Mille donatori per cinquantamila euro

Mille-sostenitori-50mila-euroIeri sera abbia­mo pas­sa­to i mil­le dona­to­ri, e i cin­quan­ta­mi­la euro di dona­zio­ni rac­col­te, in media mate­ma­ti­ca qua­si per­fet­ta. E, pre­mes­so che ovvia­men­te, come pre­vi­sto dal rego­la­men­to (e dal­la nostra stes­sa pras­si eti­ca), a fine con­gres­so pre­sen­te­re­mo al Pd un reso­con­to pun­tua­le del­le dona­zio­ni rice­vu­te e del­le spe­se effet­tua­te, ci pia­ce aggior­nar­vi sul­lo sta­to del­le cose anche lun­go il per­cor­so, per far capi­re a chi ci segue cosa stia­mo facen­do, come, con qua­li mez­zi. Ecco quin­di un pic­co­lo ren­di­con­to sul finan­zia­men­to di que­sta cam­pa­gna, fin qui.

In home page, oltre al link all’ap­po­si­ta pagi­na “sostie­ni”, nel­la colon­na destra tro­va­te il pul­san­to­ne magi­co (che vi invi­tia­mo a pre­me­re) e la bar­ra d’a­van­za­men­to: ad oggi segna più o meno 50mila euro, divi­si tra cir­ca mil­le dona­to­ri, appun­to. Ovve­ro, qua­si esat­ta­men­te 50 euro di offer­ta media per dona­to­re (bene, ma far di meglio non è proi­bi­to…): ed era comun­que que­sto tar­get di pic­co­li dona­to­ri quel­lo che, non volen­do ave­re gran­di spon­sor alle spal­le, vole­va­mo con­vin­ce­re. L’o­biet­ti­vo fina­le è fis­sa­to a 200mila per­ché è il rego­la­men­to con­gres­sua­le che ha deci­so quel tet­to: nes­su­no potrà spen­de­re di più, e noi di cer­to non lo fare­mo. Ci pare giu­sto, con la per­ce­zio­ne non cer­to posi­ti­va che gli ita­lia­ni han­no del­la poli­ti­ca in que­sta fase, man­te­ner­si sobri nel­le spe­se di pro­pa­gan­da. Pen­sia­mo inol­tre che quel che vale per i con­tri­bu­ti pub­bli­ci — van­no abbas­sa­ti, legan­do­li a tet­ti di spe­sa e a con­cre­tis­si­mi ren­di­con­ti — val­ga anche per quel­li pri­va­ti: nel sen­so che lad­do­ve pri­va­ti stac­ca­no asse­gni mol­to impor­tan­ti, all’e­let­to­re può veni­re spon­ta­neo chie­der­si se non ci sia un moti­vo, non dichiarato.

Da rego­la­men­to, andran­no segna­la­te le dona­zio­ni supe­rio­ri ai 5mila euro: al momen­to noi non ne abbia­mo, ma in ogni caso, se come suc­ces­so in pas­sa­to in altre pri­ma­rie qual­che gior­na­li­sta voles­se vede­re le pez­ze di tut­ta la rac­col­ta fon­di nel suo com­ples­so, e l’e­len­co di tut­ti i dona­to­ri, sare­mo ben lie­ti di mostra­re le distin­te del con­to cor­ren­te e di Pay­Pal. Sem­pre da rego­la­men­to, le can­di­da­tu­re anda­va­no depo­si­ta­te entro le ore 20 del gior­no 11 otto­bre, ed è quin­di a par­ti­re da quel­la data che i can­di­da­ti, com­pre­so Giu­sep­pe Civa­ti, dovran­no pro­dur­re il ren­di­con­to fina­le. Ciò nono­stan­te, per tra­spa­ren­za ulte­rio­re nei con­fron­ti di chi ci segue, essen­do que­sto sito e que­sto stru­men­to di rac­col­ta fon­di on line da luglio — per la pre­ci­sio­ne, dai gior­ni del Poli­ti­camp di Reg­gio Emi­lia, dal 5 al 7 — citia­mo anche la cifra com­ples­si­va: il Poli­ti­camp costò cir­ca 12mila euro, che rac­co­gliem­mo tra dona­zio­ni on line, sul posto e mer­chan­di­sing — le esau­ri­tis­si­me magliet­te di W la liber­tà - e una vol­ta rag­giun­ta quel­la cifra azze­ram­mo il con­ta­to­re (oggi il tota­le sali­reb­be quin­di a 62mila, più o meno).

Al momen­to, tra le altre nostre usci­te segna­lia­mo la pre­sen­ta­zio­ne del­la can­di­da­tu­ra al Tea­tro Vit­to­ria in Roma, il paga­men­to di una serie di rile­va­zio­ni, spe­se per le infra­strut­tu­re infor­ma­ti­che, e per il resto risor­se uma­ne e rim­bor­si spe­se di vario tipo in viag­gi, per­not­ta­men­ti, tele­fo­no. Del­la cifra fino­ra rag­giun­ta, abbia­mo già spe­so più o meno la metà, e ciò che rac­co­glie­re­mo ci con­sen­ti­rà di paga­re più col­la­bo­ra­to­ri, di orga­niz­za­re even­ti tec­ni­ca­men­te più cura­ti, con miglio­ri ser­vi­ce tec­ni­ci per la par­te audio/video e strea­ming più effi­cien­ti, e di rea­liz­za­re mate­ria­li divul­ga­ti­vi ulte­rio­ri rispet­to a quel­li on line (che comun­que han­no pure que­sti i loro costi di rea­liz­za­zio­ne e mantenimento).

donaCome cor­ret­ta­men­te ripor­ta­to da alcu­ni gior­na­li, imma­gi­nan­do che il Pd potes­se ave­re spa­zi non uti­liz­za­ti, abbia­mo pro­po­sto che per con­te­ne­re ulte­rior­men­te le spe­se — se dispo­ni­bi­li — il par­ti­to li met­tes­se a dispo­si­zio­ne di tut­ti i can­di­da­ti, e che in aggiun­ta le fede­ra­zio­ni più impor­tan­ti fos­se­ro ospi­ta­li con i  comi­ta­ti, se pos­si­bi­le. La pro­po­sta è sta­ta accol­ta, e quin­di nei gior­ni scor­si abbia­mo pre­so (tem­po­ra­neo) pos­ses­so di due uffi­ci in via Toma­cel­li, a Roma: si tro­va­no in una palaz­zi­na in cui due pia­ni sono occu­pa­ti dal Pd, ma in via di dismis­sio­ne. Oltre a chi scri­ve, si sono siste­ma­ti lì Gior­gia Fur­lan, Bar­ba­ra Ghe­rar­di, Ste­fa­no Cato­ne, Vin­cen­zo Cra­ma­ros­sa, e non è raro incro­cia­re alcu­ni dei mol­ti volon­ta­ri che si occu­pa­no dei vari aspet­ti del­la cam­pa­gna, i par­la­men­ta­ri che sosten­go­no que­sta can­di­da­tu­ra e lo stes­so Pip­po Civa­ti. Ci tro­ve­re­te lì fino all’8 dicembre.

Nel­le ulti­me set­ti­ma­ne il rit­mo dei finan­zia­men­ti è posi­ti­va­men­te aumen­ta­to, e vi invi­tia­mo a far­lo cre­sce­re ulte­rior­men­te. Da qui alla fine del­la cam­pa­gna man­ter­re­mo la stes­sa sobrie­tà e atten­zio­ne a que­sto gene­re di det­ta­gli, ma abbia­mo comun­que biso­gno di garan­ti­re la coper­tu­ra del­le spe­se dei volon­ta­ri, rea­liz­za­re nuo­vi mate­ria­li, e orga­niz­za­re qual­che even­to coe­ren­te con il nostro sti­le di sem­pre: par­si­mo­nio­so nel­le spe­se, ma non per que­sto meno bello.

Gra­zie a tut­ti per lo straor­di­na­rio supporto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.