Toscana: la Giunta di unità regionale

Sulla scia dei più recenti schemi governativi nazionali, la politica regionale ha abbandonato la strada della contrapposizione, peraltro da tempo utilizzata solo a fini elettorali, per imboccare quella della corrispondenza degli amorosi sensi.

«Ren­zi e Ros­si, il dua­li­smo tosca­no che non c’è». Si inti­to­la­va così un pez­zo che pub­bli­ca­va­mo qua­si cin­que anni fa, e nel qua­le cer­ca­va­mo di met­te­re in evi­den­za il mal­ce­la­to tra­sver­sa­li­smo tra cen­tro­si­ni­stra e cen­tro­de­stra, nel­le deci­sio­ni poli­ti­che del­la Regio­ne Tosca­na: la pri­va­tiz­za­zio­ne del siste­ma aero­por­tua­le, la leg­ge elet­to­ra­le regio­na­le, la rifor­ma sani­ta­ria. Deci­sio­ni che, in buo­na sostan­za, era­no evi­den­te­men­te indi­riz­za­te a tute­la­re gli inte­res­si (pri­va­tis­si­mi) di cate­go­rie pri­vi­le­gia­te, cosa di cui si fre­gia sto­ri­ca­men­te la destra, piut­to­sto che quel­li pub­bli­ci e col­let­ti­vi, di cui dovreb­be far­si cari­co la sini­stra. Già.

Le cose da allo­ra non sono affat­to cam­bia­te. Anzi. La nuo­va giun­ta regio­na­le, inse­dia­ta­si a segui­to del­le ele­zio­ni del set­tem­bre scor­so, si è subi­to dimo­stra­ta mol­to accon­di­scen­den­te con que­sta linea. Anzi, si direb­be che, sul­la scia dei più recen­ti sche­mi gover­na­ti­vi nazio­na­li, la poli­ti­ca regio­na­le abbia abban­do­na­to la stra­da del­la con­trap­po­si­zio­ne, peral­tro da tem­po uti­liz­za­ta solo a fini elet­to­ra­li, per imboc­ca­re quel­la del­la cor­ri­spon­den­za degli amo­ro­si sensi.

Intan­to, la soap del­la vicen­da aero­por­tua­le pro­se­gue imper­ter­ri­ta, in un sus­se­guir­si di col­pi di sce­na, bou­ta­de, dichia­ra­zio­ni estem­po­ra­nee e non. Il moti­vo del con­ten­de­re è (anco­ra?!) l’am­plia­men­to del­l’ae­ro­por­to di Firen­ze. Nep­pu­re la pan­de­mia, con il con­se­guen­te dra­sti­co calo del traf­fi­co aereo — cir­ca il 76% in meno di pas­seg­ge­ri è pas­sa­to dagli aero­por­ti di Pisa e Firen­ze lo scor­so anno — sem­bra aver quie­ta­to gli ani­mi. Anzi, il fat­to che la tor­ta si sia ridot­ta e le pro­spet­ti­ve futu­re sia­no quan­to mai incer­te pare sem­mai moti­vo di ulte­rio­re arroc­ca­men­to sul­le con­sue­te con­trap­po­ste posi­zio­ni, innal­zan­do i toni, nel­l’ul­ti­mo anno, anche in modo un po’ ridi­col­men­te cam­pa­ni­li­sti­co, del­la ten­zo­ne tra Pisa e Firen­ze. In bal­lo, oltre alle note cri­ti­ci­tà di tipo pae­sag­gi­sti­co e ambien­ta­le del­la nuo­va pista di Pere­to­la, di cui la Regio­ne non si è mai cura­ta, c’è ora anche qual­che cen­ti­na­io di posti di lavo­ro, mes­si a rischio dal­la volon­tà di ven­di­ta di com­par­ti di atti­vi­tà, da par­te di Tosca­na Aero­por­ti. Come pri­va­tiz­za­zio­ne dixit, del resto. Il tut­to a fron­te di un finan­zia­men­to, sen­za alcu­na con­di­zio­ne, di die­ci milio­ni di euro — già stan­zia­to –, da par­te del­la Regio­ne, per soste­ne­re la socie­tà in un momen­to di par­ti­co­la­re criticità.

Tut­ta­via, il rapi­do evol­ver­si del­le dina­mi­che poli­ti­che nazio­na­li, con l’ar­ri­vo del cosid­det­to gover­no di uni­tà nazio­na­le gui­da­to da Mario Dra­ghi, ha dato una “svol­ta” anche in Tosca­na. E la pace fu.

Nel­la rilas­san­te atmo­sfe­ra di mare labro­ni­ca, il pri­mo apri­le (eh no, non è un pesce!) i sin­da­ci di Livor­no, dove appun­to si è svol­to l’in­con­tro, di Luc­ca, di Firen­ze e di Pisa si sono riu­ni­ti e han­no stret­to quel­lo che è sta­to defi­ni­to il “pat­to del cac­ciuc­co”, una sor­ta di asse tra la costa tosca­na e il capo­luo­go di regio­ne, allo sco­po dichia­ra­to di supe­ra­re il “Firen­ze cen­tri­smo”. In pra­ti­ca, un pat­to di non bel­li­ge­ran­za tra gli aero­por­ti di Pisa e Firen­ze. I toni suc­ces­si­vi all’in­con­tro sono sta­ti deci­sa­men­te entusiasti.

