La via all’integrazione: ius soli, diritto di voto, sponsorship

nuovi italiani pd Il mon­do non si è fer­ma­to mai un momen­to, anzi chi lo abi­ta gira vor­ti­co­sa­men­te sem­pre più, alla ricer­ca di con­di­zio­ni miglio­ri per la vita, quan­do non in fuga dal­le emer­gen­ze del­la guer­ra, del­la dit­ta­tu­ra, del­la teo­cra­zia. Que­sto impo­ne solu­zio­ni dal pun­to di vista del­la liber­tà del cul­to, una poli­ti­ca vera­men­te paci­fi­sta, isti­tu­ti di demo­cra­zia sovra­na­zio­na­le, la redi­stri­bu­zio­ne del red­di­to per far fron­te alle nuo­ve pover­tà in una chia­ve rias­su­mi­bi­le nel­la paro­la inte­gra­zio­ne. Dev’es­se­re il man­tra che ‑accan­to alla cer­tez­za dei dove­ri e del­la leg­ge, che tute­li la sicu­rez­za di tut­ti i cit­ta­di­ni- accom­pa­gna ogni pro­gram­ma di ispi­ra­zio­ne pro­gres­si­sta, e che nel­la sini­stra di Giu­sep­pe Civa­ti assu­me anche tre con­no­ta­zio­ni con­cre­te: cam­bia­men­to nel­l’at­tri­bu­zio­ne del­la cit­ta­di­nan­za, attra­ver­so lo ius soli; dirit­to di voto per gli immi­gra­ti alle ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve; intro­du­zio­ne del­la figu­ra giu­ri­di­ca di spon­sor­ship.

Schermata 2013-11-22 alle 15.58.52 Le recen­ti pole­mi­che, non nuo­ve peral­tro, riguar­do il mas­sic­cio afflus­so di inte­re comu­ni­tà loca­li di ori­gi­ne stra­nie­ra al tes­se­ra­men­to (e poi alle pri­ma­rie) del PD, non devo­no disto­glie­re l’at­ten­zio­ne dal fat­to che anche in Ita­lia occor­ra appli­ca­re il prin­ci­pio “No taxa­tion without repre­sen­ta­tion”: ovve­ro anche i cit­ta­di­ni stra­nie­ri, che risie­da­no legal­men­te nel nostro Pae­se e che con­tri­bui­sca­no col pro­prio impie­go alla fisca­li­tà gene­ra­le, devo­no poter sce­glie­re i pro­pri rap­pre­sen­tan­ti nel­le ammi­ni­stra­zio­ni loca­li, le più vici­ne ai biso­gni di ogni gior­no. E non in una sor­ta di assem­blea paral­le­la riser­va­ta ai migran­ti, ben­sì nei con­si­gli comu­na­li uffi­cia­li, con l’o­biet­ti­vo di ridur­re le distan­ze anco­ra esi­sten­ti tra il sen­so di appar­te­nen­za dei new­co­mer e far­ne dei cit­ta­di­ni respon­sa­bi­li a tut­ti gli effet­ti, con one­ri e ono­ri. Man­dan­do così defi­ni­ti­va­men­te al mace­ro i decen­ni bui in cui le idee leghi­ste, spes­so e volen­tie­ri diven­ta­te patri­mo­nio di tut­ta la destra e non solo, han­no det­ta­to leg­ge in Italia.

immigrato_lavoro Dei cin­que milio­ni di per­so­ne di ori­gi­ne non ita­lia­na, che oggi vivo­no e lavo­ra­no nel nostro Pae­se, garan­ten­do il 9% del get­ti­to fisca­le, oltre un milio­ne è nato e cre­sciu­to qui, sen­za poter­si dire ita­lia­no. Eppu­re que­sti cit­ta­di­ni di secon­da gene­ra­zio­ne non han­no spes­so mai cono­sciu­to la nazio­ne di ori­gi­ne dei geni­to­ri, par­la­no la nostra lin­gua, han­no le stes­se abi­tu­di­ni dei loro coe­ta­nei ita­lia­ni da gene­ra­zio­ni, ma non egua­li dirit­ti. Dal­lo ius san­gui­nis si deve così pas­sa­re allo ius soli, qua­le siste­ma di con­ces­sio­ne del­la cit­ta­di­nan­za: chi è nato in Ita­lia, dev’es­se­re ita­lia­no. E così, anche per chi arri­va da adul­to, devo­no esse­re ridot­ti e sem­pli­fi­ca­ti i tem­pi e le incom­ben­ze per otte­ne­re la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na su base volon­ta­ria. Le buo­ne pra­ti­che espe­ren­zia­te in tal sen­so a livel­lo loca­le devo­no diven­ta­re in que­sta manie­ra un para­dig­ma per tut­ta la mac­chi­na sta­tua­le del­la pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne. Più ita­lia­ni signi­fi­ca cit­ta­di­ni più con­sa­pe­vo­li: il Par­ti­to Demo­cra­ti­co in tal sen­so ha can­di­da­to e fat­to eleg­ge­re cit­ta­di­ni nati nel­le nazio­ni pove­re del­l’A­fri­ca, e una di que­ste, la dot­to­res­sa Céci­le Kyen­ge, è oggi mini­stro per l’in­te­gra­zio­ne: a lei vada tut­to il sup­por­to uti­le a cam­bia­re poli­ti­che fal­li­men­ta­ri e anti-umane.

Calcio:Kyenge,Nazionale modello dell'Italia di domani L’attuale nor­ma­ti­va ren­de qua­si impos­si­bi­le entra­re rego­lar­men­te in Ita­lia sen­za ali­men­ta­re sac­che di lavo­ro nero, sfrut­ta­men­to e cri­mi­na­li­tà che nuoc­cio­no al siste­ma socia­le ed eco­no­mi­co nel suo com­ples­so. Si deve inci­de­re sul­la pro­gram­ma­zio­ne e la revi­sio­ne del­le pro­ce­du­re in modo da pro­muo­ve­re l’ingresso rego­la­re, favo­ri­re l’integrazione e la coe­sio­ne socia­le, amplia­re la dura­ta del per­mes­so di sog­gior­no. Per valo­riz­za­re il capi­ta­le uma­no dei migran­ti è indi­spen­sa­bi­le ren­de­re più agi­le il rico­no­sci­men­to dei tito­li di stu­dio, la pos­si­bi­li­tà di iscri­ver­si agli ordi­ni pro­fes­sio­na­li se in pos­ses­so dei tito­li, la pos­si­bi­li­tà di entra­re nel­le poli­ti­che atti­ve del lavo­ro come lavo­ra­to­ri qua­li­fi­ca­ti. È quin­di neces­sa­rio pre­ve­de­re l’introduzione del­la figu­ra del­lo spon­sor e la pos­si­bi­li­tà di con­ce­de­re rego­la­riz­za­zio­ni “dedi­ca­te” sul­la base di requi­si­ti più fles­si­bi­li (red­di­to e lavo­ro sta­bi­le, col­le­ga­men­ti fami­lia­ri, dura­ta del sog­gior­no, assen­za di con­dan­ne pena­li). Miglio­ri sono le con­di­zio­ni di vita che offria­mo a que­ste per­so­ne, miglio­re sarà il loro rap­por­to con gli altri ita­lia­ni e con lo Sta­to che voglia­mo anda­re a governare.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?