La legge sulla cittadinanza votata ieri (spiegata bene)

È sta­ta vota­ta ieri dal­la Came­ra il testo di leg­ge che disci­pli­na l’ottenimento del­la cit­ta­di­nan­za per i nati in Ita­lia da geni­to­ri stra­nie­ri e per i bam­bi­ni nati all’estero ma giun­ti in età sco­la­sti­ca in Italia.

Fino­ra (e fino a quan­do anche que­sto testo non sarà leg­ge) non esi­ste­va pos­si­bi­li­tà per i figli di geni­to­ri stra­nie­ri di otte­ne­re la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na, se non al rag­giun­gi­men­to del­la mag­gio­re età dopo aver sog­gior­na­to in Ita­lia rego­lar­men­te sin dal­la nasci­ta.

Il testo vota­to dal­la Came­ra pre­ve­de inve­ce del­le pos­si­bi­li­tà aggiun­ti­ve, che di fat­to per­met­to­no ai nati in Ita­lia figli di cit­ta­di­ni stra­nie­ri di otte­ne­re la cit­ta­di­nan­za da subi­to, ma ad alcu­ne condizioni.

 

Che signi­fi­ca “Ius soli temperato”?

La pri­ma con­di­zio­ne è che alme­no uno dei geni­to­ri sia in pos­ses­so del per­mes­so di cit­ta­di­nan­za UE di lun­go perio­do, che di fat­to non ha sca­den­za tem­po­ra­le. Ciò deter­mi­na un’altra serie di requi­si­ti, infat­ti det­to per­mes­so «può esse­re richie­sto da cit­ta­di­ni stra­nie­ri:

  • che sog­gior­na­no rego­lar­men­te in Ita­lia da alme­no 5 anni;
  • che sono tito­la­ri di un per­mes­so di sog­gior­no in cor­so di validità;
  • che pos­so­no dimo­stra­re la dispo­ni­bi­li­tà di un red­di­to non infe­rio­re all’importo annuo dell’assegno socia­le (448,52 euro al mese, per 13 men­si­li­tà, n.d.a.) rife­ri­to ad una qual­sia­si tipo­lo­gia di con­trat­to (deter­mi­na­to o inde­ter­mi­na­to ed anche apprendistato);
  • che han­no supe­ra­to un test di cono­scen­za del­la lin­gua italiana».

Nel con­teg­gio dei cin­que anni si tie­ne con­to che «Le assen­ze del­lo stra­nie­ro dal ter­ri­to­rio nazio­na­le non inter­rom­po­no la dura­ta del perio­do di 5 anni di pos­ses­so, da par­te sua, di un per­mes­so di sog­gior­no e sono inclu­se nel com­pu­to del­lo stes­so, a con­di­zio­ne che sia­no infe­rio­ri a 6 mesi con­se­cu­ti­vi e non supe­ri­no com­ples­si­va­men­te 10 mesi nel quinquennio».

Non può inve­ce esse­re fat­ta richie­sta (fon­te: meltingpot.org):

  • dai tito­la­ri di per­mes­so per moti­vi di stu­dio o for­ma­zio­ne professionale;
  • dai tito­la­ri di per­mes­so per moti­vi uma­ni­ta­ri o a tito­lo di pro­te­zio­ne temporanea;
  • dai richie­den­ti la pro­te­zio­ne internazionale;
  • dai tito­la­ri di visti o per­mes­si di sog­gior­no di bre­ve periodo;
  • dai cit­ta­di­ni stra­nie­ri peri­co­lo­si per l’ordine pub­bli­co o la sicu­rez­za del­lo stato;

Infi­ne, non pos­so­no fare richie­sta i cit­ta­di­ni europei.

Quan­ti sono gli stra­nie­ri pre­sen­ti in Ita­lia ad ave­re, oggi, que­sto tipo di per­mes­so di sog­gior­no? Nel 2014 era­no 2 179 607 (ISTAT), con­tro un tota­le di oltre 5 milio­ni di resi­den­ti stra­nie­ri regolari.

 

Cosa dice­va la pro­po­sta del­la cam­pa­gna “L’Italia sono anche io”?

Dice­va che ha dirit­to alla cit­ta­di­nan­za ita­lia­na «chi è nato nel ter­ri­to­rio del­la Repub­bli­ca da geni­to­ri stra­nie­ri di cui alme­no uno sia legal­men­te sog­gior­nan­te in Ita­lia da alme­no un anno» (un anno, non cin­que, alle stes­se con­di­zio­ni reddituali).

Infat­ti i pro­mo­to­ri han­no dif­fu­so una nota ieri, nel­la qua­le sosten­go­no che «la pre­vi­sio­ne di uno ius soli tem­pe­ra­to che con­di­zio­na il futu­ro di bam­bi­ne e bam­bi­ni alla situa­zio­ne eco­no­mi­ca del­la fami­glia, intro­du­cen­do, col requi­si­to del per­mes­so Ue per lun­go sog­gior­nan­ti di uno dei geni­to­ri, una discri­mi­na­zio­ne che vio­la l’ar­ti­co­lo 3 del­la Costi­tu­zio­ne. Ita­lia sono anch’io si augu­ra, che, in secon­da let­tu­ra, la leg­ge ven­ga miglio­ra­ta supe­ran­do alme­no le cri­ti­ci­tà più macroscopiche»

Tra le cri­ti­ci­tà più macro­sco­pi­che cita­no, in par­ti­co­la­re, «l’as­sen­za di una nor­ma che con­sen­ta la sem­pli­fi­ca­zio­ne del­le pro­ce­du­re rela­ti­ve alla natu­ra­liz­za­zio­ne degli adul­ti, con un tra­sfe­ri­men­to di com­pe­ten­ze dal mini­ste­ro del­l’In­ter­no ai sin­da­ci e il supe­ra­men­to, attra­ver­so nor­me cer­te di rife­ri­men­to, del­la discre­zio­na­li­tà che oggi carat­te­riz­za le deci­sio­ni in materia».

 

E lo “ius culturae”?

Il testo vota­to ieri pre­ve­de che, paral­le­la­men­te allo “ius soli tem­pe­ra­to”, ci sia un’al­tra stra­da che si pos­sa segui­re, e cioè: «il mino­re stra­nie­ro nato in Ita­lia o che vi ha fat­to ingres­so entro il com­pi­men­to del dodi­ce­si­mo anno di età che, ai sen­si del­la nor­ma­ti­va vigen­te, ha fre­quen­ta­to rego­lar­men­te, nel ter­ri­to­rio nazio­na­le, per alme­no cin­que anni, uno o più cicli pres­so isti­tu­ti appar­te­nen­ti al siste­ma nazio­na­le di istru­zio­ne o per­cor­si di istru­zio­ne e for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le trien­na­le o qua­drien­na­le ido­nei al con­se­gui­men­to di una qua­li­fi­ca pro­fes­sio­na­le, acqui­sta la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na. Nel caso in cui la fre­quen­za riguar­di il cor­so di istru­zio­ne pri­ma­ria, è altre­sì neces­sa­ria la con­clu­sio­ne posi­ti­va del cor­so medesimo».

 

In con­clu­sio­ne

Andrea Mae­stri ieri è inter­ve­nu­to alla Came­ra moti­van­do il voto di asten­sio­ne di Pos­si­bi­le, soste­nen­do che «con que­sta leg­ge esclu­dia­mo dall’accesso alla cit­ta­di­nan­za cen­ti­na­ia di miglia­ia di bam­bi­ne e bam­bi­ni, discri­mi­nan­do il loro dirit­to in base al cen­so dei geni­to­ri, si per­ché anco­ra­re il dirit­to dei bam­bi­ni nati in Ita­lia alla tito­la­ri­tà del per­mes­so di sog­gior­no di lun­go perio­do da par­te dei geni­to­ri signi­fi­ca sot­to­met­te­re quel dirit­to alla sus­si­sten­za di requi­si­ti di reddito».

