Il petrolio di contrabbando che l’UE e l’Italia hanno fatto finta di non vedere

Pochi gior­ni fa l’in­chie­sta di Report (Nero come il petro­lio) ha sco­per­chia­to il vaso di Pan­do­ra del petro­lio di con­trab­ban­do libi­co (e non solo) che arri­va in Ita­lia. Men­tre il gover­no discu­te­va del­la mano­vra, dei tagli da fare se la pre­vi­sio­ne di cre­sci­ta sti­ma­ta non doves­se tro­va­re riscon­tro nel­la real­tà e di ince­ne­ri­to­ri, sco­pria­mo che il mer­ca­to del petro­lio ille­ga­le vale cir­ca 6 miliar­di l’an­no solo di tas­se ine­va­se. Il 30% del petro­lio è di ori­gi­ne non con­trol­la­ta, frut­to di con­trab­ban­do. Un mer­ca­to in mano alle mili­zie libi­che, fino a poco tem­po fa anche del­l’I­sis in Siria, e gesti­to gra­zie all’in­ter­me­dia­zio­ne del­la mala­vi­ta e del­le mafie di casa nostra. Fino ad arri­va­re alle pom­pe bian­che e ai gros­si grup­pi come Q8, Total, Eni, Api e per­fi­no alla Mari­na mili­ta­re. Finen­do così per finan­zia­re le mafie, il ter­ro­ri­smo, le mili­zie, i traf­fi­can­ti di esse­ri umani.

Il petro­lio di Raq­qa, paga­to in armi, medi­ci­na­li e dena­ro all’I­sis, tran­si­ta­va attra­ver­so la Tur­chia poten­do così aggi­ra­re le rego­le sul­la pro­ve­nien­za (come dimen­ti­ca­re le lun­ghe code di auto­bot­ti immor­ta­la­te dai satel­li­ti rus­si che tra­spor­ta­va­no petro­lio di con­trab­ban­do), fini­va poi alle com­pa­gnie euro­pee a prez­zi van­tag­gio­si. I pm di Bre­scia con la loro inda­gi­ne han­no aper­to le roga­to­rie in Tur­chia per rico­struir­ne il per­cor­so, del petro­lio e del denaro.

Il petro­lio libi­co, inve­ce, dal 2015 al 2017, è tran­si­ta­to per il por­to di Augu­sta (e misce­la­to anche nei por­ti di Civi­ta­vec­chia e Por­to Mar­ghe­ra), pas­san­do per Mal­ta, finen­do nel­le pom­pe ita­lia­ne, fran­ce­si, spa­gno­le e tede­sche. La Finan­za ha por­ta­to alla luce la rete del con­trab­ban­do del­la Max­com, che rifor­ni­va anche la Mari­na mili­ta­re, e che si avva­le­va del­la con­su­len­za di uomi­ni lega­ti al clan San­ta­pao­la. Dal dos­sier Onu del 2017 emer­ge che Malem, il capo di una mili­zia. è uno dei mag­gio­ri con­trab­ban­die­ri, gra­zie ai rifor­ni­men­ti da Zawiya, un impor­ta­te hub petro­li­fe­ro, vista anche la faci­li­tà con cui rie­sco­no a ‘rifor­nir­si’ dal­la raf­fi­ne­rie gesti­te dal­la NOC (Natio­nal Oil Cor­po­ra­tion). Dal­la Libia a Mal­ta il petro­lio veni­va tra­sbor­da­to in un’al­tra nave e, magi­ca­men­te, cam­bia­va­no i cer­ti­fi­ca­ti di ori­gi­ne, in vir­tù di una legi­sla­zio­ne, quel­la mal­te­se, par­ti­co­lar­men­te per­mis­si­va. Non è un caso che del ruo­lo di Mal­ta nel con­trab­ban­do di petro­lio libi­co aves­se par­la­to, pri­ma di esse­re assas­si­na­ta, Daph­ne Carua­na Gali­zia.

L’UE e i pae­si euro­pei inte­res­sa­ti dai traf­fi­ci non se ne sono mai occu­pa­ti seria­men­te (la pic­co­la modi­fi­ca, in tal sen­so, del­la mis­sio­ne Sophia non ha dato risul­ta­ti), per­chè l’u­ni­co pro­ble­ma di cui han­no discus­so è quel­lo del traf­fi­co di esse­ri uma­ni, per bloc­ca­re i migran­ti. Igno­ran­do, o fan­cen­do fin­ta di non vede­re un traf­fi­co che, oltre a deter­mi­na­re ingen­ti amman­chi alle cas­se del­lo Sta­to, costi­tui­sce uno degli ele­men­ti che mag­gior­men­te desta­bi­liz­za­no la Libia. Il petro­lio è con­ti­nua­to ad entra­re libe­ra­men­te in Ita­lia, non ha tro­va­to i por­ti chiu­si, fin­chè non è inter­ve­nu­ta la Finanza.

Un feno­me­no che da tem­po affol­la­va le cro­na­che dei gior­na­li. Nel mag­gio scor­so era la vol­ta del­la ‘Petro­lio con­nec­tion’ sul gaso­lio con­trab­ban­da­to dal­la Libia a Por­to Mar­ghe­ra. Nel feb­bra­io del­lo scor­so anno già si par­la­va del report del­la GdF sul­le navi fan­ta­sma che tra­spor­ta­va­no il petro­lio del­lo Sta­to Isla­mi­co all’I­ta­lia. Navi cister­na che stac­ca­va­no il tra­spon­der per con­ver­ge­re, e tra­sbor­da­re petro­lio clan­de­sti­no, su una nave madre a lar­go di Mal­ta. Non è nuo­va nean­che l’in­da­gi­ne per rici­clag­gio del­la Pro­cu­ra di Bolo­gna a cari­co di Bilal Erdo­gan, figlio del Pre­si­den­te tur­co. Accu­sa­to anche dai rus­si di esse­re il ‘mini­stro del petro­lio di Daesh’.

Quan­do si trat­ta di oro nero il nostro Pae­se (dipen­den­te ener­ge­ti­ca­men­te dal­la Libia), si ammor­bi­di­sce, i dirit­ti uma­ni ven­go­no accan­to­na­ti, il con­trab­ban­do con­sen­ti­to. Ogni gover­no più o meno legit­ti­mo, più o meno demo­cra­ti­co, diven­ta un inter­lo­cu­to­re vali­do, pre­zio­so se ci lascia fare affa­ri. Così il lega­me fos­si­le che ci lega alla Libia (e all’E­git­to), quel cor­do­ne ombe­li­ca­le costi­tui­to dal gasdot­to Green­stream che attra­ver­sa il Medi­ter­ra­neo per rie­mer­ge­re a Gela, com­por­te­rà un’e­co­no­mia di guer­ra basa­ta sul petro­lio in Libia e la vio­la­zio­ne dei dirit­ti e del­le nostre leg­gi fon­da­men­ta­li in Ita­lia. Un modo per arre­sta­re que­sta spi­ra­le di ‘dir­ty oil’ c’è: la ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca del­l’e­co­no­mia. Ovvia­men­te #pri­ma­del­di­lu­vio.

Ste­fa­no Artusi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.