In Lombardia si chiudono laboratori di ricerca nel campo medico-farmaceutico

Mentre c'è chi sta riaprendo o riaprirà a breve, ci sono dei laboratori in Lombardia che rimarranno chiusi: non vedranno più 76 ricercatori della Rottapharm Biotech, perchè sono stati licenziati e i laboratori nei quali lavoravano saranno dismessi

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«Ria­pri­re tut­to» è quel­lo che vie­ne ripe­tu­to in qua­si tut­te le regio­ni ita­lia­ne, com­pre­se quel­le più dura­men­te col­pi­te dal­l’e­mer­gen­za sani­ta­ria. Chie­do­no sostan­zial­men­te mag­gior auto­no­mia nel­la gestio­ne del­la Fase 2. Men­tre c’è chi sta ria­pren­do o ria­pri­rà a bre­ve, ci sono dei labo­ra­to­ri in Lom­bar­dia che rimar­ran­no chiu­si: non vedran­no più 76 ricer­ca­to­ri del­la Rot­ta­pharm Bio­tech, per­chè sono sta­ti licen­zia­ti e i labo­ra­to­ri nei qua­li lavo­ra­va­no saran­no dismes­si. Men­tre nel mon­do la ricer­ca scien­ti­fi­ca nel cam­po medi­co-far­ma­ceu­ti­co assu­me una rile­van­za stra­te­gi­ca (non solo eco­no­mi­ca) anche a livel­lo geo­po­li­ti­co, a Mon­za si va deci­sa­men­te in con­tro­ten­den­za. 

Le let­te­re di licen­zia­men­to sono data­te 19 feb­bra­io (il Dpcm bloc­ca i licen­zia­men­ti a par­ti­re dal 23 feb­bra­io, 4 gior­ni di dif­fe­ren­za) e ai ricer­ca­to­ri non rima­ne nean­che la pos­si­bi­li­tà di orga­niz­za­re mani­fe­sta­zio­ni di pro­te­sta. Lucio Rova­ti, pre­si­den­te di Rot­ta­pharm Bio­tech, giu­sti­fi­ca la chiu­su­ra del cen­tro di ricer­ca brian­teo dicen­do di voler con­cen­tra­re gli inve­sti­men­ti su pro­get­ti di ricer­ca uni­ver­si­ta­ri e di pic­co­le bio­tech inno­va­ti­ve e alta­men­te spe­cia­liz­za­te, per­chè il model­lo tra­di­zio­na­le di ricer­ca risul­ta supe­ra­to dal model­lo del­le pic­co­le start up. Ai lavo­ra­to­ri oltre alla pro­de­cu­ra col­let­ti­va di licen­zia­men­to rima­ne l’of­fer­ta, avan­za­ta dal­l’a­zien­da, di 12 men­si­li­tà più 400 Euro per ogni anno di anzia­ni­tà.

Ora la trat­ta­ti­va si spo­sta al mini­ste­ro del lavo­ro (un incon­tro è pre­vi­sto per il pros­si­mo 14 maggio).

I sin­da­ca­ti si chie­do­no come farà Rot­ta­pharm Bio­tech ad imple­men­ta­re la ricer­ca sul vac­ci­no, l’antivirale, i far­ma­ci con­tro il coro­na­vi­rus (i tre set­to­ri di ricer­ca distin­ti e com­ple­men­ta­ri a cui si sta lavo­ran­do in tut­to il mon­do), sui qua­li l’a­zien­da ha pre­mes­so che si avvar­rà del­la col­la­bo­ra­zio­ne di un altro cen­tro di ricer­ca e del­l’u­ni­ver­si­tà Milano-Bicocca.

L’I­ta­lia nel 2018 è sta­ta la pri­ma pro­dut­tri­ce di far­ma­ci d’Eu­ro­pa, per un valo­re pari a 32 miliar­di di Euro, con un trend di cre­sci­ta di valo­re del­l’out­put di 8,8 mld fra il 2009 e il 2018 (il 38% in più)

Come con­fer­ma il rap­por­to “L’innovazione del­la vita. Ricer­ca, pro­du­zio­ne e digi­ta­liz­za­zio­ne nel set­to­re far­ma­ceu­ti­co per un model­lo ita­lia­no di suc­ces­so” con­dot­to dall’Istituto per la Com­pe­ti­ti­vi­tà (I‑Com),  i risul­ta­ti con­se­gui­ti in ter­mi­ni di pro­du­zio­ne ed export han­no avu­to rifles­si posi­ti­vi anche sul mer­ca­to del lavo­ro: tra il 2014 e il 2018 l’industria far­ma­ceu­ti­ca ha aumen­ta­to l’occupazione più di tut­ti gli altri set­to­ri mani­fat­tu­rie­ri ita­lia­ni, nel 2018 gli addet­ti far­ma­ceu­ti­ci han­no rag­giun­to le 66.500 uni­tà. Fra i risul­ta­ti posi­ti­vi la nota dolen­te è rap­pre­sen­ta­ta (come sem­pre) dagli inve­sti­men­ti in ricer­ca e svi­lup­po (rima­ne ampio il gap con gli altri pae­si dell’UE).

Nel nostro Pae­se si inve­ste signi­fi­ca­ti­va­men­te meno in ter­mi­ni asso­lu­ti: 1,6 miliar­di di euro nel 2018. Mal­gra­do ciò, l’andamento degli inve­sti­men­ti regi­stra nel tem­po una dina­mi­ca posi­ti­va, con un aumen­to pari al 35% negli ulti­mi die­ci anni. Una dina­mi­ca posi­ti­va da non dare per scon­ta­ta e che le isti­tu­zio­ni dovreb­bro incen­ti­va­re con poli­ti­che ad hoc. Riman­go­no alcu­ne cri­ti­ci­tà di fon­do che l’e­mer­gen­za sani­ta­ria rischia di por­ta­re (o sta por­tan­do anzi­tem­po) a gal­la: in pri­mis la rimo­du­la­zio­ne dei tet­ti di spe­sa e il ripia­no del­la spe­sa far­ma­ceu­ti­ca. Si ripe­te da anni ormai che è fon­da­men­ta­le assi­cu­ra­re un ade­gua­to finan­zia­men­to alla spe­sa far­ma­ceu­ti­ca, rimo­du­lan­do i tet­ti, in par­ti­co­la­re quel­lo sul­la far­ma­ceu­ti­ca ospe­da­lie­ra, che fin dall’inizio è appar­so pale­se­men­te ina­de­gua­to. Poi il rifi­nan­zia­men­to dei due fon­di per gli inno­va­ti­vi (onco­lo­gi­ci e non) e la pos­si­bi­li­tà di gesti­re even­tua­li avan­zi, con­sen­ten­do alle risor­se stan­zia­te per il far­ma­co di rima­ne­re nell’ambito del­la spe­sa far­ma­ceu­ti­ca. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.