La retromarcia della sinistra che insegue le destre

Passo dopo passo, ordinanza dopo ordinanza, il campo della sinistra - con alcune eccezioni - ha ceduto alla peggiore retorica leghista, naturalmente adottando toni gentili, cortesi e civili, ma senza il coraggio di imporre un proprio pensiero autonomo. Erano gli anni delle ordinanze antikebab e antiphone-center, delle insegne etniche che non vanno bene, e di un sacco di amenità varie.

Per chi è cre­sciu­to a nord del Po, la retro­mar­cia cul­tu­ra­le del­la sini­stra non è una novi­tà. Sono anni che l’in­se­gui­men­to del­la Lega Nord da par­te dei cosid­det­ti pro­gres­si­sti ha gene­ra­to, a quel­le lati­tu­di­ni, veri e pro­pri mostri:

La Lega è pron­ta a orga­niz­za­re asso­cia­zio­ni «con cen­ti­na­ia di volon­ta­ri», chie­den­do l’autorizzazione al pre­fet­to per fare le ron­de pre­vi­ste dal decre­to del gover­no. Anzi: non ron­de ma «pre­si­di dei cit­ta­di­ni», come le chia­ma il sin­da­co Leti­zia Morat­ti. Il pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia, Filip­po Pena­ti, susci­tan­do mol­ti imba­raz­zi a sini­stra, rilan­cia con un ban­do di 250mila euro per i Comu­ni che voglio­no organizzarle.

Un imba­raz­zo desti­na­to a sva­ni­re in fret­ta, dato che lo stes­so Filip­po Pena­ti fu can­di­da­to pre­si­den­te del­la Regio­ne Lom­bar­dia nel 2010.

Pas­so dopo pas­so, ordi­nan­za dopo ordi­nan­za, il cam­po del­la sini­stra — con alcu­ne ecce­zio­niha cedu­to alla peg­gio­re reto­ri­ca leghi­sta, natu­ral­men­te adot­tan­do toni gen­ti­li, cor­te­si e civi­li, ma sen­za il corag­gio di impor­re un pro­prio pen­sie­ro auto­no­mo. Era­no gli anni del­le ordi­nan­ze anti­ke­babanti­pho­ne-cen­ter, del­le inse­gne etni­che che non van­no bene, e di un sac­co di ame­ni­tà varie. Era­no gli anni del­la sicu­rez­za, impo­sta con la for­za e non costrui­ta nei quar­tie­ri, dei mili­ta­ri per le stra­de e non del­la con­di­vi­sio­ne del­le piazze.

Nul­la è cam­bia­to, anzi. E se pri­ma era neces­sa­rio spo­star­si a nord del Po, oggi il man­tra del­la sicu­rez­za è arri­va­to nel­la ros­sa Bolo­gna. Dopo mesi in cui Vir­gi­nio Mero­la ha fat­to pra­ti­ca, il bal­lot­tag­gio con Lucia Bor­gon­zo­ni (Lega Nord) ha pro­dot­to que­sta cosa qui:

Schermata 2016-06-21 alle 15.11.59

«Dob­bia­mo fare nostra la paro­la sicu­rez­za, dob­bia­mo dimo­stra­re coi fat­ti che è una paro­la di sini­stra, dob­bia­mo sot­trar­la al ran­co­re del­la Lega Nord», si leg­ge nel­l’ar­ti­co­lo pub­bli­ca­to sul Cor­rie­re di Bolo­gna: biso­gna dar­ci un po’ di cera e ren­der­la pota­bi­le, insom­ma. Ma la sostan­za non cam­bia.

Noi stia­mo dal­l’al­tra par­te. La par­te che costrui­sce con­vi­ven­za e che abi­ta i quar­tie­ri. La par­te dei dirit­ti e non del­le ordi­nan­ze. Sia­mo di fron­te all’en­ne­si­ma dimo­stra­zio­ne del­lo smar­ri­men­to cul­tu­ra­le di quel­la che una vol­ta chia­ma­va­mo sini­stra, inca­pa­ce di far­si cari­co del­le clas­si debo­li del­la socie­tà, da pro­teg­ge­re e da orga­niz­za­re col­let­ti­va­men­te con­tro le éli­tes di ogni sor­ta, con­tro il fami­ge­ra­to 1%. Una sini­stra che si fa essa stes­sa espres­sio­ne del­le for­zi dominanti.

Così lo stra­nie­ro diven­ta, per tut­ti, nemi­co da com­bat­te­re, per­ché para­dig­ma del­le pau­re e del­le insi­cu­rez­ze del­la popo­la­zio­ne. Che distin­zio­ne rea­le può esi­ste­re tra una sini­stra (qua­le sini­stra?) così pen­sa­ta e le destre? Che fun­zio­ne svol­ge que­sta sini­stra? Che pro­gres­so potrà mai por­ta­re se è lo stes­so pro­gres­so che han­no in men­te le destre, solo più educato?

Eri­ka Capasso

Ste­fa­no Catone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.