Il diritto di dirsi addio: chi è in isolamento non deve rimanere da solo

Una delle cose che colpisce di più, in questi giorni strani, in cui il tempo sembra essere fermo come se anche lui aspettasse per scorrere, è il dolore di chi entra da solo in ospedale e se ne va in totale solitudine. Mentre le strutture sanitarie, in profonda emergenza, non riesce a sopperire con adeguati supporti tecnologici. Alcuni stanno morendo e purtroppo lo stanno facendo da soli, senza poter salutare i propri cari se non attraverso il piccolo display dello smartphone. Quando c’è. 
IMG-20200321-WA0005

Una delle cose che colpisce di più, in questi giorni strani, in cui il tempo sembra essere fermo come se anche lui aspettasse per scorrere, è il dolore di chi entra da solo in ospedale e se ne va in totale solitudine. Mentre le strutture sanitarie, in profonda emergenza, non riesce a sopperire con adeguati supporti tecnologici. Alcuni stanno morendo e purtroppo lo stanno facendo da soli, senza poter salutare i propri cari se non attraverso il piccolo display dello smartphone. Quando c’è. 

Per questo motivo, l’Ospedale di Sesto San Giovanni ha fatto una richiesta: avere a disposizione dei tablet, perché le persone in isolamento possano parlare con i familiari.

Nella prima Consiliatura dal dopoguerra nella quale la maggioranza a Sesto San Giovanni è di destra, proprio destra senza mezzi termini. La raccolta fondi è partita da una consigliera comunale del PD, Mari Pagani, che abbiamo volentieri condiviso insieme a Sinistra Italiana (Michele Foggetta, segretario cittadino, ha avuto l’idea di un’iniziativa comune) e Articolo Uno.

Anch’io, che mi definisco una “vecchia comunista” e che non amo particolarmente le raccolte fondi, perché ho sempre detto che deve essere lo Stato a risolvere i problemi, non ho mai violato questa mia convinzione così spesso come in questo periodo. Non sono l’unica, evidentemente. Grazie alla generosità dei cittadini e delle cittadine di Sesto, in soli tre giorni abbiamo raccolto un numero commovente di donazioni: più di 2000 euro, con i quali sono stati già acquistati i tablet necessari, che arriveranno la prossima settimana e saranno consegnati alla direzione sanitaria dell’ospedale. 

Con loro capiremo anche come poter utilizzare l’importo che avanza e che, grazie alla generosità di chi ha contribuito, è davvero importante. Questa settimana comunicheremo il totale con gli ultimi bonifici.

Grazie a tutte e tutti coloro che hanno organizzato e partecipato a questa iniziativa, perché essere una comunità ci rende più forti. Insieme si vince, ed è una bella sensazione.

Laura Incantalupo
Possibile Sesto San Giovanni

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati