Immigrazione e cittadinanza: Renzi e Alfano collezionano mezze riforme e danni irreparabili

cittadinanza

La rifor­ma del­la cit­ta­di­nan­za, dopo l’approvazione alla Came­ra, con il nostro voto di moti­va­ta asten­sio­ne per l’introduzione di uno ius cul­tu­rae discri­mi­na­to­rio e di uno ius soli mol­to tem­pe­ra­to, appro­da al Sena­to.

È sta­to dise­gna­to un dirit­to a metà, zop­po, con­di­zio­na­to, octroyé, con­ces­so dall’alto, discre­zio­na­le e frut­to di un bas­so com­pro­mes­so in seno alla mag­gio­ran­za PD-NCD.

La bon­tà dei nostri argo­men­ti cri­ti­ci vie­ne con­fer­ma­ta dall’ana­li­si tec­ni­ca e dal­la denun­cia di ille­git­ti­mi­tà costi­tu­zio­na­le sol­le­va­ta dall’ASGI, la più auto­re­vo­le asso­cia­zio­ne di stu­di giu­ri­di­ci sull’immigrazione.

I bim­bi di ori­gi­ne stra­nie­ra nati in Ita­lia acqui­sta­no la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na se alme­no papà o mam­ma sono tito­la­ri di per­mes­so di sog­gior­no a tem­po inde­ter­mi­na­to: e qui si anni­da il pri­mo baco, per­ché il con­se­gui­men­to e il man­te­ni­men­to di que­sto tipo di per­mes­so di sog­gior­no è lega­to al red­di­to (l’importo dell’assegno socia­le mol­ti­pli­ca­to per 13 men­si­li­tà) e quin­di si con­di­zio­na l’acquisto del­la cit­ta­di­nan­za dei bam­bi­ni di ori­gi­ne stra­nie­ra al red­di­to dei geni­to­ri.

Dirit­ti in base al cen­so, un bel ritor­no al medioevo.

La solu­zio­ne cor­ret­ta, se si vuo­le rispet­ta­re la ratio dell’intervento che è quel­la di cir­co­scri­ve­re lo ius civi­ta­tis a situa­zio­ni di non epi­so­di­co e sta­bi­le col­le­ga­men­to col ter­ri­to­rio nazio­na­le, sareb­be quel­la di pre­ve­de­re solo la rego­la­re per­ma­nen­za sul ter­ri­to­rio nazio­na­le da alme­no 5 anni di uno dei due geni­to­ri.

Quan­to allo ius cul­tu­rae cioè il dirit­to di acqui­si­re la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na dopo un ciclo di stu­di di alme­no 5 anni, con l’ulteriore con­di­zio­ne del­la pro­mo­zio­ne se si trat­ta del ciclo di istru­zio­ne pri­ma­ria, ASGI addi­ta la vio­la­zio­ne del­la Con­ven­zio­ne ONU sui dirit­ti del­le per­so­ne con disa­bi­li­tà, per­ché la nor­ma non tie­ne con­to del­le con­di­zio­ni di svan­tag­gio dei bim­bi disa­bi­li.

Un ulte­rio­re aspet­to di rile­van­za costi­tu­zio­na­le è l’attribuzione del dirit­to di pre­sen­ta­re la doman­da di cit­ta­di­nan­za ad uno solo dei geni­to­ri del bam­bi­no nato in Ita­lia: per non vio­la­re gli artt. 29 e 30 del­la Costi­tu­zio­ne biso­gna attri­bui­re a entram­bi i geni­to­ri, pari­ta­ria­men­te, tale pre­ro­ga­ti­va.

Con ogni evi­den­za, se il Sena­to non cor­reg­ge­rà que­ste macro­sco­pi­che stor­tu­re e vere e pro­prie vio­la­zio­ni del­la Costi­tu­zio­ne, l’Italia avrà per­so un’occasione sto­ri­ca per moder­niz­za­re il pro­prio siste­ma di cit­ta­di­nan­za.

Per chi, come noi, ave­va atti­va­men­te par­te­ci­pa­to alla cam­pa­gna L’Italia sono anch’io que­sta leg­ge è un tra­di­men­to e una delu­sio­ne, una gran­de occa­sio­ne perduta.

Con­ti­nue­re­mo a bat­ter­ci in aula e fuo­ri per la pro­mo­zio­ne di un dirit­to di cit­ta­di­nan­za pie­no, vero, inclu­si­vo, lun­gi­mi­ran­te, che guar­di con intel­li­gen­za e con corag­gio all’Italia di domani.

Come se non bastas­se, in que­sti gior­ni sarà discus­sa e sicu­ra­men­te appro­va­ta una mozio­ne tar­ga­ta PD (con le fir­me anche di espo­nen­ti come Ber­sa­ni, Cuper­lo, D’Attorre) che affian­ca alla con­di­vi­si­bi­le pro­po­sta di intro­du­zio­ne di sezio­ni spe­cia­liz­za­te in mate­ria di immi­gra­zio­ne nei tri­bu­na­li ordi­na­ri, sul tema del dirit­ti di asi­lo e del­la pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le e del­le rela­ti­ve pro­ce­du­re di ricor­so in caso di riget­to del­la doman­da da par­te del­la com­pe­ten­te Com­mis­sio­ne Ter­ri­to­ria­le, una modi­fi­ca del pro­ces­so civi­le con “eli­mi­na­zio­ne del con­trad­dit­to­rio in udien­za” e “deci­sa com­pres­sio­ne del giu­di­zio di appel­lo”.

Insom­ma, i dirit­ti fon­da­men­ta­li del­la per­so­na (art. 10 com­ma 3 del­la Costi­tu­zio­ne, Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951 sul­la pro­te­zio­ne dei rifu­gia­ti) trat­ta­ti come l’ultimo dei dirit­ti di cre­di­to azio­na­bi­le con ricor­so per decre­to ingiun­ti­vo: un arre­tra­men­to cul­tu­ra­le e giu­ri­di­co che dise­gna una giu­sti­zia di serie Z per i richie­den­ti asilo.

Non esi­te­re­mo a denun­cia­re con for­za anche que­sta igno­bi­le deri­va e ad assu­me­re ogni ini­zia­ti­va per con­tra­star­la.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.