Il professor Balzani per il “sì” al referendum

Il referendum è una grande opportunità che il fronte politico riformista dovrebbe cogliere per progettare una transizione energetica coerente con gli accordi di Parigi e che avrebbe conseguenze molto positive sulla nostra economia.

Ripor­tia­mo l’ap­pel­lo sot­to­scrit­to dal pro­fes­sor Vin­cen­zo Bal­za­ni e da oltre 20 scienziati:

Refe­ren­dum 17 apri­le: una poli­ti­ca ener­ge­ti­ca per il pae­se ai tem­pi del­la COP21

Chi vuo­le dare un segna­le poli­ti­co, fa poli­ti­ca”, dico­no i due vice segre­ta­ri del PD. Noi ricer­ca­to­ri di Ener­gia per l’I­ta­lia abbia­mo svol­to un’azione poli­ti­ca chie­den­do al Pre­si­den­te del Con­si­glio e ai Mini­stri inte­res­sa­ti di apri­re un costrut­ti­vo dibat­ti­to sul­la Stra­te­gia Ener­ge­ti­ca Nazio­na­le che l’attuale Gover­no ha ere­di­ta­to da quel­li pre­ce­den­ti e che poi ha sostan­zial­men­te peg­gio­ra­to con una serie di decre­ti.  Non abbia­mo mai avu­to rispo­sta. Il refe­ren­dum ha cer­ta­men­te un signi­fi­ca­to poli­ti­co per­ché con­te­sta una Stra­te­gia che igno­ra lo sta­to di degra­do e di peri­co­lo in cui si tro­va il pia­ne­ta evi­den­zia­to  dagli scien­zia­ti, sot­to­li­nea­to da papa Fran­ce­sco nel­l’en­ci­cli­ca Lau­da­to sì e ogget­to del­l’ac­cor­do alla Cop 21 di Pari­gi, fir­ma­to dal­le dele­ga­zio­ni di 185 pae­si fra cui l’Italia.

Fin­ché c’è gas, ovvia­men­te è giu­sto estrar­re gas. Sareb­be auto­le­sio­ni­sta bloc­car­le dopo ave­re costrui­to gli impian­ti, … licen­zia­re miglia­ia di ita­lia­ni e rinun­cia­re a un po’ di ener­gia dispo­ni­bi­le, Made in Ita­ly. Col risul­ta­to che dovrem­mo acqui­sta­re ener­gia nei pae­si ara­bi o in Rus­sia, a un prez­zo mag­gio­re scri­vo­no i due vice segretari.

Nel Regno Uni­to si sta svol­gen­do la cam­pa­gna “Keep it in the ground” (let­te­ral­men­te lascia­li nel sot­to­suo­lo), per­ché lo spa­zio per i rifiu­ti nel­la casa comu­ne Ter­ra è qua­si esau­ri­to: vi è posto solo per le emis­sio­ni di CO2 che cor­ri­spon­do­no a un quin­to dei com­bu­sti­bi­li fos­si­li che si tro­va­no nel sot­to­suo­lo. Se ne estra­ia­mo più di un quin­to, l’aumento di tem­pe­ra­tu­ra supe­re­rà i 2 °C, la soglia che una­ni­me­men­te è sta­ta rico­no­sciu­ta come un limi­te inva­li­ca­bi­le nel­la con­fe­ren­za di Pari­gi. Ecco, per­ché NON è giu­sto estrar­re gas ed è inve­ce giu­sto inve­sti­re sul rispar­mio ener­ge­ti­co e sul­le ener­gie rinnovabili.

Soste­ne­re il SI al refe­ren­dum signi­fi­ca anche defi­ni­re gli indi­riz­zi stra­te­gi­ci del­la poli­ti­ca indu­stria­le del pae­se. Il prin­ci­pa­le risul­ta­to atte­so è la con­ver­sio­ne del­le azien­de del set­to­re oil&gas ver­so le nuo­ve tecnologie.

Il costo dell’energia è sta­bi­li­to dal mer­ca­to glo­ba­le e da com­ples­si mec­ca­ni­smi finan­zia­ri ed eco­no­mi­ci. Ad esem­pio, l’energia in ecces­so pro­dot­ta dal­le fon­ti rin­no­va­bi­li, ovve­ro non con­su­ma­ta da chi la pro­du­ce, vie­ne ven­du­ta a prez­zi mol­to infe­rio­ri al costo di mercato.

Inol­tre, l’estrazione di idro­car­bu­ri in Ita­lia ha mar­gi­ni di pro­fit­to rela­ti­va­men­te bas­si, per­ché le quan­ti­tà tota­li sono esi­gue (pari al fab­bi­so­gno ener­ge­ti­co del pae­se per 2–3 anni) e per­ché richie­do­no pro­ce­di­men­ti com­ples­si per la tute­la ambien­ta­le, qua­li la re-immis­sio­ne di acqua per ridur­re la sub­si­den­za e l’erosione del­le coste.

Non è chia­ro, quin­di, per­ché la pro­du­zio­ne ita­lia­na dovreb­be ridur­re i costi dell’energia per gli uten­ti finali.

Il refe­ren­dum è una gran­de oppor­tu­ni­tà che il fron­te poli­ti­co rifor­mi­sta dovreb­be coglie­re per pro­get­ta­re una tran­si­zio­ne ener­ge­ti­ca coe­ren­te con gli accor­di di Pari­gi e che avreb­be con­se­guen­ze mol­to posi­ti­ve sul­la nostra economia.

Con­fer­mia­mo la nostra pie­na dispo­ni­bi­li­tà a pro­get­ta­re con il Gover­no que­sta transizione.

Vin­cen­zo Bal­za­ni, coor­di­na­to­re di Ener­gia per l’Italia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.