Welfare: liberare le donne, il tempo, chi ha bisogno

Donne-al-lavoro-piu-tempo-degli-uomini_h_partbLa car­ti­na di tor­na­so­le più faci­le per discer­ne­re la sini­stra dal­la destra, alme­no in Euro­pa, è anco­ra una vol­ta il wel­fa­re. Lo sta­to socia­le, i ser­vi­zi garan­ti­ti dal­la mano pub­bli­ca in tema di sani­tà, istru­zio­ne, assi­sten­za, pre­vi­den­za, mobi­li­tà, ammor­tiz­za­to­ri alla cri­si. Una gran­de con­qui­sta del XX seco­lo, da ascri­ve­re ai labu­ri­sti con­ti­nen­ta­li di ogni scuo­la, soprat­tut­to quel­la socia­li­sta e social­de­mo­cra­ti­ca: solo dagli anni Novan­ta, con l’am­mi­ni­stra­zio­ne Clin­ton, gli Sta­ti Uni­ti han­no fat­to dei pas­si in avan­ti ver­so l’uni­ver­sa­li­tà del­le pre­sta­zio­ni, fino al corag­gio pre­si­den­zia­le nel con­se­gui­re l’O­ba­ma­ca­re e ai recen­ti exploit pro­gres­si­sti di Bill de Bla­sio. Ancor oggi, in Euro­pa e nel mon­do, a destra si col­lo­ca chi per fare cas­sa non esi­ta a dispor­re tagli linea­ri alla rete di sal­va­tag­gio che tie­ne i meno abbien­ti anco­ra inse­ri­ti nel­la socie­tà, e a sini­stra chi ‑pre­via rior­ga­niz­za­zio­ne del­la spe­sa- pun­ta ad allar­ga­re il baci­no del­le per­so­ne bene­fi­ca­te dal man­te­ni­men­to in sede pub­bli­ca (anche se vero­si­mil­men­te non sta­tua­le, ovve­ro in capo agli enti loca­li di pros­si­mi­tà) del com­pi­to di assol­ve­re alle fun­zio­ni fon­da­men­ta­li per una comu­ni­tà, con­si­de­ra­to ina­lie­na­bi­le. Di qui, il corol­la­rio di un acces­so age­vo­la­to e con­ven­zio­na­to con le strut­tu­re del cosid­det­to “pri­va­to socia­le”: dal wel­fa­re sta­te alla wel­fa­re socie­ty.

mutual society In que­sti ter­mi­ni, anche il con­gres­so nazio­na­le del Par­ti­to Demo­cra­ti­co dovrà dire in qua­le dire­zio­ne incal­za­re il pre­sen­te gover­no e pre­pa­ra­re il pro­get­to che si can­di­de­rà a gover­na­re l’I­ta­lia negli anni ven­tu­ri. Dopo i macel­li del­le destre, e il rigo­re a sen­so uni­co dei gover­ni di lar­ghi inte­se, forie­ri dei mede­si­mi risul­ta­ti per quan­to riguar­da la vita rea­le dei cit­ta­di­ni che si è impo­ve­ri­ta non solo nel por­ta­fo­glio, urge una ster­za­ta che pren­da le mos­se da alcu­ni pun­ti fer­mi: la nuo­va con­ce­zio­ne del lavo­ro dovrà esse­re sem­pre più rela­ta alla chia­ve fami­lia­re, imple­men­tan­do isti­tu­ti di fles­si­bi­li­tà ora­ria, tele­la­vo­ro, con­ge­di paren­ta­li obbli­ga­to­ri anche per i padri, ricor­so alla ban­ca del tem­po. Se ne par­la da cir­ca ven­ti anni, il perio­do è matu­ro per ripen­sa­re inte­ra­men­te la que­stio­ne: è auspi­ca­bi­le una tas­sa­zio­ne e un cre­di­to che favo­ri­sca­no il mas­si­mo impie­go fem­mi­ni­le, in tut­te le zone d’I­ta­lia, con evi­den­ti rica­du­te non solo nel bilan­cio fami­lia­re (quin­di nel­l’in­cre­men­to dei con­su­mi) e nel teno­re di vita, ma anche nel­la pie­na rea­liz­za­zio­ne per­so­na­le del­la don­na, come avvie­ne negli altri Pae­si svi­lup­pa­ti d’oc­ci­den­te. Inol­tre è da defi­ni­re una nuo­va poli­ti­ca per il soste­gno alle disa­bi­li­tà, ver­so il pro­gres­si­vo e spe­ci­fi­co appro­do a una vita quan­to più pos­si­bi­le normale.

