L’8 per 1000, questo sconosciuto

8 per 1000: pochissimi ne parlano, quasi nessuno è disposto a intervenire, i contribuenti non sanno come funziona.
A ogni emendamento che si presenta sull’argomento, si defilano tutti quanti (a noi è capitato per due anni consecutivi).
E come ogni anno, è la Corte dei conti a intervenire, mentre la politica dorme o sogna e se sogna sogna di non esserci.

La Corte segnala la problematica delle scelte non espresse e la scarsa pubblicizzazione del meccanismo di attribuzione delle quote; l’entità dei fondi a disposizione delle confessioni religiose; la poca pubblicizzazione delle risorse erogate alle stesse; lo scarso controllo sui fondi di competenza statale; la rilevante decurtazione della quota statale; l’incoerenza nella destinazione delle risorse derivanti dall’opzione a favore dello Stato e la lentezza nella loro assegnazione.

Potete verificare anche voi, in particolare alle pagine 15 e seguenti di questo documento.

La nostra proposta è semplice: che tutto l’8 per mille sia rendicontato, che lo Stato rispetti se stesso, che l’inoptato non sia destinato sulla base di un meccanismo surrettizio.

Semplice, no? E anche possibile.

Andrea Maestri
Davide Serafin

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati