Il paese di Nina

Nina è mia figlia. Ha quat­tro anni. Lei direb­be: quac­cro. Scri­ve let­te­re stra­ne, di cui non capi­sce il signi­fi­ca­to, e par­la mol­to, ma pen­so che non abbia pre­so dal papà.

Ora, l’e­spe­ri­men­to che vi pro­pon­go per i pros­si­mi mesi, è il seguen­te. Imma­gi­na­te il futu­ro dei vostri figli. Quan­do saran­no mag­gio­ren­ni. Per me è faci­le. Sarà il 2030.

Nel 2030 si saprà se qual­cu­no avrà fat­to qual­co­sa per i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, altri­men­ti Nina avrà fred­do in Euro­pa, men­tre mol­ti bam­bi­ni con i loro geni­to­ri scap­pe­ran­no dal­le zone deser­ti­fi­ca­te. E cer­che­ran­no ripa­ro da Nina.

Nel 2030 si saprà se avre­mo fat­to qual­co­sa per chi è più pove­ro, altri­men­ti Nina andrà a scuo­la e all’u­ni­ver­si­tà, men­tre altre e altri, bra­ve e bra­vi come lei e più di lei, non potran­no permetterselo.

Nel 2030 si saprà se una don­na sarà anco­ra più libe­ra, da tut­ti gli inte­gra­li­smi, dal machi­smo e dai maschi che anco­ra spie­ga­no alle don­ne come devo­no com­por­tar­si. Vestir­si. Vive­re. E le paga­no meno dei maschi. E lascia­no loro la cura fami­lia­re. Del­le nine e degli anziani.

Nina vivrà con un sac­co di ami­ci che ven­go­no da tut­te le par­ti del mon­do. Che saran­no nati in Ita­lia: chis­sà se allo­ra saran­no con­si­de­ra­ti ita­lia­ni o se si per­de­ran­no altre legi­sla­tu­re, come questa.

Nina avrà mol­ta tec­no­lo­gia a dispo­si­zio­ne, del resto già usa Lopad — come lo chia­ma — mol­to meglio di me. Quel­la tec­no­lo­gia ren­de­rà la vita più sem­pli­ce, ma sarà acces­si­bi­le a tut­ti? E se sosti­tui­rà lavo­ro, ci sarà lavo­ro per Nina e per i suoi amici?

E se si ridur­rà il lavo­ro, come la met­te­ran­no Nina e i suoi com­pa­gni con il red­di­to?

E avre­mo con­su­ma­to altro suo­lo? E avre­mo fat­to teso­ro del risparmio?

Ecco, per­so­nal­men­te alle ele­zio­ni can­di­do Nina. E spe­ro che voi fac­cia­te lo stes­so con i vostri pic­co­li. Che non pos­so­no vota­re. Ma sono gli elet­to­ri più impor­tan­ti.

Del loro futu­ro voglia­mo discu­te­re a par­ti­re a dal­la Costi­tuen­te del­le idee, dal 24 al 26 feb­bra­io a Roma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.