La possibilità di un Partito

Schermata-2013-10-18-alle-13.41.10I par­ti­ti sono tut­ti mor­ti, dice il Comi­co. La risa­ta, ama­ra, resta stroz­za­ta in gola. Per­ché la cri­si del­la socie­tà indu­stria­le e il tra­mon­to del for­di­smo por­ta­no con sé anche la fine del model­lo di par­ti­to tra­di­zio­na­le, orga­niz­za­to su base gerar­chi­ca e sul­la divi­sio­ne net­ta del­le fun­zio­ni. Più che can­tar­ne la dipar­ti­ta, occor­re ripen­sa­re il ruo­lo dei par­ti­ti, diven­ta­ti solo più comi­ta­ti di inte­res­si pri­va­ti e rap­pre­sen­ta­zio­ni di personalismi.

La mozio­ne di Giu­sep­pe Civa­ti è cer­ta­men­te il docu­men­to più com­ple­to in que­sto sen­so, non solo nel con­te­sto di que­sto con­gres­so ma, più in gene­ra­le, come pro­get­to di rifor­ma del­lo spa­zio di rela­zio­ne che pre­ce­de il siste­ma poli­ti­co. E’ il pro­get­to del par­ti­to del­le pos­si­bi­li­tà, la pri­ma del­le qua­li è la pos­si­bi­li­tà di esse­re ascol­ta­ti, di esse­re accol­ti anche se por­ta­to­ri di dissenso.

La ver­sio­ne di Civa­ti è il frut­to di un cam­mi­no lun­go alme­no quat­tro anni, perio­do in cui Giu­sep­pe è ‘usci­to fuo­ri’, è anda­to di per­so­na a cono­sce­re quei luo­ghi che la dia­let­ti­ca poli­ti­ca ha abban­do­na­to, i cir­co­li, le asso­cia­zio­ni, le pro­vin­ce più remo­te che non si fila mai nes­su­no, ed ha lavo­ra­to insie­me a tan­ti altri per riat­ti­va­re il tes­su­to comu­ni­ca­ti­vo di cui un par­ti­to si dovreb­be nutri­re quo­ti­dia­na­men­te. Un par­ti­to dev’essere un luo­go facil­men­te rag­giun­gi­bi­le, aper­to da ogni lato in cui lo si guar­di, in cui tro­va­no ospi­ta­li­tà le ragio­ni del dis­sen­so, le qua­li con­cor­ro­no, in un dibat­ti­to libe­ro ed infor­ma­to, alla for­ma­zio­ne del­le deci­sio­ni collettive.

La cri­si ita­lia­na ha “come tema cen­tra­le il rap­por­to tra cit­ta­di­ni e Sta­to che i par­ti­ti dovreb­be­ro tra­dur­re in gover­no”: ma la cri­si del­la for­ma par­ti­to deter­mi­na il fal­li­men­to di que­sta media­zio­ne che si ripro­du­ce in uno scol­la­men­to del siste­ma poli­ti­co rispet­to all’ambiente socia­le. Il par­ti­to sen­za for­ma, orien­ta­to solo sul­la linea dei per­so­na­li­smi, è tram­po­li­no dal qua­le i capi­cor­ren­te eser­ci­ta­no pres­sio­ni per occu­pa­re inca­ri­chi di gover­no e di sot­to­go­ver­no: sepa­ra­re par­ti­to e ambi­to di gover­no signi­fi­ca rida­re al par­ti­to quel ruo­lo auto­no­mo nel­la fase di ela­bo­ra­zio­ne e deter­mi­na­zio­ne degli indi­riz­zi del­le poli­ti­che pub­bli­che. Il par­ti­to è ambi­to pre-poli­ti­co, è luo­go del­la discus­sio­ne degli indi­riz­zi poli­ti­ci, di inte­ra­zio­ne fra socie­tà e siste­ma istituzionale.

Nel Par­ti­to Demo­cra­ti­co non si com­pren­de bene chi deci­de e che cosa. La discus­sio­ne è assen­te, o rele­ga­ta in riu­nio­ni infor­ma­li (i cami­net­ti). Trop­po spes­so le deci­sio­ni sono sta­te pre­se sen­za con­sul­ta­re gli elet­to­ri, sen­za coin­vol­ger­li, sen­za “rico­no­sce­re l’essenziale pro­ta­go­ni­smo e la sovra­ni­tà che loro appar­tie­ne”. Un par­ti­to sen­za par­te­ci­pa­zio­ne diven­ta pura buro­cra­zia; un par­ti­to sen­za par­te­ci­pa­zio­ne è pri­vo del­la capa­ci­tà di rap­pre­sen­ta­re il pro­prio elet­to­ra­to e i pro­pri iscrit­ti. Ne cer­ca il soste­gno duran­te le cam­pa­gne elet­to­ra­li, espo­nen­do idee e pro­gram­mi: ma tra­scor­so il perio­do del voto, li dimen­ti­ca, come se non ci fos­se­ro mai sta­ti, e intra­pren­de avven­tu­re poli­ti­che in loro nome che sono in aper­to con­tra­sto con quan­to appe­na promesso.

Infor­ma­re e coin­vol­ge­re dovreb­be­ro esse­re le pri­me mis­sio­ni del Pd, indi­vi­duan­do e abbat­ten­do quel­le bar­rie­re che oggi impe­di­sco­no il confronto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.