Uniamo i punti

apicella

Tra poco più di due mesi ci sarà il nostro secondo Congresso. Bisogna cominciare a chiedersi che congresso vogliamo.

Per prima cosa sarebbe bello se fosse un congresso libero, a ingresso libero, senza selezione all’entrata. Potranno intervenire tutti gli iscritti e quindi ogni iscritto a Possibile dovrebbe spingere più gente possibile ad iscriversi e a partecipare. Perché questo è il momento di aprire le nostre porte a nuove persone, a nuove idee e nuovi contributi.

Prima ancora di essere un partito, Possibile è sempre stato uno spazio di confronto. C’è tanta gente che ancora non lo sa e questa è l’occasione per farglielo sapere e per dimostrargli che è proprio così.

Sarebbe bello se fosse un congresso all’insegna del “No! Il dibattito no”.
Potremmo cercare di evitare i fiumi di parole, il prolasso delle prolusioni, il trionfo delle “implementazioni programmatiche” e delle “misure in cui”, l’ennesima analisi sulla crisi della sinistra, la quale probabilmente è in crisi anche per eccesso di analisi contraddittorie.

Non un congresso per tesi, né per mozioni e forse nemmeno per emozioni, ma un congresso orgogliosamente politico e non politicista, fatto soprattutto di questioni reali, di idee, di proposte concrete e progetti effettivamente realizzabili.

Sarebbe bello se ognuno parlasse del posto da cui viene, dei problemi grandi e piccoli che ci sono e di come pensa di contribuire a risolverli.

Sarebbe bello se ognuno sottoponesse agli altri il suo specifico punto, perché probabilmente sarà la linea in grado di unire quei punti a svelarci che forma avrà il nostro partito e la sinistra italiana del futuro.

  • 113
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati