Il giornale della domenica costa il doppio: una modesta proposta su lavoro e diritti

Una battaglia difficilissima: molto più difficile che far la morale sui costumi degli italiani. Ma molto più sostanziale.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La gene­ra­zio­ne che ha ini­zia­to a lavo­ra­re nei pri­mi anni Novan­ta è entra­ta nel­le azien­de dal­la por­ta men­tre dal­la fine­stra usci­va­no gli ulti­mi lavo­ra­to­ri “pri­vi­le­gia­ti” (sic!), quel­li assun­ti all’a­pi­ce del­la cur­va di acqui­si­zio­ne dei dirit­ti così fati­co­sa­men­te otte­nu­ti con le lot­te del seco­lo pre­ce­den­te. La pre­ca­rie­tà è diven­ta­ta dun­que la nor­ma­li­tà per mol­te per­so­ne pri­ma che diven­tas­se leg­ge, pri­ma dei “pac­chet­ti”, pri­ma del­le libe­ra­liz­za­zio­ni del mer­ca­to del lavo­ro e pri­ma del­le modi­fi­che del­lo Sta­tu­to dei lavo­ra­to­ri, lo è diven­ta­ta attra­ver­so l’il­le­ga­li­tà e le scap­pa­to­ie, e solo dopo è diven­ta­ta la nor­ma any sen­se.

Nel gior­no del Black fri­day, e del dibat­ti­to che lo accom­pa­gna, que­sta pre­mes­sa ser­ve a spie­ga­re per­ché oggi la bat­ta­glia sul­l’ar­ti­co­lo 18 suo­na incom­pren­si­bi­le a mol­te per­so­ne che in ormai qua­si tren­t’an­ni maga­ri non han­no mai avu­to un solo con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to e che devo­no sce­glie­re se pagar­si l’af­fit­to o i con­tri­bu­ti pen­sio­ni­sti­ci (a loro cari­co, ça va sans dire): l’ar­ti­co­lo 18 è per loro con­cre­to quan­to una favo­la di una vol­ta, e que­sto è il pun­to di vista da cui si potreb­be par­ti­re in que­sta discussione.

A un cer­to pun­to, in que­gli anni, la sini­stra ha inte­rio­riz­za­to alcu­ni cam­bia­men­ti che pure era­no ogget­ti­vi: se il mer­ca­to è glo­ba­le, e non può che esser­lo, e la pro­du­zio­ne può svol­ger­si ovun­que a qua­lun­que con­di­zio­ne, o comun­que a con­di­zio­ni fuo­ri dal con­trol­lo dei sin­go­li Pae­si, difen­de­re le posi­zio­ni acqui­si­te può non basta­re, e anzi può por­ta­re a delo­ca­liz­za­zio­ni e impo­ve­ri­men­ti peg­gio­ri. Le muc­che sono usci­te dal­la stal­la da un pez­zo, da que­sto pun­to di vista, e ora che più pove­ri lo sia­mo qua­si ovun­que, ognu­no secon­do il suo per­so­na­le indi­ce, ci si ren­de con­to che quel­la che era un’a­na­li­si del­la situa­zio­ne è diven­ta­ta in real­tà un “fate come vi pare” in cui la poli­ti­ca ha rinun­cia­to a det­ta­re qual­sia­si con­di­zio­ne anche mini­ma per esse­re al pas­so dei tem­pi, e in linea con inte­res­si mol­to gran­di. Segan­do anche il ramo su cui è sedu­ta, per­ché in que­sto modo ha cer­ti­fi­ca­to la pro­pria irri­le­van­za — che i gover­ni nazio­na­li con­ti­no poco ormai è argo­men­to dei popu­li­sti più che degli stu­dio­si — e si vede pol­ve­riz­za­re il pro­prio tes­su­to socia­le. Le azien­de mul­ti­na­zio­na­li non paga­no abba­stan­za, licen­zia­no quan­do voglio­no, paga­no le tas­se altro­ve (poche), deser­ti­fi­ca­no il mer­ca­to loca­le, e il costo di tut­to que­sto rica­de su chi pote­va inter­ve­ni­re con gli stru­men­ti legi­sla­ti­vi e non lo ha fat­to. Con tan­ti augu­ri per le pros­si­me elezioni.

