Il massimo di autonomia, il massimo di apertura

Come ave­va­mo pro­mes­so all’at­to del­la fon­da­zio­ne di Pos­si­bi­le, lun­go tut­ta la Peni­so­la, i comi­ta­ti sono impe­gna­ti nel­la costru­zio­ne di per­cor­si par­te­ci­pa­ti­vi, civi­ci, alter­na­ti­vi. Per­cor­si che inve­sto­no sull’uni­tà del­le com­po­nen­ti socia­li e poli­ti­che, ma che allo stes­so tem­po con­ser­va­no l’auto­no­mia di pen­sie­ro e ter­ri­to­ria­le, la capa­ci­tà cri­ti­ca e la spin­ta idea­le dei diver­si sog­get­ti par­te­ci­pan­ti. «Per­ché la sini­stra si fa» — pro­prio come con la cam­pa­gna refe­ren­da­ria -, e l’unità del­la sini­stra si fa con sé, pra­ti­can­do­la a par­ti­re dai temi e dai ter­ri­to­ri, rifiu­tan­do man­tra vuo­ti che par­la­no esclu­si­va­men­te agli addet­ti ai lavo­ri, costruen­do rela­zio­ni e con­di­vi­den­do la pra­ti­ca poli­ti­ca.

Un pro­ces­so auto­no­mo, ma non cer­to esclu­si­vo, come qual­cu­no vor­reb­be far cre­de­re. Tut­to il contrario.

Men­tre altri stan­no anco­ra discu­ten­do se e come allear­si con il par­ti­to del­la nazio­ne che dovreb­be­ro con­tra­sta­re (allean­do­si è un po’ dif­fi­ci­le con­tra­star­lo, direm­mo noi), Pos­si­bi­le ha da subi­to indi­ca­to un pro­get­to diver­so: costrui­re rela­zio­ni in cui la com­po­nen­te poli­ti­ca dà il via a per­cor­si civi­ci, di cui sia­no chia­ri i valo­ri e le ispi­ra­zio­ni, rico­no­scen­do però la pro­pria par­zia­li­tà. Per­cor­si in cui si crei­no da subi­to le allean­ze più lar­ghe tra cit­ta­di­ni e asso­cia­zio­ni e sog­get­ti socia­li. In cui si rico­strui­sca la rap­pre­sen­tan­za, sen­za impor­re sim­bo­li, eti­chet­te, per­so­na­li­smi tipi­ci del ceto poli­ti­co ita­lia­no. Per­ché è quel­la la Nazio­ne, non quel­la del ger­go politico-mediatico.

Par­tia­mo da Sud, da Cro­to­ne, una cit­tà bloc­ca­ta da ven­ti anni in un fer­mo imma­gi­ne da cui non rie­sce a sco­star­si: la chiu­su­ra del­le fab­bri­che ha lascia­to un ter­ri­to­rio inqui­na­to, ari­do, pove­ro e soprat­tut­to iso­la­to da ogni con­te­sto, nono­stan­te la bel­lez­za di quel ter­ri­to­rio. Ven­ti anni di rin­vii, dai qua­li sor­ge l’esigenza di un cam­bia­men­to radi­ca­le, che Pos­si­bi­le sta inter­pre­tan­do assie­me a cit­ta­di­ni, asso­cia­zio­ni e movi­men­ti civi­ci, schie­ra­ti insie­me per con­tra­sta­re grup­pi di pote­re, tra­sfor­mi­smo, spre­co di risor­se eco­no­mi­che e immo­bi­li­smo: con umil­tà e corag­gio a dispo­si­zio­ne di tut­ti colo­ro che vor­ran­no con­tri­buir­vi, rifiu­tan­do qual­sia­si tipo di allean­za preconfezionata.

Pro­ce­dia­mo ver­so nord, fino a Napo­li, dove i nostri comi­ta­ti dia­lo­ga­no atti­va­men­te con l’attuale sin­da­co Lui­gi De Magi­stris, con la pro­spet­ti­va di costi­tui­re una lista con una for­te impron­ta civi­ca, pri­va di sim­bo­li, capa­ce di cata­liz­za­re le miglio­ri ener­gie pro­ve­nien­ti da asso­cia­zio­ni, movi­men­ti, sin­go­li – e non per que­sto meno impor­tan­ti — cittadini.

Ed è sul coin­vol­gi­men­to dei sin­go­li cit­ta­di­ni che fa espli­ci­ta­men­te leva il per­cor­so avvia­to a Roma, ribat­tez­za­to “con­ta­gio civi­co”. Una for­mu­la di pro­pa­ga­zio­ne, una rea­zio­ne a cate­na, faci­li­ta­ta da un lavo­ro di con­tat­to, anche por­ta a por­ta, gra­zie alle oltre dodi­ci­mi­la fir­me rac­col­te duran­te la cam­pa­gna refe­ren­da­ria. La tec­ni­ca di par­te­ci­pa­zio­ne adot­ta­ta è il co-desi­gn civi­co che, spe­ri­men­ta­ta in un’assemblea aper­ta dei comi­ta­ti di Pos­si­bi­le, ha già dato otti­mi risul­ta­ti, e altret­tan­ti se ne atten­do­no. Per­ché la poli­ti­ca sia al ser­vi­zio dei cit­ta­di­ni e resti­tui­sca loro lo scet­tro del­le deci­sio­ni e del­le solu­zio­ni da soste­ne­re collettivamente.

A Gros­se­to, Pos­si­bi­le è al fian­co di tut­te le per­so­ne di sini­stra, qual­sia­si sia l’estrazione o la pro­ve­nien­za, che si rico­no­sco­no nel­la neces­si­tà di recu­pe­ra­re i valo­ri del­la lega­li­tà e le rego­le del­la con­vi­ven­za civi­le, per ricon­se­gna­re ai cit­ta­di­ni la vita poli­ti­ca del­le ammi­ni­stra­zio­ni pub­bli­che. Il pri­mo appun­ta­men­to pub­bli­co è pre­vi­sto tra pochi gior­ni, il 9 gennaio.

Anche a Bolo­gna Pos­si­bi­le si è mes­sa da subi­to a dispo­si­zio­ne per lavo­ra­re ad un per­cor­so par­te­ci­pa­to che, insie­me ad altre real­tà che si stan­no muo­ven­do nel­la stes­sa dire­zio­ne, pun­ta a costrui­re un uni­co gran­de pro­get­to civi­co per il futu­ro del­la cit­tà. Ha sol­le­ci­ta­to l’in­con­tro con la «coa­li­zio­ne civi­ca» e con gli altri sog­get­ti che non si rico­no­sco­no nel­l’at­tua­le ammi­ni­stra­zio­ne, pun­tan­do imme­dia­ta­men­te sul pro­get­to da svi­lup­pa­re insie­me. Con que­sto spi­ri­to a fine novem­bre si è svol­to il Road Show, un invi­to aper­to a por­ta­re le pro­prie idee, espe­rien­ze, pro­po­ste, per mesco­lar­le e con­fron­tar­si attor­no a cin­que tavo­li tema­ti­ci: dal­l’in­clu­sio­ne socia­le ai beni comu­ni, dal­la cul­tu­ra all’in­no­va­zio­ne, dal­la riqua­li­fi­ca­zio­ne urba­na alla mobi­li­tà soste­ni­bi­le e l’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca. Una splen­di­da gior­na­ta di con­fron­to, ascol­to e par­te­ci­pa­zio­ne, e in mol­ti sono arri­va­ti con tac­cui­no e mati­ta, a signi­fi­ca­re che è sta­to col­to appie­no il sen­so del­l’i­ni­zia­ti­va: quel­lo di costrui­re futu­ro a par­ti­re da un reci­pro­co con­fron­to di espe­rien­ze che arric­chi­sce tut­ti. Dopo le pri­me ini­zia­ti­ve comu­ni, nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne vi sarà una con­ver­gen­za dei per­cor­si tema­ti­ci svol­ti fin qui dal­le varie real­tà coin­vol­te nel pro­ces­so, ver­so un’u­ni­ca pro­po­sta comune.

A Raven­na con­ti­nua con entu­sia­smo la cam­pa­gna elet­to­ra­le ini­zia­ta con lar­ghis­si­mo anti­ci­po nel mag­gio 2015 da Raven­na in Comu­ne, ras­sem­ble­ment sans-PD di cen­tro­si­ni­stra, costrui­to come lista aper­ta di cit­ta­di­nan­za atti­va, cui si ade­ri­sce da sin­go­li, fir­man­do il mani­fe­sto. Chiun­que voles­se pre­sen­tar­si era ed è libe­ro di far­lo, tan­to che l’as­sem­blea gene­ra­le pub­bli­ca ha vota­to all’u­na­ni­mi­tà come can­di­da­ta sin­da­ca la dott.ssa Raf­fael­la Sut­ter, socio­lo­ga, affian­ca­ta da due gio­va­ni por­ta­vo­ce, Mas­si­mo Man­zo­li, impe­gna­to nel­la lot­ta con­tro le mafie e pre­mia­to scrit­to­re, e Dora Casa­li­no, esper­ta di pro­get­ta­zio­ne socia­le e mili­tan­te di movi­men­ti per i dirit­ti civi­li. Pos­si­bi­le (da cui è ger­mo­glia­to il seme tra­mi­te l’as­so­cia­zio­ne civi­ca Li.be.RA, libe­ra e bel­la Raven­na) pro­ce­de di pari pas­so, in que­sto per­cor­so, con PSI, SEL, Ver­di, Radi­ca­li, L’Al­tra e‑R, Comu­ni­sti Ita­lia­ni, Rifon­da­zio­ne Comu­ni­sta e tan­ti cit­ta­di­ni espo­nen­ti del volon­ta­ria­to e dell’associazionismo.

Spo­stan­do­ci a Nord Est, a Trie­ste, la situa­zio­ne non cam­bia: nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne comin­ce­rà un per­cor­so col­le­gia­le di con­fron­to e discus­sio­ne che por­te­rà alla pri­ma ste­su­ra di un pro­gram­ma, pen­sa­to su misu­ra per la cit­tà. Il pro­gram­ma – dopo esse­re sta­to costrui­to insie­me — sarà vota­to, con­te­stual­men­te alla pro­po­sta di can­di­da­tu­ra sin­da­co. Uno schie­ra­men­to ampio, rap­pre­sen­ta­ti­vo di una sini­stra inno­va­ti­va, e un per­cor­so chia­ro e preciso.

All’altro capo del­la auto­stra­da A4, a Tori­no, tro­via­mo i comi­ta­ti di Pos­si­bi­le impe­gna­ti al fian­co di Gior­gio Airau­do nell’impostare un lavo­ro ed un per­cor­so che si ispi­ra al model­lo di “Bar­ce­lo­na en Comù”, che tra l’altro è sta­to ogget­to di stu­dio da par­te di una dele­ga­zio­ne tori­ne­se. Dal­la sini­stra, ai Radi­ca­li, ai Ver­di, ad Alter­na­ti­va libe­ra a Pos­si­bi­le, sono tan­te le ener­gie e tan­te le sen­si­bi­li­tà in campo.

Nel mez­zo, in tut­ti i sen­si, Mila­no. Dove attual­men­te la com­pe­ti­zio­ne è tut­ta a destra, da Sala a Sal­vi­ni. I comi­ta­ti di Pos­si­bi­le esplo­ra­no stra­de nuo­ve, costruen­do pon­ti e rela­zio­ni. Da una par­te, la “Costi­tuen­te per la par­te­ci­pa­zio­ne”, dall’altra “Voci per una Mila­no in Comu­ne”, con l’obiettivo di arri­va­re a una pro­po­sta orga­ni­ca e plu­ra­le – che in Con­si­glio comu­na­le ha già tro­va­to sua espres­sio­ne dal pun­to di vista pro­gram­ma­ti­co — entro i pri­mi di feb­bra­io. I nostri comi­ta­ti ci arri­ve­ran­no pre­pa­ra­tis­si­mi, attra­ver­so una serie di appun­ta­men­ti pubblici.

In tut­ta Ita­lia i comi­ta­ti di Pos­si­bi­le sono impe­gna­ti nel costrui­re rela­zio­ni e per­cor­si par­te­ci­pa­ti­vi, con al cen­tro un lavo­ro sul­le pro­po­ste per miglio­ra­re le cit­tà e – soprat­tut­to – la qua­li­tà del­la vita del­le per­so­ne che le abi­ta­no. Sen­za dimen­ti­ca­re nes­su­no ma, anzi, con un’attenzione par­ti­co­la­re per tut­ti quei mon­di che la poli­ti­ca non rie­sce (anco­ra) a comprendere.

In sin­te­si, la mas­si­ma auto­no­mia dal par­ti­to del tut­ti-den­tro, la mas­si­ma aper­tu­ra a tut­ti colo­ro che voglio­no par­te­ci­pa­re. Par­ten­do dal­le comu­ni­tà, come ci era­va­mo det­ti sei mesi fa. E come fare­mo per i pros­si­mi, avvin­cen­ti, sei mesi.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.