La retromarcia della sinistra che insegue le destre

Per chi è cresciuto a nord del Po, la retromarcia culturale della sinistra non è una novità. Sono anni che l’inseguimento della Lega Nord da parte dei cosiddetti progressisti ha generato, a quelle latitudini, veri e propri mostri:

La Lega è pronta a organizzare associazioni «con centinaia di volontari», chiedendo l’autorizzazione al prefetto per fare le ronde previste dal decreto del governo. Anzi: non ronde ma «presidi dei cittadini», come le chiama il sindaco Letizia Moratti. Il presidente della Provincia, Filippo Penati, suscitando molti imbarazzi a sinistra, rilancia con un bando di 250mila euro per i Comuni che vogliono organizzarle.

Un imbarazzo destinato a svanire in fretta, dato che lo stesso Filippo Penati fu candidato presidente della Regione Lombardia nel 2010.

Passo dopo passo, ordinanza dopo ordinanza, il campo della sinistra – con alcune eccezioniha ceduto alla peggiore retorica leghista, naturalmente adottando toni gentili, cortesi e civili, ma senza il coraggio di imporre un proprio pensiero autonomo. Erano gli anni delle ordinanze antikebabantiphone-center, delle insegne etniche che non vanno bene, e di un sacco di amenità varie. Erano gli anni della sicurezza, imposta con la forza e non costruita nei quartieri, dei militari per le strade e non della condivisione delle piazze.

Nulla è cambiato, anzi. E se prima era necessario spostarsi a nord del Po, oggi il mantra della sicurezza è arrivato nella rossa Bologna. Dopo mesi in cui Virginio Merola ha fatto pratica, il ballottaggio con Lucia Borgonzoni (Lega Nord) ha prodotto questa cosa qui:

Schermata 2016-06-21 alle 15.11.59

«Dobbiamo fare nostra la parola sicurezza, dobbiamo dimostrare coi fatti che è una parola di sinistra, dobbiamo sottrarla al rancore della Lega Nord», si legge nell’articolo pubblicato sul Corriere di Bologna: bisogna darci un po’ di cera e renderla potabile, insomma. Ma la sostanza non cambia.

Noi stiamo dall’altra parte. La parte che costruisce convivenza e che abita i quartieri. La parte dei diritti e non delle ordinanze. Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione dello smarrimento culturale di quella che una volta chiamavamo sinistra, incapace di farsi carico delle classi deboli della società, da proteggere e da organizzare collettivamente contro le élites di ogni sorta, contro il famigerato 1%. Una sinistra che si fa essa stessa espressione delle forzi dominanti.

Così lo straniero diventa, per tutti, nemico da combattere, perché paradigma delle paure e delle insicurezze della popolazione. Che distinzione reale può esistere tra una sinistra (quale sinistra?) così pensata e le destre? Che funzione svolge questa sinistra? Che progresso potrà mai portare se è lo stesso progresso che hanno in mente le destre, solo più educato?

Erika Capasso

Stefano Catone
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati