La macchia rosso sangue dell’accordo con la polizia egiziana

Come per quanto concerne la stretta cooperazione in ambito militare, ribadiamo l’urgente rivalutazione degli accordi esistenti tra le forze di polizia dei due paesi. È fondamentale rendere disponibili gli atti su ITEPA e chiarire quale sia l’iter in corso per il finanziamento di una seconda edizione affinché il progetto possa essere sottoposto a scrutinio parlamentare.

Il 13 set­tem­bre 2017 il nuo­vo amba­scia­to­re ita­lia­no Giam­pao­lo Can­ti­ni rien­tra­va in Egit­to. Il suo pre­de­ces­so­re, Mau­ri­zio Mas­sa­ri, era sta­to richia­ma­to a Roma un anno e mez­zo pri­ma a fron­te dei con­ti­nui depi­stag­gi sull’omicidio di Giu­lio Rege­ni, ricer­ca­to­re rapi­to e tor­tu­ra­to a mor­te da cin­que agen­ti del­le for­ze di sicu­rez­za. L’irrigidimento diplo­ma­ti­co in super­fi­cie non ave­va però intac­ca­to gli affa­ri con la san­gui­na­ria dit­ta­tu­ra di al-Sisi.

Quel­lo stes­so 13 set­tem­bre 2017 il Diret­to­re dell’Accademia di Poli­zia del Cai­ro e assi­sten­te del Mini­stro dell’Interno, Ahmed Ibra­him, fir­ma­va a Roma un pro­to­col­lo di coo­pe­ra­zio­ne con il Diret­to­re del­la Dire­zio­ne Cen­tra­le dell’Immigrazione e del­la Poli­zia del­le Fron­tie­re, Mas­si­mo Bon­tem­pi. Gli stes­si ver­ti­ci degli appa­ra­ti di repres­sio­ne egi­zia­ni che si sot­trae­va­no alle inda­gi­ni del­la Pro­cu­ra di Roma era­no accol­ti al Vimi­na­le come ospi­ti d’onore. Una peno­sa con­co­mi­tan­za che già allo­ra accla­ra­va la resa isti­tu­zio­na­le sul­la vicen­da Rege­ni.

Sul­la base di quell’accordo di col­la­bo­ra­zio­ne inter-mini­ste­ria­le, pas­sa­to sot­to trac­cia, fu avvia­to nel mar­zo 2018 un pro­get­to con­giun­to per l’addestramento pres­so l’Accademia di Poli­zia del Cai­ro di 360 agen­ti di fron­tie­ra di 22 pae­si afri­ca­ni. Deno­mi­na­to ITEPA (Inter­na­tio­nal Trai­ning at Egyp­tian Poli­ce Aca­de­my) e co-finan­zia­to al 50% da fon­di euro­pei (per un impor­to com­ples­si­vo di € 2.146.093,75), il pro­get­to “for­ma­ti­vo” si muo­ve­va nel­lo stes­so sol­co trac­cia­to dall’allora Mini­stro dell’Interno Mar­co Min­ni­ti: arre­sta­re i flus­si migra­to­ri pro­ve­nien­ti dall’Africa sub­sa­ha­ria­na alla spon­da sud del Medi­ter­ra­neo, dele­gan­do ad altri il com­pi­to di con­tra­sta­re e repri­me­re. Lon­ta­no dagli occhi, lon­ta­no dal­lo Sta­to di diritto.

Il Capo del­la Poli­zia Fran­co Gabriel­li ave­va accla­ma­to la siner­gia ita­lo-egi­zia­na e riven­di­ca­to che fos­se neces­sa­rio “spor­car­si le mani per espor­ta­re la nostra cul­tu­ra giu­ri­di­ca”. Suo mal­gra­do, Gabriel­li evo­ca­va un’immagine tan­to stra­zian­te quan­to per­ti­nen­te. Col­la­bo­ra­re con l’efferata poli­zia egi­zia­na, che dall’ascesa di Sisi si è con­trad­di­stin­ta per spa­ri­zio­ni for­za­te ed ese­cu­zio­ni extra-giu­di­zia­li ad un rit­mo inces­san­te, vuol dire spor­car­si le mani di una mac­chia che fa del ver­de del Medi­ter­ra­neo un solo ros­so, per para­fra­sa­re un pas­so del Macbeth.

L’Accademia di Poli­zia del Cai­ro è un luo­go di ter­ro­re in cui si inse­gna a pra­ti­ca­re la tor­tu­ra con­tro chiun­que ven­ga iden­ti­fi­ca­to come un peri­co­lo per il regime.

