Il troppo che avanza

Diversamente dalle tante realtà politiche che insistono sul territorio nazionale, la nostra ambizione è quella di far sì che siano i territori il cuore pulsante della nostra forza propositiva, attraverso le attività portate avanti dai comitati, ribaltando completamente l’approccio top-down che nella maggior parte delle esperienze di partito taglia fuori i militanti e le loro competenze.

Tra le attività promosse lungo tutta la penisola, un progetto che ci sta particolarmente a cuore è la riduzione degli sprechi alimentari: una gestione efficiente delle filiere e il consumo critico sono le due aree di intervento che permettono di incrementare la qualità della vita della popolazione attraverso azioni che puntino al miglioramento degli ecosistemi e al benessere degli individui.

Abbiamo già affrontato questa problematica ma, per avere un’idea delle cifre, basti pensare che ogni anno, per ciascun cittadino europeo, lo spreco alimentare ammonta a 280 Kg, rispetto ai 560 Kg di cibo consumati (di cui ⅔ vanno persi lungo la filiera produttiva, prima che finiscano nei sacchetti della spesa, il rimanente terzo, invece, finisce nelle pattumiere domestiche: circa 260 grammi ogni giorno). A livello globale, sono 1,3 milioni di tonnellate, corrispondenti a un terzo dell’intera produzione mondiale di alimenti.

La nostra proposta è la costruzione di un network per il consumo responsabile e il recupero alimentare: sono numerose le attività di volontariato che, attraverso il recupero di cibo altrimenti sprecato, cercano di arginare questo problema. Sono esperienze encomiabili, che meritano di essere valorizzate, supportate e replicate, senza limitarne in alcun modo l’autonomia d’azione.

Per fare ciò, non sono sufficienti investimenti di capitale o interventi legislativi: quello che serve è, in primo luogo, un investimento di carattere sociale.

Occorre promuovere un consumo alimentare responsabile che diminuisca gli impatti negativi sulla società e sull’ambiente e che limiti gli sprechi attraverso il recupero delle eccedenze. Per raggiungere questi obiettivi dobbiamo mettere in comunicazione  produttori, consumatori e cittadini organizzati.

La nostra proposta è quella di partire dall’attività volontaria dei comitati di Possibile sensibili a questi temi al fine di:

  1. censire e rendere visibili tutte le attività esistenti che si occupano di recupero;
  2. individuare e mettere in relazione soggetti produttori disponibili a cedere le proprie eccedenze alimentari e associazioni di volontariato pronte a raccoglierle: uno strumento per facilitare l’incontro di domanda e offerta in un contesto in cui la scarsa regolamentazione del settore rischia di raffreddare le donazioni.
  3. facilitare l’incontro tra domanda e offerta di prodotti “locali”, a “chilometro zero”, prodotti secondo elevati standard ambientali e sociali, sensibilizzando le comunità a un consumo alimentare etico.

Da una parte, perciò, i produttori. Dall’altra parte i consumatori o i rivenditori. Uno strumento per accorciare la filiera e per averne un maggior controllo. Un modo per ridurre gli sprechi e diminuire i costi in termini di energia e di risorse, premiando i produttori virtuosi.

Una rete composta da realtà locali auto-organizzate, che aiuti a promuovere stili di vita sostenibili e, allo stesso tempo, economicamente vantaggiosi, che permettano acquisti in economia e una migliore distribuzione delle risorse e dei vantaggi economici, sociali e ambientali.

Il sistema alimentare è uno strumento irrinunciabile per mettere in moto il cambiamento che ci serve per incrementare il benessere complessivo e raggiungere l’uguaglianza tra gli individui. La riuscita di questo progetto corrisponde alla sommatoria dell’impegno di ciascuno di noi: sia come consumatore, nel momento in cui decide cosa e come consumare, sia come agente di cambiamento sociale, all’interno della rete che stiamo costruendo insieme.

Per aderire, avere informazioni o per qualsiasi altra cosa vi venga in mente, contattateci all’indirizzo [email protected]

Veronica Gianfaldoni

Stefano Catone

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati