Un anno di pressing di Possibile: il Governo risponde agli appelli del Corpo dei Vigili del fuoco

Lo scorso 11 ottobre, la Camera dei Deputati ha accolto la nostra mozione sulle iniziative a favore del Corpo dei Vigili del Fuoco, per il rinnovo dei contratti, l'adeguamento contributivo e retributivo rispetto agli altri Corpi a ordinamento civile dello Stato italiano, lo sbocco del turn-over e soprattutto la proroga della scadenza (prevista per il 31 dicembre 2016) di un concorso a 814 posti del 2008 per il quale molti ragazzi risultati idonei ancora sperano.
Schermata-2016-09-29-alle-19.04.12

Lo scor­so 11 otto­bre, la Came­ra dei Depu­ta­ti ha accol­to la nostra mozio­ne sul­le ini­zia­ti­ve a favo­re del Cor­po dei Vigi­li del Fuo­co, per il rin­no­vo dei con­trat­ti, l’a­de­gua­men­to con­tri­bu­ti­vo e retri­bu­ti­vo rispet­to agli altri Cor­pi a ordi­na­men­to civi­le del­lo Sta­to ita­lia­no, lo sboc­co del turn-over e soprat­tut­to la pro­ro­ga del­la sca­den­za (pre­vi­sta per il 31 dicem­bre 2016) di un con­cor­so a 814 posti del 2008 per il qua­le mol­ti ragaz­zi risul­ta­ti ido­nei anco­ra spe­ra­no.  Si trat­ta di per­so­ne che in que­sti anni di atte­sa han­no mes­so “in sospe­so” il loro futu­ro che pur­trop­po si fa sem­pre più incer­to, men­tre i sogni e le aspi­ra­zio­ni sem­pre più lon­ta­ni, nono­stan­te l’im­pe­gno pro­fu­so e i sacri­fi­ci fat­ti per poter supe­ra­re le varie pro­ve selettive.

E’ inam­mis­si­bi­le che un simi­le trat­ta­men­to ven­ga riser­va­to a una cate­go­ria di lavo­ra­to­ri così pre­zio­sa per la sicu­rez­za del­le per­so­ne e del­le cose nel nostro Pae­se, che con pro­fes­sio­na­li­tà e uma­ni­tà, e con una dedi­zio­ne che rasen­ta l’ab­ne­ga­zio­ne, è sem­pre in pri­ma linea sul ter­ri­to­rio ita­lia­no per le cala­mi­tà natu­ra­li e le situa­zio­ni di peri­co­lo per i cittadini.

E’ ormai un anno che noi di Pos­si­bi­le sol­le­ci­tia­mo il Gover­no con ogni tipo di inter­ro­ga­zio­ne, affin­ché pren­da seria­men­te in con­si­de­ra­zio­ne le richie­ste di que­sta cate­go­ria di lavo­ra­to­ri da trop­pi anni bistrat­ta­ta, nono­stan­te l’u­na­ni­me rico­no­sci­men­to per la loro attività.

Ci augu­ria­mo che gli impe­gni che il Gover­no si è assun­to acco­glien­do la nostra mozio­ne sia­no attuati.

[LEGGI IL TESTO DELLA MOZIONE]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.