paura.

Gli sbarchi di questi giorni ci raccontano che un’emergenza c’è, e non è dettata da dodici donne e da otto bambini, ma da morti in mare sempre più numerosi e da un sistema di accoglienza che si muove ancora su logiche emergenziali.

I morti in mare si moltiplicano.

L’emergenza sbarchi di cui tutti parlano è la stessa emergenza dell’anno scorso e di due anni fa (quindi una non-emergenza per definizione).

schermata-2016-10-25-alle-11-49-28
Fonte: Ministero dell’Interno.

Sono arrivate molte persone nel mese di ottobre, è vero, ma ne erano arrivate molte meno a settembre, rapportando ai dati del 2014. E così su dieci mesi il totale rispetto al 2014 varia di sole 2.676 persone. Eppure il nostro Paese non è stato capace di costruire un sistema di accoglienza all’altezza, ma ospita la larghissima parte dei richiedenti asilo e dei rifugiati (circa l’80%) in centri di accoglienza straordinari, spesso sovraffollati, spesso gestiti male, spesso disinteressati dal fornire strumenti di inclusione, contribuendo a loro volta a creare fantasmi e paure. Ma le esperienze virtuose esistono, funzionano benissimo e vanno solo replicate.

Se perdiamo la capacità di togliere il velo del cattivismo che offusca i dati, se non ci indigniamo più di fronte ai cadaveri nel Mediterraneo, se non siamo più nemmeno in grado di riconoscere i volti di donne e bambini, allora abbiamo perso tutto. E abbiamo perso tutti.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati