La voce della protesta, l’unica arma buona

Una rifor­ma sul pos­ses­so del­le armi negli Sta­ti Uni­ti. Chie­sta da un gran­de movi­men­to, una mas­sa cri­ti­ca for­ma­ta da miglia­ia di stu­den­ti pron­ti a far sen­ti­re la loro voce, l’u­ni­ca arma buo­na per que­sta mobi­li­ta­zio­ne. Oggi in piaz­za, con #Mar­ch­Fo­rOur­Li­ves, doma­ni nel­le urne del­le ele­zio­ni di mid-term. Per­ché quei ragaz­zi non pos­so­no più imma­gi­na­re di vede­re stra­vol­te le loro vite da paz­zi arma­ti che fan­no irru­zio­ne nel­le scuo­le, o comun­que in luo­ghi pub­bli­ci, e apro­no il fuo­co alla cie­ca, com­pien­do ter­ri­bi­li stra­gi. Pro­prio come è avve­nu­to lo scor­so 14 feb­bra­io a Par­kland, in Flo­ri­da. Una feri­ta impos­si­bi­le da rimar­gi­na­re: il bilan­cio di 17 vit­ti­me è il più gra­ve dall’inizio dell’anno. Gli stu­den­ti soprav­vis­su­ti han­no così deci­so di impe­gnar­si diret­ta­men­te e avvia­re una cam­pa­gna di infor­ma­zio­ne, par­lan­do con i loro coe­ta­nei ma anche con­fron­tan­do­si con i geni­to­ri. La sicu­rez­za che vie­ne chie­sta è quel­la dal­le armi, non con le armi. 

Il maca­bro con­teg­gio dei mor­ti negli Usa è un eser­ci­zio quo­ti­dia­no, un aggior­na­men­to sen­za fine. Un dato, tra i tan­ti, lascia il segno: solo a mar­zo ci sono sta­te 24 per­so­ne ucci­se da “inci­den­ti”, gli spa­ri non inten­zio­na­li. In media una vit­ti­ma “casua­le” al gior­no. Un son­dag­gio di Eve­ry­to­wn for Gun Safe­ty ha fat­to affio­ra­re un ele­men­to tut­to poli­ti­co: per la mag­gio­ran­za dei gio­va­ni (in età com­pre­sa tra i 15 e i 30 anni) la rifor­ma sul pos­ses­so di armi è una prio­ri­tà asso­lu­ta. E il 72% degli inter­vi­sta­ti si è det­to favo­re­vo­le al fat­to che i poli­ti­ci non meri­ta­no di esse­re elet­ti se non avvia­no ini­zia­ti­ve con­tro le mor­ti cau­sa­te dal­le armi. “Si sta ribel­lan­do, rifiu­tan­do que­sta real­tà, la gene­ra­zio­ne cre­sciu­ta con eser­ci­ta­zio­ni ‘spa­ra­tut­to’, con gli adul­ti che han­no rac­con­ta­to del­la neces­si­tà di pre­pa­rar­si a spa­ra­re”, ha spie­ga­to Isa­bel­le James, diret­tri­ce di Gif­fords, l’organizzazione che si bat­te con­tro la dif­fu­sio­ne di armi. Un avvi­so che ha un pre­ci­so desti­na­ta­rio: la Casa Bian­ca, dove sie­de Donald Trump che, in uno dei suoi impe­ti di irra­zio­na­li­tà, ha pro­po­sto di tra­sfor­ma­re gli inse­gnan­ti in vigi­lan­tes, met­ten­do nel­le loro tasche una pistola.

Il poten­te mes­sag­gio di #Mar­ch­Fo­rOur­Li­ves ha vali­ca­to i con­fi­ni ame­ri­ca­ni ed è arri­va­to anche in Ita­lia. A Mila­no i “Gio­va­ni per la pace” han­no annun­cia­to un flash­mob: sten­den­do­si a ter­ra voglio­no sim­bo­leg­gia­re quel che acca­de alle per­so­ne ucci­se nel­le spa­ra­to­rie. O in un omi­ci­dio avve­nu­to tra le mura dome­sti­che. Ed è un segna­le fon­da­men­ta­le, per­ché la ten­ta­zio­ne del gril­let­to faci­le cre­sce anche in Ita­lia: l’infatuazione del­la sicu­rez­za fai-da-te è in aumen­to, seguen­do l’ondata di destra che pre­di­ca la pisto­la in casa come deter­ren­te a fur­ti e rapi­ne. In que­ste ore si è ini­zia­ta la XVIII legi­sla­tu­ra, quel­la che vede pro­ta­go­ni­sti — come rac­con­ta un arti­co­lo di Car­mi­ne Gaz­zan­ni sull’ultimo nume­ro di Left - alcu­ni neo-par­la­men­ta­ri di cen­tro­de­stra che han­no assun­to un impe­gno: faci­li­ta­re l’accesso alle armi. Seguen­do il model­lo made in Usa, quel­lo che miglia­ia di gio­va­ni chie­do­no di abiurare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.