La sinistra che insegue la destra (e mai il contrario)

C’è una sini­stra — si fa per dire — che inse­gue la destra, è quel­la che ha gover­na­to per tut­ta la scor­sa legi­sla­tu­ra adot­tan­do poli­ti­che che han­no aper­to la stra­da a ciò che è segui­to e con cui abbia­mo a che fare oggi. In que­sta esta­te domi­na­ta dal tema migran­ti, il Pd ha pro­se­gui­to con con­vin­zio­ne que­sta stra­da, e anco­ra nel­le ulti­me ore ha riven­di­ca­to con Gen­ti­lo­ni, Mora­ni e altri la mag­gio­re effi­ca­cia di Min­ni­ti nel­l’au­men­ta­re i rim­pa­tri e fer­ma­re i soc­cor­si in mare, pro­prio men­tre la Libia diven­ta un tea­tro di guer­ra come segno che l’in­te­sa tan­to ricer­ca­ta dal­l’I­ta­lia sia da que­sto che dai gover­ni pre­ce­den­ti era frut­to quan­to meno di una pes­si­ma intel­li­gen­ce, a star bas­si. Si pote­va impo­sta­re un lavo­ro lun­go cin­que anni di buo­na acco­glien­za, di gestio­ne del­le cose in quel cli­ma di nor­ma­li­tà che smen­tis­se tut­te le tesi del­la destra: che l’im­mi­gra­zio­ne sia un feno­me­no emer­gen­zia­le e non strut­tu­ra­le, che gli immi­gra­ti sia­no fon­te di disa­gio socia­le e delin­quen­za, ipo­te­si smen­ti­te da tut­te le sta­ti­sti­che, che sia insom­ma in atto un’in­va­sio­ne. Si è scel­to inve­ce di ali­men­ta­re que­sto fuo­co, fin­ché non è divam­pa­to un incen­dio e non se ne è per­so il con­trol­lo, e con esso le elezioni.

Ma c’è poi un’al­tra sini­stra, che inse­gue la destra. È una sini­stra che accu­sa il Pd di que­sta pra­ti­ca, ma nei fat­ti si alli­nea e a vol­te si spin­ge un po’ più in là arri­van­do a par­la­re di sovra­ni­smo, masche­ra­to con for­mu­le tipo “patriot­ti­smo costi­tu­zio­na­le”, come se al mon­do e nel­la sto­ria esi­stes­se­ro esem­pi vir­tuo­si di nazio­na­li­smi che non han­no por­ta­to a limi­ta­zio­ni del­le liber­tà civi­li, allo sfrut­ta­men­to, alla dit­ta­tu­ra, all’o­dio e alla pover­tà. Tra poche set­ti­ma­ne è mol­to pro­ba­bi­le che il tema del­l’im­mi­gra­zio­ne dimi­nui­sca d’im­por­tan­za, nel dibat­ti­to pub­bli­co, sia per un fat­to­re sta­gio­na­le, sia per­ché il nostro Pae­se appa­re più debo­le che mai, dal pun­to di vista eco­no­mi­co, pro­prio in vista del­la discus­sio­ne sul­la pros­si­ma finan­zia­ria. I soste­ni­to­ri del­la cor­ren­te di pen­sie­ro che ritie­ne il debi­to pub­bli­co un fat­to­re alea­to­rio, al pari del­la mone­ta, stan­no già pre­pa­ran­do­si a dare la col­pa ai mer­ca­ti cat­ti­vi, all’Eu­ro­pa e alla Ger­ma­nia. Anche a sini­stra. Ma, al net­to di isti­tu­zio­ni euro­pee che in que­sti anni non sono cer­to sta­te ammi­ni­stra­te da sini­stra e nel segno del­l’e­qui­tà, il nostro Pae­se ha un biso­gno non dif­fe­ri­bi­le di ven­de­re tito­li di Sta­to per soste­ne­re il pro­prio debi­to, ed è un biso­gno che si ripe­te di mese in mese, con­ti­nua­men­te, e che por­ta a una doman­da mol­to sem­pli­ce: inve­sti­re­ste voi i vostri rispar­mi in que­sto Pae­se, in que­sto momen­to? Il gover­no Con­te — par­don — il gover­no pen­ta­le­ghi­sta, vi resti­tui­sce una sen­sa­zio­ne di affi­da­bi­li­tà, di soli­di­tà, dare­ste con fidu­cia quel che ave­te rispar­mia­to a Sal­vi­ni o a Di Maio sapen­do che lo faran­no frut­ta­re? La rispo­sta è sem­pli­cis­si­ma, ed è nega­ti­va, altro che mer­ca­ti cattivi. 

