La prova del nove della scuola e del paese

Il quanto è inscindibile dal come si vuole spendere la porzione di fondi destinata alla scuola, ed è qui che attendiamo di conoscere i contenuti specifici del programma del governo Draghi.

Il 30 apri­le rap­pre­sen­ta la pro­va del nove per il gover­no Dra­ghi e per la scuo­la ita­lia­na: solo allo­ra capi­re­mo se la poli­ti­ca di que­sto pae­se ritie­ne che l’istruzione sia una prio­ri­tà e incar­ni il valo­re fon­da­ti­vo del­la demo­cra­zia e del­la cit­ta­di­nan­za di tut­ti e di tut­te. Cor­ri­spon­de alla data di con­se­gna del­la ver­sio­ne defi­ni­ti­va del Pia­no Nazio­na­le di Ripre­sa e Resi­lien­za, o Reco­ve­ry Plan.

Dei 191,6 miliar­di di euro stan­zia­ti dall’Europa per la ripre­sa dell’Italia, 28,49 saran­no desti­na­ti all’istruzione e alla ricer­ca, in base alle affer­ma­zio­ni dell’ex mini­stra Azzo­li­na del­lo scor­so mese di gen­na­io. In altri pae­si euro­pei, la cifra riser­va­ta a que­sti capi­to­li di spe­sa è maggiore.

Il quan­to è inscin­di­bi­le dal come si vuo­le spen­de­re la por­zio­ne di fon­di desti­na­ta alla scuo­la, ed è qui che atten­dia­mo di cono­sce­re i con­te­nu­ti spe­ci­fi­ci del pro­gram­ma del gover­no Dra­ghi. I col­pi di coda del coro­na­vi­rus pese­ran­no anco­ra a lun­go sul­la per­so­na che bam­bi­ni e bam­bi­ne, ragaz­zi e ragaz­ze, vor­ran­no diventare.

Eppu­re non era dif­fi­ci­le pre­ve­ni­re mol­ti degli effet­ti col­la­te­ra­li nega­ti­vi che il con­fi­na­men­to ha avu­to sul­la scuo­la. For­nen­do assi­sten­za psi­co­lo­gi­ca ade­gua­ta, per esem­pio, anzi­ché nega­re o mini­miz­za­re gli sta­ti di depres­sio­ne dif­fu­sa, l’autolesionismo, i distur­bi ali­men­ta­ri esplo­si tra gli stu­den­ti; ammet­ten­do final­men­te che la scuo­la di oggi è per metà con­te­nu­ti e per metà gestio­ne dell’emotività e dell’affettività, per­ché solo così può media­re con la real­tà che la cir­con­da e dota­re ragaz­zi e ragaz­ze degli stru­men­ti per affron­tar­la e modi­fi­car­la; lascian­do cade­re le pole­mi­che sui ban­chi a rotel­le – sono uti­li, ma per rica­var­ne il miglio­re ren­di­men­to ci voglio­no meto­do­lo­gie nuo­ve, quin­di una for­ma­zio­ne docen­te rin­no­va­ta dal­le fon­da­men­ta- e sfor­zan­do­si inve­ce di tener aper­te le men­se, che assi­cu­ra­no alme­no un pasto cal­do a 160.000 bam­bi­ni e bam­bi­ne pro­ve­nien­ti da fami­glie in situa­zio­ne di disa­gio eco­no­mi­co; impie­gan­do fin da subi­to ogni mez­zo per non lascia­re indie­tro que­gli 850.000 alun­ni e alun­ne (“sti­ma per difet­to”, indi­ca Car­lo Ver­del­li nel suo edi­to­ria­le del 2 apri­le sul Cor­rie­re del­la sera) che con la DAD non han­no mai sfio­ra­to una tastie­ra, per­ché sprov­vi­sti in vario modo dei requi­si­ti per acce­der­vi. Mol­ti di loro nati in altre zone del mon­do (l’abbandono sco­la­sti­co nel 2019 riguar­da­va ragaz­zi e ragaz­ze ita­lia­ni nell’11,3% dei casi, ma già si tri­pli­ca­va ‑36,5%; dati del SISform- per i non nati in Ita­lia). E anco­ra, pigian­do l’acceleratore sul­la vac­ci­na­zio­ne dell’intero per­so­na­le sco­la­sti­co; instal­lan­do siste­mi di con­trol­lo, ricam­bio e depu­ra­zio­ne dell’aria; e, non ulti­mo, se voglia­mo ragaz­zi, ragaz­ze e inse­gnan­ti a scuo­la d’estate, non dimen­ti­can­do che l’aria che respi­ra­no, oltre a dover esse­re libe­ra dal virus, deve ave­re una tem­pe­ra­tu­ra accet­ta­bi­le per il cor­po umano.

L’umano non è un nume­ro — seb­be­ne da mol­ti anni la clas­se diri­gen­te si sia impe­gna­ta a voler pla­sma­re scuo­la e socie­tà a imma­gi­ne e somi­glian­za dell’andamento dei mer­ca­ti. Non è un nume­ro, ma in que­sto mese di apri­le il futu­ro del­la Next Gene­ra­tion dipen­de da una data e una cifra, anco­ra vuo­te di pro­gram­mi: gior­no 30, 191,6 miliar­di di euro. È ver­ti­gi­ne e, al tem­po stes­so, un infi­ni­to oriz­zon­te di pos­si­bi­li­tà di riscat­to per i gio­va­ni che più depri­va­zio­ni han­no sof­fer­to, nei loro biso­gni essen­zia­li, negli ulti­mi 12 mesi.

Moni­ca Bedana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.