Per spie­ga­re cosa signi­fi­ca nel­la pra­ti­ca quo­ti­dia­na tut­to ciò è arri­va­ta con un tem­pi­smo per­fet­to una sen­ten­za di una cau­sa segui­ta dal­lo stes­so Andrea Mae­stri, che rac­con­ta: «Mini­ste­ro del­l’In­ter­no, Pre­fet­tu­ra e Que­stu­ra di Raven­na ave­va­no nega­to ad una signo­ra di ori­gi­ne maroc­chi­na, madre di 2 mino­ri nati in Ita­lia e spo­sa­ta con un con­na­zio­na­le già tito­la­re del­la car­ta di sog­gior­no a tem­po inde­ter­mi­na­to, il rila­scio del per­mes­so di sog­gior­no UE per lun­go­sog­gior­nan­ti per moti­vi fami­lia­ri, per asse­ri­ta insuf­fi­cien­za del red­di­to: 14.495 euro inve­ce di 14.547,32 euro (impor­to annuo del­l’as­se­gno socia­le in pre­sen­za di 2 mino­ri nel nucleo fami­lia­re). Per una dif­fe­ren­za di 52,32 euro a que­sta signo­ra veni­va nega­to il dirit­to ad un tito­lo di sog­gior­no sta­bi­le. Il TAR del­l’E­mi­lia-Roma­gna, sede di Bolo­gna, con la sen­ten­za n. 855 del 12 otto­bre 2015 ha annul­la­to il dinie­go que­sto­ri­le del per­mes­so di sog­gior­no e il riget­to del ricor­so gerar­chi­co pre­fet­ti­zio, dichia­ran­do il dirit­to del­la signo­ra al p.d.s. e con­dan­nan­do Mini­ste­ro, Pre­fet­tu­ra e Que­stu­re alle spe­se pro­ces­sua­li (2000 euro più one­ri di legge)».

E Mae­stri pro­se­gue: «Que­sta sen­ten­za con­sen­te di svol­ge­re un ragio­na­men­to serio sul­l’im­pat­to che la nuo­va leg­ge sul­la cit­ta­di­nan­za, licen­zia­ta ieri dal­la Came­ra dei Depu­ta­ti e tra­smes­sa la Sena­to, avrà in con­cre­to. Lo ius soli mol­to tem­pe­ra­to intro­dot­to dal­la mag­gio­ran­za ren­zia­na-alfa­nia­na subor­di­na il dirit­to all’ac­qui­sto del­la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na da par­te dei bam­bi­ni stra­nie­ri nati in Ita­lia al pos­ses­so del­la car­ta di sog­gior­no a tem­po inde­ter­mi­na­to (che oggi si chia­ma per­mes­so di sog­gior­no per lun­go­sog­gior­nan­ti) da par­te di alme­no uno dei due geni­to­ri. E come si vede dal­la sen­ten­za cita­ta, le Que­stu­re nega­no que­sto per­mes­so a tem­po inde­ter­mi­na­to (e in sede di aggior­na­men­to lo revo­ca­no, rila­scian­do un per­mes­so di sog­gior­no ordi­na­rio, annua­le, rin­no­va­bi­le) se il red­di­to è insuf­fi­cien­te: come si vede, que­sto acca­de anche a fron­te di una mini­ma dif­fe­ren­za tra il red­di­to dichia­ra­to e quel­lo mini­mo fis­sa­to dal­la leg­ge. E’ dun­que evi­den­te che il dirit­to dei bam­bi­ni nati in Ita­lia è un dirit­to mon­co, dimez­za­to, con­ces­so, indi­ret­to, con­di­zio­na­to, insom­ma non è un dirit­to pieno».

«Ma non è meno discu­ti­bi­le il nuo­vo ius cul­tu­rae, cioè il dirit­to a con­se­gui­re la cit­ta­di­nan­za se si è nati in Ita­lia o si è arri­va­ti pri­ma del com­pi­men­to dei 12 anni di età e si sia fre­quen­ta­to un ciclo di stu­di “posi­ti­va­men­te”: anche qui, se un bam­bi­no vie­ne boc­cia­to a scuo­la (maga­ri pro­prio per­ché non è riu­sci­to a supe­ra­re fra­gi­li­tà ini­zia­li lega­te alla lin­gua o per­ché ver­sa in con­di­zio­ni di han­di­cap o disa­bi­li­tà tali da com­pro­met­te­re il buon esi­to del per­cor­so sco­la­sti­co ecc.) nien­te cit­ta­di­nan­za. Di qui le buo­ne ragio­ni del voto di asten­sio­ne dei depu­ta­ti di Pos­si­bi­le, che regi­stra­no il mez­zo pas­so in avan­ti fat­to con la nuo­va leg­ge ma nel­lo stes­so tem­po ne denun­cia­no tut­ti i limi­ti e le intol­le­ra­bi­li storture».

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?