Ora, a riflet­te­re un momen­to appa­re ben curio­so, que­sto feno­me­no: quan­do mai, nel­la sto­ria recen­te o anche in quel­la pas­sa­ta, è acca­du­to di vede­re la destra inse­gui­re la sini­stra? Anche nei momen­ti in cui la destra è anda­ta in cri­si, soprat­tut­to per la con­cor­ren­za inter­na del pen­sie­ro libe­ri­sta, anche quan­do è sta­ta lun­ga­men­te all’op­po­si­zio­ne, si è mai vista la Lega apri­re un bel dibat­ti­to sul­la neces­si­tà di aggior­na­re il pro­prio pen­sie­ro sui dirit­ti, sul­la demo­cra­zia, sui valo­ri repub­bli­ca­ni? No, non si è mai visto, anzi se pos­si­bi­le la destra quan­do è mino­ran­za nel­le isti­tu­zio­ni radi­ca­liz­za la pro­pria posi­zio­ne, riva­lu­ta il fon­da­men­to del pro­prio pen­sie­ro, e sem­mai tro­va un modo per ripro­por­lo in una veste nuo­va, il tut­to men­tre imman­ca­bil­men­te si dibat­te sul supe­ra­men­to dei con­cet­ti stes­si di destra a sini­stra (ora non se ne dibat­te più, chis­sà per­ché). Così la Lega degli ini­zi nac­que sul­l’in­tui­zio­ne di masche­ra­re un impian­to sostan­zial­men­te raz­zi­sta con il loca­li­smo — e la sini­stra, pron­ta­men­te, diven­ne auto­no­mi­sta e loca­li­sta — e in que­sti ulti­mi anni si è rein­ven­ta­ta supe­ran­do il lega­me geo­gra­fi­co per dive­ni­re un par­ti­to più sem­pli­ce­men­te di destra tra­di­zio­na­le, come altri ve ne sono in giro per l’Eu­ro­pa. Non ha “fat­to la sini­stra”, e il moti­vo è sem­pli­ce: per­ché sareb­be sta­ta una cosa stu­pi­da, incoe­ren­te agli occhi di chiun­que, e non si capi­sce quin­di per­ché sareb­be inve­ce intel­li­gen­te far­lo da sini­stra. Si è rein­ven­ta­ta e all’i­ni­zio lo ha fat­to — gio­va ricor­dar­lo a pro­po­si­to del­la abi­tua­le com­pli­ca­zio­ne degli affa­ri sem­pli­ci — indos­san­do una fel­pa. Una fel­pa: alla fac­cia di tut­ti i dibat­ti­ti e gli elze­vi­ri pensosi.

Non si capi­sce, per­tan­to — e non è una ten­den­za alla qua­le voglia­mo ras­se­gnar­ci — per­ché la sini­stra inve­ce sia sem­pre all’in­se­gui­men­to: lo è quan­do gover­na, per­ché si spo­sta di là soprat­tut­to sot­to il pro­fi­lo del­le poli­ti­che eco­no­mi­che, ammic­can­do ai pote­ri for­ti, e ancor più quan­do è all’op­po­si­zio­ne, quan­do improv­vi­sa­men­te tra i suoi lea­der e per­si­no tra i suoi mili­tan­ti par­te un dibat­ti­to sul­la neces­si­tà di capi­re le ragio­ni “del­la pan­cia” del­l’e­let­to­ra­to che ha scel­to la destra, dove per “capi­re” si inten­de imman­ca­bil­men­te “spo­sa­re”. Il pro­ces­so, peral­tro, risul­ta anche mol­to como­do allo sco­po di archi­via­re sen­za dover affron­ta­re fino in fon­do gli erro­ri che si sono fat­ti al giro pre­ce­den­te. “Abbia­mo gover­na­to bene, ma non abbia­mo capi­to l’a­ria che tira­va, dob­bia­mo alli­near­ci allo spi­ri­to dei tem­pi”: un pen­sie­ro debo­lis­si­mo, che si sdra­ia su quel­lo avver­so o al mas­si­mo bal­bet­ta di fron­te a quel­lo for­te degli avver­sa­ri. E quan­do un pen­sie­ro debo­le, che cede sui pro­pri valo­ri inca­pa­ce di difen­der­li, incon­tra un pen­sie­ro for­te, beh, la fine è nota. Così dav­ve­ro, come dice­va quel tale, non ce la fare­mo mai. Ed è anche mol­to como­do: mol­to più sem­pli­ce far così che dover ammet­te­re gli erro­ri, e non ammet­te­re gli erro­ri con­sen­te a tut­ti di far­si un altro giro, e poi un altro anco­ra, e avan­ti all’in­fi­ni­to. Mol­to più como­do ade­guar­si al sen­ti­men­to comu­ne, anche quan­do è ter­ri­bi­le, che costruir­ne uno nuo­vo e lavo­ra­re per far­lo diven­ta­re pre­do­mi­nan­te. Più como­do, ma anche, tra­gi­ca­men­te, fallimentare.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?