#Bookbombing Report! Un sacco di pacchi con l’uguale dentro e fuori

Lo scorso maggio abbiamo aderito ad “Un libro per accogliere”, l’iniziativa lanciata, nella trasmissione televisiva “Pane Quotidiano”, da Concita de Gregorio in collaborazione con i centri SPRAR, per la raccolta e distribuzione di libri da destinare ai migranti ospiti dei centri di accoglienza.

 

Lo scor­so mag­gio abbia­mo ade­ri­to ad “Un libro per acco­glie­re”, l’iniziativa lan­cia­ta, nel­la tra­smis­sio­ne tele­vi­si­va “Pane Quo­ti­dia­no”, da Con­ci­ta de Gre­go­rio in col­la­bo­ra­zio­ne con i cen­tri SPRAR, per la rac­col­ta e distri­bu­zio­ne di libri da desti­na­re ai migran­ti ospi­ti dei cen­tri di accoglienza.

Mol­ti comi­ta­ti di Pos­si­bi­le, gene­ro­si e soli­da­li come sem­pre, han­no così dato vita con entu­sia­smo alla cam­pa­gna di rac­col­ta libri da invia­re alla reda­zio­ne di Pane Quo­ti­dia­no, nel­la con­vin­zio­ne che acco­glien­za e inte­gra­zio­ne deb­ba­no anda­re di pari pas­so attra­ver­so stru­men­ti cul­tu­ra­li che per­met­ta­no la loro pie­na rea­liz­za­zio­ne.

La rac­col­ta si è con­clu­sa con suc­ces­so agli ini­zi di giu­gno, così ci sen­tia­mo di dover rin­gra­zia­re pri­ma di tut­to i cit­ta­di­ni che han­no rispo­sto ai nostri appel­li oltre che i gior­na­li loca­li che ci han­no aiu­ta­to a dif­fon­de­re l’iniziativa. Poi abbia­mo pen­sa­to che fos­se bel­lo con­di­vi­de­re que­sta espe­rien­za, rac­con­tan­do qui di segui­to le nostre impres­sio­ni. Lascia­mo allo­ra la paro­la pro­prio a colo­ro che, cre­den­do in que­sta ini­zia­ti­va fin dall’inizio, si sono mobi­li­ta­ti per ren­der­la… #pos­si­bi­le.

 

Comi­ta­ti Bara­del e Ipa­zia Torino

“L’iniziativa del boo­k­bom­bing non pote­va arri­va­re in un momen­to miglio­re per noi, visto che pro­prio a mag­gio a Tori­no si tie­ne il Salo­ne del Libro con tut­te le sue ini­zia­ti­ve di con­tor­no che pon­go­no una gran­de atten­zio­ne al tema del­la let­tu­ra e del­le sue sfac­cet­ta­tu­re. Sot­to­li­nea­re quel­la dell’acco­glien­za e dell’incontro di cul­tu­re attra­ver­so i libri, sia nel sen­so di testi per l’apprendimento, sia di fon­ti scrit­te con cui avvi­ci­nar­si alla quo­ti­dia­ni­tà e al back­ground cul­tu­ra­le ci è sem­bra­to il modo miglio­re per cele­bra­re que­sto even­to impor­tan­te per la città.

Sia­mo sta­ti fuo­ri dal Salo­ne a rac­co­glie­re libri e a spie­ga­re a chi entra­va l’iniziativa, pro­prio men­tre all’interno la tra­smis­sio­ne “Pane Quo­ti­dia­no” era in diret­ta e rit­wit­ta­va dal­la sua pagi­na il nostro coin­vol­gi­men­to. Abbia­mo rac­col­to libri ai nostri ban­chet­ti o tra­mi­te segna­la­zio­ni via mail e da ami­ci e cono­scen­ti che ce li han­no por­ta­ti volentieri.

C’è sta­to anche chi: “No, libri da dona­re non ne ho, però li dovre­te pur spe­di­re, no?” e ha con­tri­bui­to alle spe­se di spe­di­zio­ne. Insom­ma, un sac­co di pac­chi con l’uguale den­tro e fuori”.

 

 

Comi­ta­to Asti Possibile

“In un momen­to di cri­si pro­fon­da con per­so­ne dispe­ra­te che fug­go­no dal­la guer­ra, tro­va­re un modo di far­li inte­gra­re anche solo con un libro è un segno di aper­tu­ra nei loro riguardi.
I cit­ta­di­ni di Asti sono sta­ti mol­to dispo­ni­bi­li nel por­ta­re libri ai nostri ban­chet­ti donan­do soprat­tut­to libri per bam­bi­ni”.

