La morte di Alessandro Leogrande lascia un grande vuoto

Alessandro Leogrande ci ha raccontato queste storie, partendo da quella questione meridionale che è in realtà una questione nazionale (e non solo), dato che coincide con la mappa delle disuguaglianze
leogrande

Scrittore, giornalista, filosofo. Ma soprattutto attivista, capace di raccontarci le ingiustizie di questo tempo, anche quelle più nascoste e più difficili da mettere a fuoco.

Alessandro Leogrande ci ha raccontato queste storie, partendo da quella questione meridionale che è in realtà una questione nazionale (e non solo), dato che coincide con la mappa delle disuguaglianze. Che prendono corpo nelle campagne pugliesi e nelle facce dei migranti sfruttati, nelle famiglie devastate dall’Ilva di Taranto, nelle battaglie sindacali, da quelle più tradizionali al mondo della logistica, del quale sappiamo ancora troppo poco.

Alessandro ci ha parlato di quella che chiamiamo “Italia minore”, ma che è maggioranza del Paese e ha l’unica colpa di essere periferica.

Lasci un vuoto, umano e culturale. Ti salutiamo con affetto.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!