#Sofagate: disparità di genere tra i leader UE, ma non solo

La confusione tra i ruoli delle varie istituzioni europee in politica estera, e la traballante ed incerta ripartizione delle competenze, non fanno altro che indebolire l’UE sulla scena mondiale. E invece le grandi sfide dei nostri tempi si giocano proprio a livello globale, abbiamo bisogno di un’Europa unita e capace di agire in politica estera. Non possiamo più permetterci di perdere tempo. Quando lo capiremo?

L’affronto ses­si­sta del pre­si­den­te tur­co, Recep Tayy­ip Erdo­gan, che lascia la pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne euro­pea Ursu­la von der Leyen in imba­raz­zo sen­za sedia, ha scan­da­liz­za­to l’opinione pub­bli­ca, come è giu­sto che sia. Soprat­tut­to dopo la recen­te deci­sio­ne del­lo stes­so Erdo­gan di riti­ra­re l’adesione del­la Tur­chia alla Con­ven­zio­ne di Istan­bul con­tro la vio­len­za sul­le donne.

E’ un pec­ca­to però che l’indignazione gene­ra­le ver­so la discri­mi­na­zio­ne di gene­re com­mes­sa da Erdo­gan, non abbia lascia­to spa­zio ad altre altret­tan­to legit­ti­me ragio­ni di indi­gna­zio­ne come ad esem­pio i temi discus­si duran­te un incon­tro alta­men­te poli­ti­co, oppu­re il biz­zar­ro asset­to isti­tu­zio­na­le dell’UE che ha ser­vi­to un assi­st ad un Erdo­gan desi­de­ro­so di smi­nui­re la costru­zio­ne euro­pea.

L’obiettivo del­la visi­ta di Ursu­la von der Leyen e Char­les Michel in Tur­chia era quel­lo di ria­pri­re il dia­lo­go diplo­ma­ti­co tra i due bloc­chi dopo le ulti­me ten­sio­ni, dovu­te in par­ti­co­la­re alle diver­gen­ze del­lo scor­so anno sull’accordo migra­to­rio del mar­zo 2016 con l’UE e la deci­sio­ne del­la Tur­chia di invia­re navi da ricer­ca nel­le acque riven­di­ca­te da Gre­cia e Cipro.

Il “sofa­ga­te” è l’ennesimo esem­pio in cui l’UE, nel ten­ta­ti­vo di affer­ma­re la sua poli­ti­ca este­ra su que­stio­ni deli­ca­te e cru­cia­li, è inciam­pa­ta nel­le sue stes­se fra­gi­li impal­ca­tu­re isti­tu­zio­na­li. Per con­ta­re in poli­ti­ca este­ra, l’UE ha biso­gno di rifor­ma­re le pro­prie isti­tu­zio­ni dotan­do­si di un Par­la­men­to (a tut­ti gli effet­ti), di un gover­no e di un presidente.

La sem­pre più ina­de­gua­ta strut­tu­ra isti­tu­zio­na­le euro­pea ha for­ni­to ad Erdo­gan un ali­bi per­fet­to per com­met­te­re una dispa­ri­tà di trat­ta­men­to (oltre che di gene­re) tra il rap­pre­sen­tan­te dei gover­ni euro­pei Char­les Michel, e Ursu­la von der Leyen la pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne euro­pea, isti­tu­zio­ne sovra­na­zio­na­le essen­za dell’UE.

Facen­do sede­re accan­to a sè Char­les Michel, e tenen­do “a distan­za” Ursu­la von der Leyen, oltre a com­pie­re un atto ses­si­sta, Erdo­gan ha volu­to dele­git­ti­ma­re l’UE, sot­to­li­nean­do che per lui con­ta­no sol­tan­to gli sta­ti mem­bri ed è quin­di con il loro rap­pre­sen­ta­te che inten­de rela­zio­nar­si con­si­de­ran­do­lo un suo pari.

Inol­tre, secon­do l’ordine pro­to­col­la­re sem­bre­reb­be che il pre­si­den­te del Con­si­glio euro­peo abbia la pre­ce­den­za rispet­to al Pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne euro­pea, lo ha pre­ci­sa­to anche l’ex pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne Jean-Clau­de Junc­ker, che duran­te il suo man­da­to in varie occa­sio­ni ha dato la pre­ce­den­za all’allora pre­si­den­te del Con­si­glio Euro­peo Donald Tusk. Dal can­to suo, il por­ta­vo­ce del­la Com­mis­sio­ne euro­pea Eric Mamer ha affer­ma­to che von der Leyen e Char­les Michel sono di egua­le ran­go isti­tu­zio­na­le in que­sto tipo di incon­tri. Silen­zio inve­ce, da par­te del por­ta­vo­ce di Char­les Michel.

Come pre­ve­di­bi­le, caval­can­do l’onda dell’ambiguità, il mini­stro degli Este­ri tur­co Mevlut Cavu­so­glu ha riven­di­ca­to l’operato cor­ret­to del­la Tur­chia, che avreb­be “rispet­ta­to il pro­to­col­lo” e “accol­to le richie­ste” degli euro­pei in tal senso.

Insom­ma, nono­stan­te i pas­si avan­ti per­mes­si dal­le ulti­me rifor­me isti­tu­zio­na­li, l’Europa non è anco­ra in gra­do di dare una rispo­sta chia­ra alla famo­sa doman­da attri­bui­ta ad Hen­ry Kis­sin­ger: “chi devo chia­ma­re se voglio par­la­re con l’Europa?”.

La con­fu­sio­ne tra i ruo­li del­le varie isti­tu­zio­ni euro­pee in poli­ti­ca este­ra, e la tra­bal­lan­te ed incer­ta ripar­ti­zio­ne del­le com­pe­ten­ze, non fan­no altro che inde­bo­li­re l’UE sul­la sce­na mon­dia­le. E inve­ce le gran­di sfi­de dei nostri tem­pi si gio­ca­no pro­prio a livel­lo glo­ba­le, abbia­mo biso­gno di un’Europa uni­ta e capa­ce di agi­re in poli­ti­ca este­ra. Non pos­sia­mo più per­met­ter­ci di per­de­re tem­po. Quan­do lo capiremo?

Sil­via Romano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.