Il Mini­ste­ro dell’Interno ha pre­ci­sa­to con una nota che ITEPA si con­for­mas­se al rispet­to dei dirit­ti uma­ni, ma l’affermazione non è veri­fi­ca­bi­le data la man­ca­ta pub­bli­ci­tà degli atti. La rivi­sta Altrae­co­no­mia pre­sen­tò un’istanza di acces­so civi­co per con­sul­ta­re le car­te del pro­get­to. La richie­sta fu nega­ta per­ché pre­giu­di­zie­vo­le del­le rela­zio­ni bila­te­ra­li con l’Egitto. Un pes­si­mo segna­le che equi­va­le ad un’ammissione di col­pa.   

Negli ulti­mi anni il Vimi­na­le ha infat­ti mol­ti­pli­ca­to le ini­zia­ti­ve con la con­tro­par­te egi­zia­na, nono­stan­te la spi­ra­le auto­ri­ta­ria. Nel­la rela­zio­ne tra­smes­sa al Par­la­men­to dal Mini­stro Min­ni­ti nell’agosto 2017 si rife­ri­va che già nell’anno pre­ce­den­te era­no sta­ti ero­ga­ti die­ci cor­si di for­ma­zio­ne, non­ché con­se­gna­ti una serie di dispo­si­ti­vi elet­tro­ni­ci per il moni­to­rag­gio e la gestio­ne dell’immigrazione ille­ga­le. Nel con­to spe­se face­va “bel­la” figu­ra la dona­zio­ne di quat­tro eli­cot­te­ri dismes­si dal­la Poli­zia di Sta­to e rimes­si a nuo­vo da Agu­sta­We­stland (Fin­mec­ca­ni­ca). A dispet­to del­la veri­tà, pro­mes­sa a mez­zo stam­pa ma mai per­se­gui­ta negli atti con­cre­ti, su Giu­lio Rege­ni, il cui cor­po mar­to­ria­to era sta­to rin­ve­nu­to il 3 feb­bra­io 2016.

La que­stio­ne ITEPA è pas­sa­ta per lo più sot­to silen­zio in Ita­lia, ma ha richia­ma­to l’attenzione di due euro­de­pu­ta­ti del grup­po GUE/NGL — Miguel Urbán Cre­spo (Pode­mos) e Özlem Demi­rel (Lin­ke) — che han­no pre­sen­ta­to due distin­te inter­ro­ga­zio­ni par­la­men­ta­ri gra­zie alle qua­li si appren­de, per rispo­sta del­la Com­mis­sa­ria per gli affa­ri inter­ni Ylva Johans­son, che le auto­ri­tà ita­lia­ne han­no richie­sto il rifi­nan­zia­men­to di ITEPA per un altro biennio.

Secon­do quan­to rico­strui­to da Anto­nio Maz­zeo, lo stan­zia­men­to dei fon­di potreb­be esse­re appro­va­to entro set­tem­bre pros­si­mo. ITEPA si era con­clu­so, sem­pre a Roma, il 27 novem­bre 2019, ma un memo­ran­dum ave­va este­so la vali­di­tà del pro­to­col­lo tec­ni­co di coo­pe­ra­zio­ne tra Ita­lia e Egit­to. Anche in que­sto caso la comu­ni­ca­zio­ne del Vimi­na­le si era limi­ta­ta a poche righe. Una reti­cen­za media­ti­ca che fa da con­tral­ta­re alla con­sa­pe­vo­lez­za di quan­to il pat­to di fer­ro con l’apparato di sicu­rez­za egi­zia­no sia poli­ti­ca­men­te impre­sen­ta­bi­le alla luce del­le con­cla­ma­te vio­la­zio­ni dei dirit­ti umani.

Come per quan­to con­cer­ne la stret­ta coo­pe­ra­zio­ne in ambi­to mili­ta­re, riba­dia­mo l’urgente riva­lu­ta­zio­ne degli accor­di esi­sten­ti tra le for­ze di poli­zia dei due pae­si. È fon­da­men­ta­le ren­de­re dispo­ni­bi­li gli atti su ITEPA e chia­ri­re qua­le sia l’iter in cor­so per il finan­zia­men­to di una secon­da edi­zio­ne affin­ché il pro­get­to pos­sa esse­re sot­to­po­sto a scru­ti­nio parlamentare.

A nostro modo di vede­re la gra­vis­si­ma situa­zio­ne in Egit­to non può che esor­ta­re la revo­ca del pro­to­col­lo e l’annul­la­men­to di ITEPA 2. Il tem­po del­la com­pro­mis­sio­ne con il regi­me instau­ra­to al Cai­ro deve finire.

Ales­san­dro Tinti

Comi­ta­to Firen­ze Pos­si­bi­le Pie­ro Calamandrei

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.