Il decreto Salvini interviene sulla cittadinanza in maniera tanto chirurgica quanto diabolica

Il legislatore è stato chirurgico e diabolicamente accorto, evitando misure che destassero scalpore e investendo su misure che possono apparire marginali ma che pregiudicano nei fatti, in termini burocratici e amministrativi, il diritto al riconoscimento della cittadinanza.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«Dal­lo ius soli non sia­mo mai sta­ti tan­to lon­ta­ni». Ne “Il capi­ta­le disu­ma­no” (manua­le di ana­li­si e oppo­si­zio­ne al decre­to Sal­vi­ni, dispo­ni­bi­le anche in ver­sio­ne free) lo abbia­mo scrit­to chia­ro e ton­do, per­ché il decre­to non inter­vie­ne sola­men­te sul­la gestio­ne del­l’ac­co­glien­za, ma anche sul­la cit­ta­di­nan­za, e lo fa in modo sub­do­lo, intro­du­cen­do cor­ret­ti­vi che pos­so­no appa­ri­re mar­gi­na­li, ma che han­no effet­ti deva­stan­ti sul­la vita di cit­ta­di­ne e cit­ta­di­ni di fat­to ita­lia­ni, ma ai qua­li non vie­ne rico­no­sciu­ta la cittadinanza.

Su que­ste pagi­ne ce lo ha rac­con­ta­to bene, sul­la sua pel­le, Eli­za­beth Arqui­ni­go Par­do, una cit­ta­di­na peru­via­na resi­den­te in Ita­lia da diciot­to anni. Eli­za­beth ha stu­dia­to in Ita­lia, si è lau­rea­ta in Ita­lia, lavo­ra in Ita­lia e ha pre­sen­ta­to doman­da di rico­no­sci­men­to del­la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na. Ora vor­reb­be pro­se­gui­re gli stu­di all’e­ste­ro, ma non potrà far­lo, se non pre­giu­di­can­do il rico­no­sci­men­to del­la cit­ta­di­nan­za, dato che il decre­to Sal­vi­ni esten­de a quat­tro anni il ter­mi­ne del­la rela­ti­va istrut­to­ria, perio­do nel qua­le non potrà cam­bia­re resi­den­za, rima­nen­do obbli­ga­ta a sog­gior­na­re in Ita­lia

Il decre­to Sal­vi­ni eli­mi­na inol­tre un com­ma dal­la nor­ma­ti­va vigen­te, can­cel­lan­do il ter­mi­ne mas­si­mo di due anni per l’e­ma­na­zio­ne del decre­to di riget­to del­l’i­stan­za di rico­no­sci­men­to: non ci sarà più un limi­te tem­po­ra­le, le per­so­ne potreb­be­ro resta­re in que­sto lim­bo a tem­po inde­ter­mi­na­to. Lo stes­so decre­to innal­za il con­tri­bu­to mone­ta­rio per avvia­re la pra­ti­ca da 200 a 250 euro, e intro­du­ce degli ele­men­ti osta­ti­vi al rico­no­sci­men­to del­la cit­ta­di­nan­za. I richie­den­ti, infat­ti, «non devo­no ave­re, a cari­co pro­prio o dei fami­lia­ri con­vi­ven­ti, prov­ve­di­men­ti dell’Autorità di Pub­bli­ca Sicu­rez­za, giu­di­zia­ri o di con­dan­na, anche non defi­ni­ti­va, non­ché con­cre­ti ele­men­ti di peri­co­lo­si­tà socia­le o di non irre­pren­si­bi­li­tà del­la con­dot­ta. Ai mede­si­mi fini, gli stes­si devo­no ave­re un red­di­to non infe­rio­re a quel­lo pre­vi­sto per l’esenzione dal­la par­te­ci­pa­zio­ne alla spe­sa sani­ta­ria».

Il legi­sla­to­re è sta­to chi­rur­gi­co e dia­bo­li­ca­men­te accor­to, evi­tan­do misu­re che destas­se­ro scal­po­re e inve­sten­do su misu­re che pos­so­no appa­ri­re mar­gi­na­li ma che pre­giu­di­ca­no nei fat­ti, in ter­mi­ni buro­cra­ti­ci e ammi­ni­stra­ti­vi, il dirit­to al rico­no­sci­men­to del­la cittadinanza.

Vie­ne infi­ne intro­dot­to un isti­tu­to ad hoc per colo­ro che non sono ita­lia­ni per dirit­to di san­gue, ma che han­no acqui­si­to suc­ces­si­va­men­te la cit­ta­di­nan­za. Si trat­ta del­la revo­ca del­la cit­ta­di­nan­za, intro­dot­ta per moti­vi gra­vis­si­mi, ma che por­ta con sé un non det­to anco­ra più gra­ve: chi non è cit­ta­di­no ita­lia­no per dirit­to di san­gue è un cit­ta­di­no ita­lia­no di serie B, impu­ro, al qua­le la cit­ta­di­nan­za è sta­ta con­ces­sa (e non rico­no­sciu­ta in quan­to dirit­to) e che quin­di può esse­re revocata. 

La mobi­li­ta­zio­ne al fian­co degli Ita­lia­ni sen­za cit­ta­di­nan­za deve esse­re più robu­sta che mai.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.