 

Comi­ta­ti Ligu­ri Full­mon­ty, Pos­si­bi­le 5.0,La Rosa Bianca,Scuola Pos­si­bi­le, Ter­ra Viven­te, Le Val­li del­le Rose di Busalla,Golfo Para­di­so Pos­si­bi­le, Rapal­lo Pos­si­bi­le, Tigul­lio Pos­si­bi­le, Arti­co­lo 3 Savo­na, Feli­ce Cascio­ne di Impe­ria, Art.3 La Spe­zia, Leri­ci Pos­si­bi­le 

“Abbia­mo rispol­ve­ra­to libri nel­le nostre case, alcu­ni let­ti più vol­te; li abbia­mo sele­zio­na­ti pen­san­do ai desti­na­ta­ri: adul­ti, ragaz­ze e ragaz­zi, bam­bi­ne e bam­bi­ni che sono ospi­ti tem­po­ra­nei dei cen­tri di acco­glien­za. Ci sia­mo emo­zio­na­ti pen­san­do che avreb­be­ro potu­to leg­ge­re, sfo­glia­re e guar­da­re qual­co­sa che un tem­po ci ha appas­sio­na­to. Tan­ti han­no por­ta­to libri per ragaz­zi, roman­zi, pic­co­le fia­be o anco­ra libri a fumet­ti. I comi­ta­ti ligu­ri di Pos­si­bi­le, radu­na­ti in occa­sio­ne di una ple­na­ria, han­no alle­sti­to un tavo­lo gre­mi­to di libri uti­liz­zan­do gli spa­zi offer­ti dall’Associazione “Music for pea­ce”. Qual­cu­no di noi è anda­to a com­pra­re libri da Boo­ko­w­ski, nei vico­li di Geno­va, dove due gio­va­ni ragaz­ze han­no crea­to un pic­co­lo spa­zio cul­tu­ra­le dedi­ca­to ai libri usa­ti e ad ospi­ta­re even­ti let­te­ra­ri in un gra­de­vo­le cave­dio sul retro bot­te­ga. Ci sia­mo per­si nel­la ricer­ca di libri dedi­can­do­ci, in par­ti­co­la­re, ai più pic­co­li desti­na­ta­ri. A loro va il nostro più cal­do abbrac­cio: ben­ve­nu­ti in que­sta vostra nuo­va vita!”

 

Comi­ta­to Rosa Parks Vare­se 

“Si è chiu­sa benis­si­mo anche in Pro­vin­cia di Vare­se la rac­col­ta di libri per i cen­tri di acco­glien­za, sor­pas­san­do di gran lun­ga ogni pre­vi­sio­ne, anche e soprat­tut­to gra­zie alla col­la­bo­ra­zio­ne di cir­co­li come il Quar­to Sta­to di Car­da­no al Cam­po che non sono rima­sti indif­fe­ren­ti davan­ti a que­sto pic­co­lo ma impor­tan­te gesto di uma­ni­tà ma han­no atti­va­men­te col­la­bo­ra­to alla rac­col­ta e dif­fu­sio­ne dell’iniziativa. Il mal­tem­po non ci ha dato una mano nel­la rea­liz­za­zio­ne dei ban­chet­ti ma la nostra ini­zia­ti­va è sta­ta pub­bli­ciz­za­ta sul­la stam­pa loca­le così che, non tro­van­do­ci, i dona­to­ri ci han­no con­tat­ta­to e altre rac­col­te sono sta­te fatte”

 

Comi­ta­to Pri­ma­ve­ra Pos­si­bi­le Mila­no Est

“Appe­na sia­mo venu­ti a cono­scen­za del boo­k­bom­bing di Pos­si­bi­le, sia­mo da subi­to rima­sti entusiasti!La miglior  inte­gra­zio­ne ed inclu­sio­ne socia­le avvie­ne gra­zie alla cul­tu­ra e all’ap­pren­di­men­to del­la lin­gua del pae­se ospi­tan­te. Il Comi­ta­to Pri­ma­ve­ra Pos­si­bi­le si è per­ciò subi­to atti­va­to per rac­co­glie­re libri, dei più sva­ria­ti gene­ri let­te­ra­ri, con una par­ti­co­la­re atten­zio­ne alla nar­ra­ti­va dei ragaz­zi. Ci augu­ria­mo di par­te­ci­pa­re ad altre  ini­zia­ti­ve così in futu­ro, ci mobi­li­te­re­mo sicu­ra­men­te per­ché anche nel nostro ter­ri­to­rio e su Mila­no pos­sa esse­re di nuo­vo orga­niz­za­ta una rac­col­ta di libri per i pro­fu­ghi e migranti”

 

Comi­ta­ti 28 mag­gio Bre­scia e Comi­ta­to bel­la ciao Bas­so Garda

Dare una nuo­va… pos­si­bi­li­tà ai libri let­ti tenu­ti tra gli scaf­fa­li di casa, dare loro una nuo­va vita, far­li diven­ta­re una mano d’aiuto soli­da e for­te, pro­te­sa in avan­ti ver­so quan­ti ne avran­no biso­gno. In pochi gior­ni abbia­mo cer­ca­to di recu­pe­ra­re qual­co­sa, e gra­zie alla dispo­ni­bi­li­tà di due mem­bri del Comi­ta­to che si sono fat­ti cari­co del­la spe­di­zio­ne anche noi, nel nostro pic­co­lo, abbia­mo potu­to con­tri­bui­re con gio­ia a que­sta bel­lis­si­ma iniziativa”.

 

Comi­ta­to S.Maria Sale­se (VE) 

“Tut­to il comi­ta­to ha accol­to que­sta ini­zia­ti­va con entu­sia­smo, tan­to da impe­gnar­si ogni saba­to di mag­gio a rac­co­glie­re in dono libri di ogni gene­re, dal­la ”Divi­na Com­me­dia’’ a ”Il momen­to è catar­ti­co’’ di Ore­glio. Abbia­mo riscon­tra­to la dispo­ni­bi­li­tà del­la Biblio­te­ca comu­na­le, del­l’Ar­ci e di un gior­na­li­no loca­le che ha pub­bli­ca­to l’i­ni­zia­ti­va per­met­ten­do la mas­si­ma dif­fu­sio­ne nel territorio.

Spes­so è sta­to neces­sa­rio anda­re a casa dei dona­to­ri per­ché inten­zio­na­ti a fare doni di un cer­to peso,   per non par­la­re del­la dona­tri­ce par­ti­co­lar­men­te scru­po­lo­sa che ha dona­to libri per l’al­fa­be­tiz­za­zio­ne dei bim­bi, mati­te, gom­me e pastel­li.

La cam­pa­gna a San­ta Maria di Sala ha frut­ta­to un tota­le di 84 kg di libri dona­ti. E sareb­be­ro potu­ti esse­re di più per­ché dopo la chiu­su­ra e l’in­vio dei pac­chi alcu­ni si sono già can­di­da­ti a dona­re per il pros­si­mo bookbombing.

Come capi­ta per le ado­zio­ni a distan­za, ci pia­ce­reb­be rice­ve­re noti­zie del buon uso dei doni invia­ti. In tan­ti c’han­no ripe­tu­to: spe­ria­mo che pos­sa­no esse­re utili!”

 

Comi­ta­to Nevil­le Castel San Pie­tro ter­me e Imo­la (BO)

“Abbia­mo par­te­ci­pa­to per­ché ci è sem­bra­ta una ini­zia­ti­va ori­gi­na­le e intel­li­gen­te. Han­no ade­ri­to qua­si tut­ti gli iscrit­ti al comi­ta­to e abbia­mo spe­di­to il nostro pac­co pie­no di libri sele­zio­na­ti con affet­to. Invia­re i pro­pri libri agli immi­gra­ti è un’e­spres­sio­ne per­fet­ta del­lo spi­ri­to di Pos­si­bi­le. Acco­glien­za, cul­tu­ra e condivisione”.

 

Comi­ta­to Athe­na Por­to San Gior­gio (Fer­mo)

“Dopo aver appre­so a Bolo­gna del­l’i­ni­zia­ti­va pro­mos­sa dal Comi­ta­to Pos­si­bi­le Rosa Parks di Vare­se, ci sia­mo dati subi­to da fare. Tut­ti i com­po­nen­ti del pic­co­lo Comi­ta­to “Athe­na” di Por­to San Gior­gio si è mobi­li­ta­to per effet­tua­re le spe­di­zio­ni di libri rac­col­ti in tan­ti Comu­ni del­la Pro­vin­cia di Fer­mo. Sono sta­te svuo­ta­te le nostre per­so­na­li libre­rie e sono sta­ti acqui­sta­ti testi nuo­vi. Le mate­rie trat­ta­te: gram­ma­ti­ca, musi­ca, tea­tro, cuci­na e tan­to altro ancora.

Un’e­spe­rien­za che ha cemen­ta­to anco­ra di più il grup­po e che ci ha resi vera­men­te feli­ci di par­te­ci­pa­re ad un pro­get­to total­men­te condiviso”.

 

Inol­tre ricor­dia­mo il con­tri­bu­to del Comi­ta­to di Niche­li­no (TO) che rin­gra­zia le “super­mam­me” che si sono pro­di­ga­te nel rac­co­glie­re libri, del Comi­ta­to Anna Lin­dh di Avel­li­no per la par­te­ci­pa­zio­ne alla rac­col­ta e al Comi­ta­to di Lec­ce per il sin­ce­ro interessamento.

Gra­zie a tutti!

Anna­ma­ria Gui­di — Comi­ta­to Rosa Parks di Varese

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.