Indagine sul PD

statisticheI demo­cra­ti­ci che nel mese di ago­sto han­no scel­to di rispon­de­re al que­stio­na­rio che Pip­po Civa­ti ave­va pre­sen­ta­to sul suo blog non rap­pre­sen­ta­no l’intera popo­la­zio­ne ita­lia­na. Né, in real­tà, l’intero mul­ti­for­me elet­to­ra­to del cen­tro­si­ni­stra o del Par­ti­to Demo­cra­ti­co. Rap­pre­sen­ta inve­ce una par­te par­ti­co­la­re dell’elettorato di cen­tro­si­ni­stra: quel­la più atten­ta alla poli­ti­ca, che più si infor­ma e che più atti­va­men­te segue il dibat­ti­to poli­ti­co sul­la rete. Que­sto, d’altra par­te, era l’obiettivo del­la ricer­ca: inter­cet­ta­re l’opinione dei mili­tan­ti, degli iscrit­ti e dei sim­pa­tiz­zan­ti più atten­ti del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, sen­ti­re cosa ave­va­no da dire sull’idea di PD che ave­va­no in mente.

Come ci si pote­va atten­de­re dal­la con­for­ma­zio­ne dell’elettorato del PD e dal medium uti­liz­za­to per rac­co­glie­re i dati (ovve­ro la rete), a rispon­de­re sono sta­ti pre­va­len­te­men­te uomi­ni con un alto livel­lo di istru­zio­ne (il 55% degli inter­vi­sta­ti dichia­ra di aver con­se­gui­to una lau­rea o un tito­lo di stu­dio supe­rio­re), sor­pren­den­te­men­te equi­di­stri­bui­ti per le varie fasce d’età (tran­ne, come d’altra par­te ci si pote­va atten­de­re, gli anzia­ni, che comun­que rap­pre­sen­ta­no oltre il 10% del campione).

Que­stio­na­rio impron­ta­to sul­la visio­ne del PD com’è e come vor­reb­be­ro che fos­se, si dice­va: dai dati emer­ge un qua­dro desolante.
Il PD vie­ne visto come un par­ti­to estre­ma­men­te con­ser­va­to­re, debo­le e divi­so al suo inter­no: in una paro­la (non a caso quel­la che più del­le altre è sta­ta scel­ta come più rap­pre­sen­ta­ti­va) una delu­sio­ne (19%). Da una visio­ne de gene­re ovvia­men­te non può non emer­ge­re una stron­ca­tu­ra net­ta dell’intera clas­se diri­gen­te: più del­la metà degli inter­vi­sta­ti (52%), for­se anche per­ché anco­ra scot­ta­ti dal­la pugna­la­ta alle spal­le a Pro­di (“tra­di­men­to” è la paro­la che meglio rap­pre­sen­ta il par­ti­to per l’11% degli inter­vi­sta­ti), dichia­ra di non ave­re alcu­na fidu­cia nei lea­der nazio­na­li, e se a que­sti si aggiun­go­no quel­li che dichia­ra­no di aver­ne poca (44%) si copre la qua­si tota­li­tà del cam­pio­ne (appe­na il 4% dichia­ra di ave­re abbastanza/molta fidu­cia nel­la diri­gen­za nazio­na­le). Tra loro, meglio – si fa per dire – se la cava il segre­ta­rio pro tem­po­re Gugliel­mo Epi­fa­ni (al qua­le comun­que colo­ro che sono dispo­sti a con­ce­der­gli un’apertura di cre­di­to sono il 19%), men­tre anche nei con­fron­ti del­la diri­gen­za loca­le, spes­so fio­re all’occhiello del cen­tro­si­ni­stra, la sfi­du­cia è tan­ta (53%).

2.fwIl PD che gli inter­vi­sta­ti vor­reb­be­ro, inve­ce, è un PD che faces­se di ugua­glian­za e giu­sti­zia i pro­pri valo­ri fon­da­ti­vi (indi­ca­ti come quel­li a cui sono più lega­ti rispet­ti­va­men­te dal 34% e dal 49%, men­tre solo il 12% met­te in cima la liber­tà ed appe­na il 4% la pace) e che inter­pre­tas­se real­men­te un cam­bia­men­to in que­sto sen­so: un par­ti­to che par­las­se oltre che di egua­glian­za (17% del cam­pio­ne la vor­reb­be come paro­la d’ordine per eccel­len­za del PD) o giu­sti­zia (8%) par­las­se di futu­ro (19%), rifor­me (14%) e meri­to (10%), maga­ri anche con pas­sio­ne (8%) ed in manie­ra rivo­lu­zio­na­ria (9%).

