I fondi per la disabilità diminuiscono anno dopo anno, nel disinteresse generale

In Lom­bar­dia è all’ordine del gior­no il dibat­ti­to sul­la ridu­zio­ne dei fon­di per la disa­bi­li­tà gra­ve e cro­ni­ca, i fon­di che sup­por­ta­no cura ed assi­sten­za del­le per­so­ne più fra­gi­li ha cor­so il rischio con­cre­to di esse­re dra­sti­ca­men­te tagliato. 

Ciò sareb­be sta­to inspie­ga­bi­le con­si­de­ran­do anche l’incremento di 20 milio­ni stan­zia­to dal Gover­no Centrale. 

Que­sti sono casi ecla­tan­ti che con­cen­tra­no per qual­che fra­zio­ne di secon­do l’attenzione pub­bli­ca su que­ste tema­ti­che ma all’insaputa di tut­ti già da mol­ti anni è in atto un len­to ed ine­so­ra­bi­le deca­di­men­to di ser­vi­zi, pre­sta­zio­ni e mate­ria­le ero­ga­to

Sof­fer­mia­mo­ci su un esem­pio con­cre­to fra tan­ti, le tra­ver­se sal­va­ma­te­ras­so. Nel 2009 l’ASL di Mila­no for­ni­va men­sil­men­te 30 pez­zi di Tena Bed Plus, un pro­dot­to di otti­ma qua­li­tà ed estre­ma assor­ben­za (costo sul sito uffi­cia­le 13.80 per 20 pez­zi). Con il pas­sa­re del tem­po sia­mo pas­sa­ti ad altri for­ni­to­ri, sem­pre sca­den­do in qua­li­tà, fino ad appro­da­re alle attua­li Sof­fi­sof, la cui qua­li­tà è inne­ga­bil­men­te mol­to infe­rio­re (costo sul sito del uffi­cia­le 7.90 per 15 pezzi). 

Par­lia­mo di cifre: nel 2009 la spe­sa desti­na­ta da Regio­ne Lom­bar­dia agli ausi­li per incon­ti­nen­za (di cui le tra­ver­se sal­va­ma­te­ras­so fan­no par­te per cir­ca un sesto del­la spe­sa com­ples­si­va) era di 35 milio­ni di euro, nel 2018 si atte­sta a 27, secon­do i dati dispo­ni­bi­li in Rete. 

Que­sto nono­stan­te una sem­pre mag­gio­re richie­sta, dovu­ta anche all’allungarsi del­la vita media. Le gare di appal­to si basa­no sul prez­zo più bas­so a sca­pi­to del­la qua­li­tà e come ripor­ta­to sul “Libro Bian­co dell’Incontinenza” le fami­glie sono costret­te ad inte­gra­re a pro­prie spe­se (si valu­ta più di un ter­zo di quan­to vie­ne for­ni­to dal SSN) per sup­pli­re a qua­li­tà e quan­ti­tà degli ausi­li erogati. 

Que­sto com­por­ta una dimi­nu­zio­ne del­la qua­li­tà di vita sia del frui­to­re degli ausi­li e del­la sua fami­glia che di chi assi­ste, le spe­se extra pesa­no su bilan­ci dome­sti­ci mol­to spes­so già gra­ve­men­te com­pro­mes­si, i cam­bi più fre­quen­ti, resi neces­sa­ri da pro­dot­ti caren­ti crea­no disa­gio sia a chi deve subir­li sia agli operatori. 

Un pro­dot­to peg­gio­re peg­gio­ra la vita di chi lo uti­liz­za ma non pos­sia­mo igno­ra­re che l’essere costret­ti a cam­bi più fre­quen­ti com­por­ta anche una mole mag­gio­re di rifiu­ti non dif­fe­ren­zia­bi­li da smal­ti­re ed un mag­gior con­su­mo di mate­ria­li plastici.

Ali­cia Ambrosini 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.