asilo11 Nume­ro­si stu­di evi­den­zia­no una cor­re­la­zio­ne posi­ti­va tra l’oc­cu­pa­zio­ne fem­mi­ni­le e l’in­cre­men­to del PIL ‑Gold­man Sachs sti­ma che que­ste pari­tà por­te­reb­be­ro a un incre­men­to del 22%- nono­stan­te il mer­ca­to del lavo­ro osta­co­li ancor oggi l’in­gres­so pie­no del­le don­ne: ora rele­gan­do­le nei ruo­li meno qua­li­fi­ca­ti e comun­que non api­ca­li, ora man­te­nen­do il gap sala­ria­le, spes­so ricor­ren­do alla pra­ti­ca del­le dimis­sio­ni in bian­co e del ricat­to a chi resta aspet­ta un figlio. Le don­ne più sco­la­riz­za­te sono anche le meno uti­liz­za­te (oggi il 56% dei lau­rea­ti in Ita­lia è don­na, l’Oc­se cal­co­la che tra meno di die­ci anni saran­no il 70%), eppu­re spes­so sono costret­te a esse­re “wel­fa­re viven­te” per sop­pe­ri­re alla cro­ni­ca e cre­scen­te caren­za di ser­vi­zi per tut­te: è un’al­tra fac­cia del­la evi­den­te e irri­du­ci­bi­le que­stio­ne maschi­le nel Pae­se, non anco­ra evo­lu­to ai mini­mi livel­li stan­dard del­le demo­cra­zie con cui andia­mo a con­fron­tar­ci nel­le isti­tu­zio­ni euro­pee. Di pari pas­so, il tema dei dirit­ti civi­li ‑da affron­ta­re a par­te- allar­ga orga­ni­ca­men­te le maglie in cui sono ricom­pre­si i com­por­ta­men­ti con­sen­ti­ti, sia a livel­lo del­la co-respon­sa­bi­li­tà geni­to­ria­le (da esten­de­re al part­ner e al geni­to­re non-bio­lo­gi­co del mino­re) che a un inter­ven­to for­te per appli­ca­re appie­no i mec­ca­ni­smi del­la leg­ge 194, minac­cia­ti dal­le obie­zio­ni dilaganti.

congedo-parentale-padre Quan­do si par­la di fasce debo­li non si pos­so­no pospor­re per alcun moti­vo le fami­glie che si fan­no cari­co di chi non è auto­suf­fi­cien­te: il siste­ma ita­lia­no del­le tute­le ai disa­bi­li è ana­cro­ni­sti­co e arbi­tra­rio, fon­dan­do­si sul­l’i­sti­tu­to del­l’in­va­li­do civi­le che lascia alla discre­zio­na­li­tà medi­ca la defi­ni­zio­ne degli stru­men­ti ade­gua­ti alla per­so­na. Le per­so­ne con han­di­cap devo­no poter esse­re pro­ta­go­ni­ste nel pro­prio pro­get­to di vita e gode­re di stru­men­ti neces­sa­ri a rea­liz­zar­lo: la con­ven­zio­ne Onu del 2006 deli­nea un nuo­vo siste­ma fon­da­to sul rico­no­sci­men­to del­le discri­mi­na­zio­ni, la rati­fi­ca ita­lia­na giun­ta tre anni più tar­di non ha anco­ra rifon­da­to l’ac­ces­so ai bene­fi­ci. Sia­mo agli ulti­mi posti nel­la UE ‑com­pre­si i Pae­si del­l’e­st- quan­to a spe­sa assi­sten­zia­le nel set­to­re, inca­pa­ci­tà ad inte­gra­re le poli­ti­che tra la sfe­ra socia­le e quel­la sani­ta­ria, nel rap­por­to tra la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne e gli enti ero­ga­to­ri: alle don­ne (madri, com­pa­gne, figlie, badan­ti) è così dele­ga­ta l’in­suf­fi­cien­za del­lo Sta­to in mate­ria. Que­sto fin­ché non ver­ran­no finan­zia­ti i fon­di per le poli­ti­che socia­li e la non auto­suf­fi­cien­za, garan­ten­do così un livel­lo essen­zia­le alla digni­tà del­la persona.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.