6.fwDal risul­ta­to dell’indagine, tra l’altro, già emer­ge lo stru­men­to per poter risol­ve­re la situa­zio­ne di cri­si che col­pi­sce il PD: le pri­ma­rie. Pri­ma­rie aper­te, aper­tis­si­me, non limi­ta­te da regi­stri degli elet­to­ri, viste come stru­men­to che raf­for­za­no il Par­ti­to elet­to­ral­men­te. Pri­ma­rie che maga­ri potreb­be­ro aiu­ta­re a recu­pe­ra­re l’identità del Par­ti­to, dal momen­to che ben il 45% degli inter­vi­sta­ti con­si­de­ra il PD non più di sini­stra o cen­tro­si­ni­stra (costo­ro sono poco di più, appe­na il 47%), ma un par­ti­to di cen­tro che guar­da a sini­stra: cosa par­ti­co­lar­men­te pre­oc­cu­pan­te quan­do il 66% di colo­ro che dichia­ra­no di esse­re iscrit­ti al par­ti­to – il 32% degli inter­vi­sta­ti tota­li — affer­ma che la ragio­ne prin­ci­pa­le del tes­se­ra­men­to è sta­ta l’adesione ai valo­ri di fon­do del partito.

7.fwIl PD, nono­stan­te que­sto, con­ti­nua comun­que ad eser­ci­ta­re una cer­ta attrat­ti­va: nono­stan­te la cri­si d’identità, nono­stan­te la pes­si­ma con­si­de­ra­zio­ne nei con­fron­ti del­la sua clas­se diri­gen­te a tut­ti i livel­li, pres­so que­sti mili­tan­ti rima­ne for­te la doman­da di par­te­ci­pa­zio­ne: tra colo­ro che dichia­ra­no di non esse­re tes­se­ra­ti, qua­si i 2/3 (65%) pren­de­reb­be­ro in con­si­de­ra­zio­ne l’idea di tes­se­rar­si se per­ce­pis­se­ro una mag­gio­re capa­ci­tà di coin­vol­gi­men­to nel­le deci­sio­ni del par­ti­to, maga­ri anche per dif­fe­ren­ziar­si dal “sim­pa­tiz­zan­te” sem­pli­ce, che il 60% degli inter­vi­sta­ti equi­pa­ra all’iscritto in ter­mi­ni di “peso deci­sio­na­le” – defi­ni­to “nul­lo”, “limi­ta­to” o “solo di fac­cia­ta” dal 93% -, soprat­tut­to alla luce del fat­to che il 94% del cam­pio­ne pen­sa che gli iscrit­ti dovreb­be­ro poter dire la loro alme­no su alcu­ne tema­ti­che impor­tan­ti o divi­si­ve all’interno del par­ti­to, ed il 96% che dovreb­be­ro esse­re obbli­ga­to­ria­men­te orga­niz­za­ti degli incon­tri rego­la­ri tra mili­tan­ti ed elet­ti ad ogni livel­lo. Coin­vol­gi­men­to: fat­to­re impor­tan­te che vie­ne lega­to al con­cet­to di Pri­ma­rie, che non ven­go­no viste neces­sa­ria­men­te in con­flit­to in un’eventuale dico­to­mia “sim­pa­tiz­zan­te” vs “iscritto”(il 60% vor­reb­be pri­ma­rie “aper­te”, il 36% le vor­reb­be aper­te solo agli iscrit­ti all’albo degli elet­to­ri, appe­na il 4% vor­reb­be che la sele­zio­ne fos­se inter­na al par­ti­to), segno del fat­to che per lo meno anche nel­la sele­zio­ne del­le cari­che mono­cra­ti­che anche i mili­tan­ti pen­sa­no che i sim­pa­tiz­zan­ti pos­sa­no ave­re il dirit­to a dire la loro.

d1.fw
In con­clu­sio­ne, ma vista la meto­do­lo­gia di rile­va­zio­ne la cosa non può stu­pi­re, tra gli inter­vi­sta­ti si nota un gran­de inte­res­se per il web: una gran­dis­si­ma mag­gio­ran­za tro­va impor­tan­te comu­ni­ca­re sui social net­work (l’81% tro­va impor­tan­te l’utilizzo di Face­Book, ma il 69% tro­va effi­ca­ce anche Twit­ter), ma vie­ne con­si­de­ra­ta impor­tan­te anche la più tra­di­zio­na­le new­slet­ter (56%). Con­se­guen­za è ovvia­men­te che i social net­work sono anche il pri­mo tra­mi­te per con­tat­ta­re i pro­pri rap­pre­sen­tan­ti (uti­liz­za­to dal 77% degli inter­vi­sta­ti), che ora­mai distan­zia­no di gran lun­ga l’e‑mail (comun­que anco­ra usa­ta dal 50%). Oltre a que­sto, il web è visto anche come fon­da­men­ta­le per orga­niz­za­re i mili­tan­ti dal 98% degli inter­vi­sta­ti, anche nell’ottica di una “cam­pa­gna elet­to­ra­le per­ma­nen­te” (97%)

c7.fwPer chi voles­se appro­fon­di­re abbia­mo rac­col­to in una appo­si­ta pagi­na tut­ti i gra­fi­ci che illu­stra­no i risul­ta­ti del que­stio­na­rio.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.