La grande ipocrisia della nuova “tassa di sbarco”

All'interno della legge di bilancio votata dalla Camera è passata la norma che prevede la "Tassa di sbarco" (da 2,5 a 10 euro) per i visitatori che giungono a Venezia in giornata non pernottando. La misura fiscale, si legge nell'art. 1 dell'emendamento "potrebbe conseguire effetto selettivo e moderare l'accesso delle cosiddette Grandi Navi alla zona lagunare".
#

All’interno della legge di bilancio votata dalla Camera è passata la norma che prevede la “Tassa di sbarco” (da 2,5 a 10 euro) per i visitatori che giungono a Venezia in giornata non pernottandoLa misura fiscale, si legge nell’art. 1 dell’emendamento “potrebbe conseguire effetto selettivo e moderare l’accesso delle cosiddette Grandi Navi alla zona lagunare”.

L’improbabilità e il dilettantismo con il quale si è pensata questa norma si esplicita fin da quest’ultimo enunciato: si spaccia come norma di contenimento della massa turistica una tassa atta a speculare sul fenomeno e non a contenerlo. Infatti chi prenota e decide di dedicare la sua vacanza a una crociera sa bene che spenderà, nel migliore dei casi, dai 2 ai 3mila euro a persona e in questo bilancio si capisce bene quanto ininfluente possa essere spendere 5 euro in più per scendere a Venezia.

La visione di questa tassa come “atto contenitivo e disincentivo alle Grandi Navi” è poi estremamente ipocrita: si riferisce infatti ai viaggiatori, mentre se si fosse voluto davvero disincentivare l’arrivo in città di questi abnormi, inquinanti e sovradimensionati transatlantici, si sarebbe dovuto tassare il loro passaggio, le compagnie, gli armatori, invece dei passeggeri, ma non c’è la volontà di prendere un provvedimento del genere.

Questa tassa, a parte la farraginosa messa in opera, che rischia di penalizzare chi già in città entra o si muove quotidianamente con difficoltà (costruiremo delle dogane? Controlleremo uno a uno chi arriva? Faremo gli agguati alle persone con il panino al prosciutto da casa? Obbligheremo gli abitanti a girare vestiti di giallo o di fucsia per distinguersi dai turisti giornalieri? E gli studenti che vengono da fuori e si sono dimenticati il libretto? E chi arriva in città per lavoro? Dovremmo tutti girare con in tasca il lasciapassare come nel film “Fracchia la Belva Umana”?) evidenzia un progetto politico aberrante: l’idea di far pagare un diritto acquisito, importante al pari di quello alla salute, che dovremmo dare per scontato al momento nel nostro venire al mondo: il diritto alla cultura, al visitare il proprio paese – e, dal momento che siamo nel 2019 e non ai tempi di “Non ci resta che piangere” con Benigni e Troisi, la nostra Europa – il diritto a vedere e visitare le nostre città che sono il più grande patrimonio e la più grande forma di crescita e creazione identitaria che esista.

Immaginiamo poi che questa norma diventi il “Paziente Zero”, di una malattia che si dilaghi e venga poi adottata da Firenze, Roma, Milano, Siena, Pisa, Bologna… che scenario distopico diventerebbe? Ci chiediamo: vogliamo davvero vivere in un mondo in cui si deve pagare per visitare, vivere, attraversare le nostre città?  

Questa tassa, a parte smascherare l’ennesimo atto di speculazione sul turista senza davvero preoccuparsi se e come porre un tetto alle presenze (permettendo infatti e incentivando l’aumento della ricettività con la costruzione di ostelli a Mestre, alberghi al Tronchetto, progetti di raddoppi di terminal e pista del Marco Polo), null’altro è che un pezzo di un puzzle più ampio, che si innesta nei tagli a scuola, cultura, musei, università, senza contare il tentativo di blitz di tassazione delle Onlus.

Si continua a non capire che da questi elementi del vivere comune, dal loro accesso gratuito e dalla loro fruizione universale, e non altrove si crea il “cittadino”.

E voler fare il “Redditto di cittadinanza” senza avere a cuore il “Fare i cittadini” diventa pratica virtuosa ma inutile.

Pierpaolo Scelsi

  • 92
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati