Ma la credibilità è un fatto

La contrapposizione tra riformisti e conservatori nel prossimo referendum sulla riforma costituzionale Renzi - Boschi è un falso: qui c’è uno schieramento innamorato del feticcio del cambiamento per il cambiamento da una parte e chi invece crede che sia meglio il niente (ora, così) piuttosto che un “peggio di niente”.
Camera (Parlamento in seduta comune)- Voto per l'elezione di un giudice della Corte Costituzionale

Ci vuo­le un gran fega­to nel pro­por­re una rifor­ma costi­tu­zio­na­le: signi­fi­ca esse­re con­vin­ti di ave­re lo spes­so­re poli­ti­co e mora­le di impu­gna­re la pen­na in un testo che è costa­to san­gue e richie­de la con­vin­zio­ne di esse­re legit­ti­ma­ti a un’operazione che avreb­be il dove­re di uni­re un Pae­se che è sem­pre più divi­so, cre­pa­to finan­che nel­le isti­tu­zio­ni e rab­bio­so. Que­sto non signi­fi­ca che la Costi­tu­zio­ne sia sacra, no: la Car­ta Costi­tu­zio­na­le è la leg­ge madre del­le leg­gi del­lo Sta­to e in quan­to tale può esse­re miglio­ra­ta. Di più: deve esse­re miglio­ra­ta poi­ché il com­pi­to del­la poli­ti­ca, quel­la vera, è di ali­men­ta­re e sin­te­tiz­za­re un con­ti­nuo dibat­ti­to che ten­da al meglio, alla lima­tu­ra con­ti­nua al pas­so dei tem­pi e del­le esi­gen­ze.

La con­trap­po­si­zio­ne tra rifor­mi­sti e con­ser­va­to­ri nel pros­si­mo refe­ren­dum sul­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le Ren­zi — Boschi è un fal­so: qui c’è uno schie­ra­men­to inna­mo­ra­to del fetic­cio del cam­bia­men­to per il cam­bia­men­to da una par­te e chi inve­ce cre­de che sia meglio il nien­te (ora, così) piut­to­sto che un “peg­gio di nien­te”. Poi di con­tor­no ci sono di resto colo­ro che caval­ca­no il refe­ren­dum per zuf­fe di par­ti­to o per spo­de­sta­re il gover­no di tur­no ma que­sti ora non ci interessano.

Però nel mine­stro­ne del popu­li­smo e del­la stru­men­ta­liz­za­zio­ne la cre­di­bi­li­tà non c’entra. La cre­di­bi­li­tà di chi pro­po­ne que­sta rifor­ma è un fat­to poli­ti­co. La com­pa­gi­ne di chi ha tes­su­to le tra­me di que­sta pro­po­sta di rifor­ma (oltre che il modo) è un ele­men­to carat­te­riz­zan­te e indi­ca­ti­vo: in una demo­cra­zia par­la­men­ta­re così tan­to inter­fe­ri­ta dall’Europa finan­zia­ria, un gover­no non è legit­ti­ma­to sem­pli­ce­men­te dai ban­chi che si tro­va ad occu­pa­re. Trop­po faci­le, no. Se una mag­gio­ran­za si pro­po­ne come ele­men­to rifor­ma­to­re (se non addi­rit­tu­ra stra­vol­gen­te) in tema di Costi­tu­zio­ne ha il dove­re di far­si giu­di­ca­re nel­la sua composizione.

Ren­zi e Ver­di­ni (ma anche Alfa­no mini­stro dell’Interno e la Pinot­ti mini­stra del­la guer­ra e la Loren­zin mini­stra alla ripro­du­zio­ne) sono con­no­ta­zio­ni impor­tan­ti: è la dif­fe­ren­za tra chi vota no alla rifor­ma “come” e que­sti che scri­vo­no la rifor­ma “con”. Per que­sto non dob­bia­mo ave­re remo­re nel giu­di­ca­re la cre­di­bi­li­tà di que­sta stram­pa­la­ta ciur­ma: la cre­di­bi­li­tà è un fat­to. Di meri­to. E va discus­sa dap­per­tut­to: nei ban­chet­ti, negli incon­tri, casa per casa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.