Biso­gna quin­di rico­min­cia­re a chie­de­re cose che si pen­sa­va non ci fos­se più biso­gno di chie­de­re, e sarà da veri­fi­ca­re che sia pos­si­bi­le otte­ner­le dav­ve­ro (la doman­da è aper­tis­si­ma), ma al tem­po stes­so biso­gna anche pren­de­re atto del fat­to che altri cam­bia­men­ti sono nel frat­tem­po inter­ve­nu­ti, e tor­na­re indie­tro su quel­li è pro­ba­bil­men­te impos­si­bi­le, o cer­ta­men­te è più impro­ba­bi­le. Inter­net esi­ste, la capa­ci­tà di alcu­ne azien­de di aggre­di­re alcu­ni mer­ca­ti e set­to­ri che fun­zio­na­no nel­lo stes­so modo dal­l’i­ni­zio del­la civil­tà uma­na disgre­gan­do­li (la famo­sa disrup­tion) e rivo­lu­zio­nan­do­li appog­gian­do­si all’in­fra­strut­tu­ra onli­ne o alla capa­ci­tà di crea­re nuo­ve abi­tu­di­ni è un fat­to che nes­sun neo­lud­di­smo cam­bie­rà. Le per­so­ne ten­den­zial­men­te con­ti­nue­ran­no ad acqui­sta­re onli­ne, e anzi lo faran­no sem­pre di più, vor­ran­no ordi­na­re la cena dal diva­no di casa e fare la spe­sa di dome­ni­ca: e se non potran­no fare la spe­sa la dome­ni­ca quel gior­no la faran­no onli­ne, che non è un gran miglio­ra­men­to. La poli­ti­ca può anche pro­va­re a inse­rir­si tra doman­da e offer­ta, sia che lo fac­cia per pro­pa­gan­da che per sin­ce­ro con­vin­ci­men­to, ma for­se fareb­be meglio a muo­ver­si lun­go l’al­tro asse car­te­sia­no del­la que­stio­ne, quel­lo fra dirit­ti e sfrut­ta­men­to.

Vi sono infat­ti cer­ta­men­te alcu­ne ragio­ni a favo­re del cosid­det­to approc­cio mora­le, e se ne pos­so­no elen­ca­re le più note. C’è l’im­po­ve­ri­men­to del tes­su­to com­mer­cia­le di cit­tà e pae­si, anche al net­to di un’e­po­ca d’o­ro di bot­te­ghe ami­che­vo­li che non è mai esi­sti­to, se non a secon­da dei casi. E c’è la dife­sa del gior­no di ripo­so ugua­le per tut­ti: si può libe­ra­men­te sce­glie­re di lavo­ra­re di dome­ni­ca (o di not­te se è per que­sto, l’I­ta­lia del boom era quel­la del­le lot­te ma anche del­le fab­bri­che che face­va­no tre tur­ni, men­tre oggi stan­no fer­me aspet­tan­do le com­mes­se), non a tut­ti per for­za devo­no pia­ce­re le dome­ni­che libe­re. Ma è ogget­ti­va­men­te vero che se lo si fa per­ché non si ha scel­ta e lo fa anche il part­ner, e si han­no figli, di fat­to la fami­glia uni­ta non la si vede mai, e que­sta non è vita. E c’è poi l’ar­go­men­to defi­ni­ti­vo, quel­lo che cri­ti­ca il con­su­mo in quan­to tale. Anche solo man­giar car­ne o usa­re uno smart­pho­ne oggi com­por­ta cari­car­si di una cer­ta quan­ti­tà di sfrut­ta­men­to o di inqui­na­men­to, anche se maga­ri fac­cia­mo fin­ta che non sia così, e il tema del­la soste­ni­bi­li­tà dei nostri con­su­mi è ogni gior­no più impel­len­te. Il con­su­mo cri­ti­co fu pro­prio tra le pri­me rispo­ste alla glo­ba­liz­za­zio­ne e alle sue stor­tu­re, e anche se a mol­ti sem­bra vel­lei­ta­rio oggi tut­ta la gran­de distri­bu­zio­ne ha i suoi scaf­fa­li di pro­dot­ti bio e di altri equo­so­li­da­li, a filie­ra trac­cia­ta. C’è chi ride di cer­te fisi­me, sal­vo poi scan­da­liz­zar­si quan­do sco­pre che l’ex­tra­ver­gi­ne che ha acqui­sta­to non è tut­to di oli­ve ita­lia­ne, e pro­prio gli ita­lia­ni han­no capi­to che cer­te bat­ta­glie non sono di retro­guar­dia e nem­me­no snob, ma difen­do­no anche il lavo­ro, la cul­tu­ra, l’am­bien­te, la tipi­ci­tà, la salu­te.

Assun­ti per veri tut­ti que­sti argo­men­ti, non è però det­to che sia­no di com­pe­ten­za pro­prio del­la poli­ti­ca. Soprat­tut­to, non è det­to che inter­ve­ni­re sul­le abi­tu­di­ni por­ti auto­ma­ti­ca­men­te a quel miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di lavo­ro e di vita e di benes­se­re che poi, ben più del­la rego­la­men­ta­zio­ne ora­ria o festi­va degli eser­ci­zi, dovreb­be esse­re il vero sco­po di tut­ta que­sta fac­cen­da. E quindi?

Al giur­nal dla dumi­ni­ca custa ‘l dupe, il gior­na­le del­la dome­ni­ca costa il dop­pio, è un vec­chio det­to pie­mon­te­se che for­ni­sce una rispo­sta asso­lu­ta­men­te ade­gua­ta. Signi­fi­ca che se vuoi qual­co­sa in un gior­no in cui nor­mal­men­te non lo avre­sti devi paga­re di più, un prin­ci­pio di bana­le buon sen­so.

E quin­di se si lavo­ra in un gior­no festi­vo, biso­gna esse­re paga­ti di più, parec­chio di più, e lo stes­so di notte.

I tur­ni di ripo­so devo­no esse­re garan­ti­ti e ragio­ne­vol­men­te distri­bui­ti nel cor­so del tempo.

Liber­tà sin­da­ca­le garan­ti­ta nei fat­ti e non solo nel­la teoria.

Gli straor­di­na­ri van­no pagati.

Con­trol­li pun­tua­li sui posti di lavo­ro su con­di­zio­ni, sicu­rez­za, anche in quei posti di cui i gior­na­li scri­vo­no che “è impos­si­bi­le entrarci”.

Chi fa un lavo­ro a tem­po pie­no non può esse­re paga­to con for­me tipi­che dei lavo­ri part time o tem­po­ra­nei.

Assi­sten­za sani­ta­ria, con­tri­bu­ti pen­sio­ni­sti­ci, sala­rio mini­mo lega­le, dirit­to alla mater­ni­tà, sem­pre, sen­za ecce­zio­ni.

Rego­la­men­ta­zio­ne del­le for­me di subap­pal­to del lavo­ro e di scom­po­si­zio­ne del­la filie­ra.

Licen­zia­men­to solo per giu­sta cau­sa, altri­men­ti rein­te­gro.

Basta con le mil­le scap­pa­to­ie e for­me con­trat­tua­li, un per­cor­so uni­co di acces­so al lavo­ro e di pro­va che ter­mi­na con le tute­le pie­ne.

Ecce­te­ra: le favo­le di cui sopra, per una gran­de mas­sa di per­so­ne che cre­sce­rà sem­pre di più, e che alla fine si tro­ve­rà a vive­re in un pae­se pove­ris­si­mo che in teo­ria nes­su­no di noi vuo­le. Una bat­ta­glia dif­fi­ci­lis­si­ma: mol­to più dif­fi­ci­le che far la mora­le sui costu­mi degli ita­lia­ni. Ma mol­to più sostan­zia­le.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.