“Insie­me dia­mo un mes­sag­gio di uni­tà e serie­tà, non c’interessano i cam­pa­ni­li­smi e le pole­mi­che che dura­no un gior­no, c’interessa far cre­sce­re la nostra regio­ne”, ha dichia­ra­to nel­l’im­me­dia­to il sin­da­co di Firen­ze, Dario Nar­del­la. “Per decen­ni abbia­mo dibat­tu­to di cam­pa­ni­li­smi ste­ri­li men­tre le regio­ni del nord con­ti­nua­va­no a svi­lup­pa­re le pro­prie cit­tà e a fare squa­dra, è giun­to il momen­to di cer­ca­re le solu­zio­ni insie­me”, gli ha fat­to segui­to Miche­le Con­ti, sin­da­co di Pisa. E Luca Sal­vet­ti, pri­mo cit­ta­di­no livor­ne­se: “I colo­ri poli­ti­ci non si sono sedu­ti a que­sto tavo­lo, sia­mo solo ammi­ni­stra­to­ri inna­mo­ra­ti del­le pro­prie città”.

Ora, non è un miste­ro che i sin­da­ci di Livor­no, Luc­ca e Firen­ze sono espres­sio­ne del cen­tro­si­ni­stra, men­tre il sin­da­co di Pisa è in quo­ta Lega. Tut­ta­via, pare che regni l’armonia.

Ma il pat­to tra i quat­tro sin­da­ci sem­bra esse­re sta­to solo il pri­mo pas­so ver­so una più stret­ta col­la­bo­ra­zio­ne tra le for­ze poli­ti­che di mag­gio­ran­za e oppo­si­zio­ne tosca­ne. L’oc­ca­sio­ne, se così si può defi­ni­re, vie­ne data dal­la cam­pa­gna vac­ci­na­le, o meglio, dal suo flop, quan­to­me­no per quan­to riguar­da le fasce più a rischio. La Tosca­na è sal­da­men­te al penul­ti­mo posto in Ita­lia nel­la vac­ci­na­zio­ne degli ultraot­tan­ten­ni. Secon­do la Fon­da­zio­ne GIMBE, al 12 apri­le in Tosca­na solo il 27,4% degli over 80 ave­va com­ple­ta­to il ciclo vaccinale.

Alle giu­sti­fi­ca­zio­ni uffi­cia­li, che si sono appi­glia­te ai ritar­di nel­la con­se­gna dei vac­ci­ni, non­ché ai tagli nei quan­ti­ta­ti­vi con­se­gna­ti degli stes­si, han­no rispo­sto nume­ro­si arti­co­li di stam­pa e anche alcu­ne tra­smis­sio­ni tele­vi­si­ve, secon­do cui, inter­vi­ste alla mano, tale situa­zio­ne è inve­ce frut­to di pre­ci­se scel­te poli­ti­che: si è pro­ce­du­to per cate­go­rie, o for­se sareb­be meglio dire per cor­po­ra­zio­ni, piut­to­sto che per neces­si­tà e, quin­di, per fasce di età e situa­zio­ni di fra­gi­li­tà. Inu­ti­le dire che la mitiz­za­ta imma­gi­ne del­la sani­tà tosca­na ne sta uscen­do parec­chio ammac­ca­ta. E anche la tenu­ta del­la Giun­ta regio­na­le cor­re­va il serio rischio di risentirne.

E inve­ce nien­te: arri­va­no i soc­cor­si, ini­zial­men­te sot­to men­ti­te spo­glie. L’8 apri­le in con­si­glio regio­na­le vie­ne respin­ta, con il voto con­tra­rio di PD e Ita­lia Viva, una mozio­ne di sfi­du­cia nei con­fron­ti del­l’as­ses­so­re alla Sani­tà Bez­zi­ni, pre­sen­ta­ta dal­la Lega. Non pas­sa nep­pu­re la pro­po­sta di Fra­tel­li d’I­ta­lia di isti­tui­re una com­mis­sio­ne d’in­chie­sta (vota­no con­tro PD e Ita­lia Viva, con l’a­sten­sio­ne del­la Lega), men­tre vie­ne appro­va­ta una com­mis­sio­ne spe­cia­le, sem­pre pro­po­sta dal­la Lega, “per sup­por­to, moni­to­rag­gio e con­trol­lo del­la cam­pa­gna vac­ci­na­le, con audi­zio­ni e acces­so agli atti”. Un pale­se com­pro­mes­so, che pone in pra­ti­ca l’as­ses­so­ra­to in una con­di­zio­ne di com­mis­sa­ria­men­to, con­di­vi­so e appro­va­to da tut­te le for­ze poli­ti­che pre­sen­ti in con­si­glio regio­na­le, tran­ne Fra­tel­li d’I­ta­lia. Insom­ma, il gover­no Dra­ghi in sal­sa toscana. 

Chio­sa que­sto pas­sag­gio l’in­con­tro, il gior­no suc­ces­si­vo, tra Enri­co Let­ta e Mat­teo Sal­vi­ni. “Alle ele­zio­ni sare­mo su fron­ti con­trap­po­sti, ma in que­sto momen­to soste­nia­mo Dra­ghi e lavo­ria­mo insie­me per il suc­ces­so del gover­no, per far usci­re l’I­ta­lia dal­la pan­de­mia, con le vac­ci­na­zio­ni e la ripre­sa eco­no­mi­ca”, dichia­ra il segre­ta­rio del Par­ti­to Demo­cra­ti­co. “L’in­con­tro è anda­to bene. Abbia­mo fat­to tut­ti una scel­ta d’a­mo­re per l’I­ta­lia, la poli­ti­ca e i par­ti­ti ven­go­no dopo”, gli fa eco il lea­der del­la Lega. 

A que­sto pun­to, una doman­da sor­ge spon­ta­nea: qua­le sarà il pros­si­mo step del­la Giun­ta di uni­tà regionale?

La Tosca­na è ter­ra di con­sor­te­rie, altro che ros­sa. Quan­do final­men­te lo si capirà?

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.