La strada per un mondo accogliente e rispettoso di tutte, tutti e tutto

Tor­no da que­sta tre gior­ni vero­ne­se cari­ca di emo­zio­ni e esperienze.
Ma soprat­tut­to con­so­li­da­ta in una cer­tez­za: il mon­do rea­le è com­ple­ta­men­te fuo­ri dal­le logi­che e dal­la com­pren­sio­ne del­la poli­ti­ca. Non solo di quel­la roba retro­gra­da e inva­sa­ta che ha ani­ma­to il Con­gres­so Mon­dia­le del­la Fami­glia, ma anche a sini­stra, lar­ga­men­te intesa.
Che non solo è in ritar­do, ma è tal­men­te avvin­ghia­ta in logi­che sem­pre ugua­li, sem­pre ombe­li­ca­li, sem­pre cir­co­la­ri che non c’è pro­prio spe­ran­za che esca dal­la sua bol­la. Tut­ta maschi­le. Pro­fon­da­men­te maschi­le. Irre­ver­si­bil­men­te maschile.

In que­ste ulti­me set­ti­ma­ne ho pas­sa­to ogni momen­to del­la gior­na­ta al tele­fo­no, su ogni tipo di tre­no, in riu­nio­ni per por­ta­re avan­ti un pro­get­to ver­so le Euro­pee che decli­nas­se quel mon­do “rea­le” in pro­po­sta poli­ti­ca. Che ribal­tas­se tavo­li e logi­che. Che rea­liz­zas­se quel pro­ta­go­ni­smo fem­mi­ni­le oggi sem­pre più urgen­te, anzi necessario.
E se la rispo­sta ester­na al mon­do del­la poli­ti­ca è sta­ta straor­di­na­ria, den­tro la bol­la tut­to vie­ne inghiot­ti­to da sab­bie mobi­li primordiali.

Nel­la miglio­re del­le ipo­te­si il pro­ta­go­ni­smo del­le don­ne diven­ta­va “valo­riz­za­zio­ne del­le donne”.

Che si tra­du­ce in qual­che capo­li­sta don­na (sem­pre che non arri­vi un uomo “impor­tan­te”) o in una “cabi­na di regia” di don­ne, che poi però devo­no ren­de­re con­to a capi maschi. Nien­te di nuovo.
Ma mi sono sen­ti­ta anche dire che la mia era una “pro­po­sta discri­mi­na­to­ria”, altri si sono sen­ti­ti offe­si “come uomi­ni”.
Per non par­la­re di chi ti guar­da con la pro­fon­di­tà d’animo di chi guar­da un Mup­pe­ts che par­la svedese.

Quin­di insom­ma, la voglia di mol­la­re dopo un po’ ti viene.
Poi entri in un’assemblea come quel­la di sta­mat­ti­na, orga­niz­za­ta da Non Una Di Meno Vero­na in un ex capan­no­ne indu­stria­le sot­to un ponte.
Cen­ti­na­ia di don­ne da ogni par­te del mon­do. Argen­ti­na, Polo­nia, Roja­va, Sviz­ze­ra, Andor­re, Fran­cia, Andor­ra, Nica­ra­gua, Sta­ti Uni­ti, Bie­lo­rus­sia, Germania.
Lin­gue diver­se, eppu­re un’unica lingua.

La costru­zio­ne di un mon­do che sia pri­ma di tut­to acco­glien­te e rispet­to­so, di tut­te, tut­ti e tut­to. Dove cia­scu­na per­so­na abbia pari digni­tà di cit­ta­di­nan­za nel mon­do. Dove il rispet­to sia per le per­so­ne, per gli ani­ma­li, per l’ambiente.
Dove ci sia una poli­ti­ca che si pren­da cura, una “peda­go­gia fem­mi­ni­sta”, come l’ha chia­ma­ta Mar­ta Dil­lon, da con­trap­por­re alla “peda­go­gia del patriar­ca­to”, quel­la fat­ta di ste­reo­ti­pi, musco­li, di rap­por­ti di for­za, di domi­nio, di oppres­sio­ne, di ruo­li pre­co­sti­tui­ti, di noi e di loro, di omo­lo­ga­zio­ne e rifiu­to di tut­to ciò che è diver­so dal model­lo, di distru­zio­ne ambien­ta­le, di sac­cheg­gio di risor­se, di ridu­zio­ne in schia­vi­tù, di guer­re e di con­qui­ste. Da mil­len­ni uguale.

In ogni par­te mon­do sono sem­pre più sot­to attac­co per­so­ne per­se­gui­ta­te, umi­lia­te, discri­mi­na­te per quel­lo che sono.
Usa­te e abu­sa­te, come oggetti.
Don­ne, trans, migran­ti, disa­bi­li, omo­ses­sua­li, tra­ve­sti­ti e chiun­que non rispon­da al model­lo con­ge­nia­le alla socie­tà maschi­le e patriarcale.
Ma in ogni par­te del mon­do si sta alzan­do la testa, anche dove è più dif­fi­ci­le, anche dove si paga con la vita, anche dove ci si sen­te sole.
Ma sia­mo sole fin­ché non ci incon­tria­mo, fin­ché non tro­via­mo il corag­gio di alza­re la voce e di reg­ge­re lo sguar­do, che per mil­len­ni ci han­no inse­gna­to a tene­re basso.

E così sco­pria­mo di esse­re tan­te e tan­ti, in una lot­ta glo­ba­le, ver­so un pre­sen­te che è già futu­ro e che sta a cia­scu­na e cia­scu­no di noi deci­de­re di costruire.

E ora, su un enne­si­mo tre­no che mi ripor­ta a casa, mi dico che non so quan­to ci vor­rà, ma che la stra­da è quel­la giu­sta. E sono deter­mi­na­ta a non tor­na­re indie­tro. So di non esse­re sola.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.