Lavoro, Maestri: Governo intervenga su precari Poste

#
“Poste italiane sta diventando una fabbrica di precari con politiche di assunzione inaccettabili. Raccogliendo la denuncia di migliaia di lavoratori, infatti, presenteremo un’interrogazione ai ministri Poletti e Padoan: è doveroso che il governo dia una spiegazione su quanto sta accadendo in una società che pure vanta utili importanti”. Lo dichiara il deputato di Sinistra italiana-Possibile, Andrea Maestri, annunciando un atto di sindacato ispettivo, sostenuto anche dal leader di Possibile, Pippo Civati.
 
“Stando a quanto ci è stato raccontato – aggiunge il parlamentare – migliaia di portalettere e smistatori vengono assunti da Poste italiane con contratti a tempo determinato reiterati. Questi lavoratori sono chiamati spesso a coprire assenze temporanee, ma altre volte rimpiazzano personale in uscita per pensionamenti. Insomma, occupano un ruolo che richiederebbe un contratto stabile. Invece, dopo 2 anni, i precari vengono rispediti a casa come fossero un pacco postale, a causa del mancato rinnovo. Il tutto per risparmiare sullo stipendio”. 
 
“La strategia delle Poste – conclude l’esponente di Possibile – non è nemmeno nuova. Tanti lavoratori, negli anni scorsi, hanno dovuto far ricorso alla via giudiziaria per vedersi riconosciuto il diritto al lavoro, mentre altri stanno ancora lottando. Il governo è chiamato a chiarire la vicenda”.
  • 231
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati