La riforma del lavoro in Spagna è davvero una soluzione?

I primi risultati della riforma del lavoro introdotta dal Real Decreto-ley 32/2021 fanno sperare in un passo avanti verso il superamento della radicata precarietà lavorativa della Spagna. A pochi mesi dall’approvazione del decreto, si sono verificati infatti ottimi risultati in termini di crescita delle assunzioni con contratto a tempo indeterminato, che sono passate dall’essere il 10% del totale (dicembre 2021) al 48% in aprile. Questi sono indubbiamente dati positivi che però vanno valutati attentamente, senza lasciarsi andare ad eccessivi entusiasmi.

di Lin­da Bardho

I pri­mi risul­ta­ti del­la rifor­ma del lavo­ro intro­dot­ta dal Real Decre­to-ley 32/2021 fan­no spe­ra­re in un pas­so avan­ti ver­so il supe­ra­men­to del­la radi­ca­ta pre­ca­rie­tà lavo­ra­ti­va del­la Spagna.

A pochi mesi dall’approvazione del decre­to, si sono veri­fi­ca­ti infat­ti otti­mi risul­ta­ti in ter­mi­ni di cre­sci­ta del­le assun­zio­ni con con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to, che sono pas­sa­te dall’essere il 10% del tota­le (dicem­bre 2021) al 48% in aprile.

Que­sti sono indub­bia­men­te dati posi­ti­vi che però van­no valu­ta­ti atten­ta­men­te, sen­za lasciar­si anda­re ad ecces­si­vi entu­sia­smi, come affer­ma anche Fran­ce­sco Seghez­zi, Pre­si­den­te Fon­da­zio­ne ADAPT; Seghez­zi ha osser­va­to come qua­si la metà dei nuo­vi con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to sia­no filo-discon­ti­nui, cioè stagionali.

Ad ogni modo, un suc­ces­so indi­scu­ti­bi­le del­la rifor­ma spa­gno­la risie­de sicu­ra­men­te nel fre­no posto ai con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to più bre­vi, i cosid­det­ti mini-job (tipo­lo­gia che in Ita­lia è mol­to dif­fu­sa), che si sono ridot­ti drasticamente.

La leg­ge, discus­sa per ben 9 mesi con le par­ti socia­li, con­fer­ma il con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to come rego­la, e per­met­te la pos­si­bi­li­tà di appor­re un ter­mi­ne al rap­por­to di lavo­ro solo in due casi: per esi­gen­ze pro­dut­ti­ve e per la sosti­tu­zio­ne di altri lavo­ra­to­ri; Il ter­mi­ne non può supe­ra­re la dura­ta di sei mesi in caso di situa­zio­ni impre­ve­di­bi­li (ele­va­ta ad un anno qua­lo­ra pre­vi­sto dal­la con­trat­ta­zio­ne col­let­ti­va) men­tre in caso di pic­chi pre­ve­di­bi­li e limi­ta­ti del­la pro­du­zio­ne non può ecce­de­re i 90 giorni.

Per garan­ti­re il rispet­to di tali limi­ti si è intro­dot­to un obbli­go di tra­sfor­ma­zio­ne del con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to qua­lo­ra il lavo­ra­to­re sia sta­to alle dipen­den­ze del­la stes­sa azien­da per più di 18 mesi con con­trat­to a termine.

Al con­tem­po, ven­go­no estin­ti i con­tra­to para obra o ser­vi­cio determinado.

Que­sto qua­dro nor­ma­ti­vo ci por­ta ine­vi­ta­bil­men­te ad un con­fron­to con la rifor­ma ope­ra­ta dal nostro Decre­to Digni­tà, che con­sen­te la libe­ra sti­pu­la­zio­ne di un con­trat­to a ter­mi­ne per un mas­si­mo di 12 mesi, ele­va­ta a 24 (per un mas­si­mo di 4 pro­ro­ghe) in pre­sen­za di spe­ci­fi­che con­di­zio­ni (per esi­gen­ze tem­po­ra­nee e ogget­ti­ve, estra­nee all’ordinaria atti­vi­tà; per sosti­tu­zio­ne di lavo­ra­to­ri assen­ti; esi­gen­ze con­nes­se a incre­men­ti tem­po­ra­nei, non pro­gram­ma­bi­li dell’attività pro­dut­ti­va; fino al 30 set­tem­bre 2022 anche per esi­gen­ze indi­vi­dua­te dai con­trat­ti collettivi).

Ana­liz­zan­do i risul­ta­ti del Decre­to Digni­tà, ad un anno dall’approvazione, fon­ti INPS e ISTAT han­no rile­va­to un segna­le posi­ti­vo nel nostro mer­ca­to del lavo­ro, ma sicu­ra­men­te non suf­fi­cien­te per par­la­re di un cam­bia­men­to signi­fi­ca­ti­vo del­lo stesso.

I dati, nell’ambito di un livel­lo di occu­pa­zio­ne sta­bi­le, han­no regi­stra­to un aumen­to dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to, dovu­to anche all’effetto del­le 655 mila tra­sfor­ma­zio­ni di con­trat­ti a ter­mi­ne. Emer­ge chia­ra­men­te l’effetto pre­po­sto dal decre­to, ossia il por­ta­re i dato­ri di lavo­ro ad acce­le­ra­re le tra­sfor­ma­zio­ni dei rap­por­ti a ter­mi­ne in con­trat­ti stabili.

Fon­te: Rap­por­to annua­le INPS XVII

Duran­te la pan­de­mia, con la par­zia­le sospen­sio­ne dei vin­co­li intro­dot­ti dal Decre­to Digni­tà, si è veri­fi­ca­ta un’esplosione dei con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to. Secon­do i dati dell’Osservatorio sul Pre­ca­ria­to dell’INPS, nel cor­so del 2021 il sal­do tra le nuo­ve assun­zio­ni e le ces­sa­zio­ni è sta­to di 636.000 uni­tà, del­le qua­li solo 178.000 a tem­po inde­ter­mi­na­to a fron­te di una varia­zio­ne posi­ti­va di ben 275.000 uni­tà per i rap­por­ti a tem­po deter­mi­na­to. Que­sto dimo­stra che il Decre­to Digni­tà, con tut­ti i suoi limi­ti, ha sicu­ra­men­te costi­tui­to un fil­tro all’utilizzo indi­scri­mi­na­to del con­trat­to a tem­po determinato.

Se voglia­mo ope­ra­re una com­pa­ra­zio­ne, le due rifor­me han­no quin­di un approc­cio diver­so al pro­ble­ma del­la pre­ca­rie­tà: quel­la spa­gno­la limi­ta i con­trat­ti più bre­vi men­tre quel­la ita­lia­na si con­cen­tra sui con­trat­ti più lun­ghi; que­sto com­por­ta rispet­ti­va­men­te una dimi­nu­zio­ne dei mini-jobs in Spa­gna e un aumen­to del­le tra­sfor­ma­zio­ni dei con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to in Italia.

Guar­dan­do ai risul­ta­ti otte­nu­ti, pos­sia­mo nutri­re dub­bi sul­la sta­bi­li­tà di quei lavo­ra­to­ri sta­gio­na­li che la Spa­gna con­ta tra i tem­pi inde­ter­mi­na­ti, i cosid­det­ti fijo-discon­ti­nuo, la cui discon­ti­nui­tà sem­bra con­fi­gu­ra­re più un rap­por­to eter­na­men­te precario.

Un ulte­rio­re inter­ro­ga­ti­vo si pone di fron­te ad un altro dato rela­ti­vo al pri­mo tri­me­stre spa­gno­lo; si trat­ta del­la dimi­nu­zio­ne degli impie­ghi a tem­po pie­no e del con­te­stua­le aumen­to dei con­trat­ti part time del 42%. Nel com­ples­so si pos­so­no quin­di nutri­re per­ples­si­tà sugli effet­ti del­la rifor­ma spa­gno­la e sarà solo il tem­po a sve­lar­ci se que­sto cam­bio di rot­ta nel mer­ca­to del lavo­ro por­te­rà all’auspicato supe­ra­men­to del­la “vera” precarietà.

Que­sti ele­men­ti sug­ge­ri­sco­no che non neces­sa­ria­men­te copia­re in bloc­co la nor­ma­ti­va di altri sta­ti com­por­ta dei bene­fi­ci: i dati pro­cla­ma­ti a gran voce dal­la poli­ti­ca e rilan­cia­ti dal­la stam­pa, se guar­da­ti atten­ta­men­te, mostra­no come mol­ti dei nuo­vi con­trat­ti “sta­bi­li” riguar­di­no lavo­ra­to­ri impe­gna­ti part ‑time oppu­re sta­gio­nal­men­te. Sono trat­ti que­sti che dif­fi­cil­men­te rispec­chia­no la sta­bi­li­tà per­se­gui­ta dai lavo­ra­to­ri, quel­la che per­met­te una vita dignitosa.

Uno spun­to inte­res­san­te da adot­ta­re del­la rifor­ma spa­gno­la è inve­ce la ridu­zio­ne a sei mesi del ter­mi­ne mas­si­mo con­sen­ti­to per un con­trat­to a tem­po deter­mi­na­to, un tem­po più che suf­fi­cien­te per con­sen­ti­re all’imprenditore di affron­ta­re un pic­co pre­ve­di­bi­le o incre­men­ti non pro­gram­ma­bi­li del­la pro­du­zio­ne, con­si­de­ra­to che per quei set­to­ri con esi­gen­ze sta­gio­na­li, esi­sto­no i rela­ti­vi contratti.

In Ita­lia, infat­ti, la ridu­zio­ne del­la dura­ta mas­si­ma dei con­trat­ti a ter­mi­ne da 36 a 24 mesi non ha pro­dot­to un signi­fi­ca­ti­vo aumen­to nel­le assun­zio­ni a tem­po inde­ter­mi­na­to poi­ché ha lascia­to anco­ra tan­ta liber­tà ai dato­ri di lavo­ro nel ricor­so allo strumento.

 

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.