La sinistra radicale alleata di Alfano

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491465871724{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Qualche gior­no fa abbia­mo chia­ri­to che rite­ne­va­mo sba­glia­ta la scel­ta del Sin­da­co Orlan­do di far­si soste­ne­re dal par­ti­to del­la nazio­ne. Ave­va­mo invi­ta­to tut­ta la sini­stra a pren­de­re posi­zio­ne sul tema per­ché per esse­re cre­di­bi­li non si può valu­ta­re quan­to acca­de a Paler­mo come pri­vo di con­se­guen­ze nazionali.

A qual­che mese dal­le regio­na­li sici­lia­ne, nel­la cit­tà capo­luo­go si cemen­ta un’al­lean­za che por­ta ad una lista uni­ca PD/Alfano con la bene­di­zio­ne di  tut­ti i colon­nel­li loca­li. Le for­ze del­la sini­stra ave­va­no a nostro avvi­so il dove­re poli­ti­co e mora­le di smar­car­si ed offri­re ai sici­lia­ni un’al­ter­na­ti­va a que­sto sche­ma. Uno sche­ma spe­ri­men­ta­to a Paler­mo che vedrà la sua con­sa­cra­zio­ne alle pros­si­me regio­na­li con un accor­do che rischia di esse­re anco­ra più este­so se, come auspi­ca Cuf­fa­ro, ci sarà per­si­no la con­ver­gen­za di FI.

Pur­trop­po, nono­stan­te le roboan­ti paro­le di Fer­re­ro al con­gres­so di Rifon­da­zio­ne Comu­ni­sta, “mai allean­ze con il PD”, anco­ra una vol­ta local­men­te rischia di pre­va­le­re la voglia di giu­sti­fi­ca­re tut­to pur di poter sod­di­sfa­re i pru­ri­ti asses­so­ria­li di qual­che diri­gen­te. Solo in que­sto modo è leg­gi­bi­le il tri­plo sal­to car­pia­to con cui la diri­gen­za loca­le di RC non solo giu­sti­fi­ca l’al­lean­za con PD ed Alfa­no, ma chie­de a Pos­si­bi­le di chia­ri­re la sua posi­zio­ne.

Al Segre­ta­rio Pro­vin­cia­le Fumet­ta rispon­dia­mo che la nostra posi­zio­ne è chia­ra da tem­po e non pre­ve­de il soste­gno a que­sto gene­re di ope­ra­zio­ni. La coe­ren­za vie­ne pri­ma del­la neces­si­tà di acco­mo­dar­si su qual­che pol­tro­na, la voglia di costrui­re una pro­po­sta cre­di­bi­le e di sini­stra vie­ne pri­ma del­le car­rie­re personali.

Se Rifon­da­zio­ne è il par­ti­to che si iden­ti­fi­ca nel­la rela­zio­ne di Fer­re­ro allo­ra, come abbia­mo det­to, ci sono le por­te spa­lan­ca­te per un lavo­ro comu­ne. Se inve­ce pre­va­le il gat­to­par­di­smo del segre­ta­rio pro­vin­cia­le di Paler­mo e l’o­pa­ci­tà del­la sua posi­zio­ne allo­ra cre­dia­mo non ci sarà un ter­re­no di confronto.

Per rico­strui­re a sini­stra ser­vo­no posi­zio­ni lim­pi­de e cri­stal­li­ne, ser­ve la capa­ci­tà di offri­re soprat­tut­to al sud una poli­ti­ca diver­sa e miglio­re. Noi pro­ve­re­mo a fare que­sto e  con orgo­glio riven­di­chia­mo la nostra tota­le indi­spo­ni­bi­li­tà a soste­ne­re que­sto gene­re di ope­ra­zio­ni a tut­ti i livelli.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.