Teorizza una rivoluzione culturale: Christian Caliandro

16-cartolina-civoti-coliandro-vertI gior­ni tra il 10 e il 13 giu­gno 1981 segna­no uno spar­tiac­que sim­bo­li­co per l’intero imma­gi­na­rio ita­lia­no: da quel momen­to in poi, un inte­ro popo­lo si sepa­ra dal­la pro­pria iden­ti­tà e ne sce­glie – ne acqui­sta – un’altra pre­con­fe­zio­na­ta, fab­bri­ca­ta altro­ve. Pos­sia­mo defi­ni­re que­sto pro­ces­so una pro­gres­si­va e radi­ca­le dis­so­cia­zio­ne col­let­ti­va dal­la real­tà, una for­ma di schi­zo­fre­nia nazio­na­le e di rimo­zio­ne costan­te dei pro­pri trau­mi che rap­pre­sen­ta anco­ra oggi l’origine dei nostri mag­gio­ri pro­ble­mi. È un pro­ble­ma cul­tu­ra­le gigan­te­sco che si riflet­te in ogni scel­ta e in ogni com­por­ta­men­to, indi­vi­dua­le e col­let­ti­vo. Pos­sia­mo dire che non solo Alfre­di­no, ma l’Italia inte­ra spro­fon­dò nel poz­zo di Ver­mi­ci­no: da lì, da quel tun­nel per­cet­ti­vo, si trat­ta oggi di estrar­la, di tirar­la fuo­ri.”

Chri­stian Calian­dro, sto­ri­co del­l’ar­te con­tem­po­ra­nea e esper­to di poli­ti­che cul­tu­ra­li, ha recen­te­men­te pub­bli­ca­to una luci­dis­si­ma ana­li­si su come il nostro pae­se abbia, anno dopo anno, rifiu­ta­to la que­stio­ne cul­tu­ra­le, acqui­stan­do una per­ce­zio­ne diver­sa del­la real­tà e rele­gan­do il sen­so di con­flit­to a una dimen­sio­ne di paci­fi­ca­zio­ne for­za­ta: Ita­lia Revo­lu­tion. Rina­sce­re con la cul­tu­ra (Bom­pia­ni, 2013).

Da qual­che anno mi occu­po di capi­re – dal pun­to di vista del­la sto­ria cul­tu­ra­le – come in Ita­lia si sia pro­dot­ta la deva­sta­zio­ne che abbia­mo sot­to gli occhi, e come avvia­re una rico­stru­zio­ne seria del livel­lo imma­te­ria­le pri­ma anco­ra che mate­ria­le par­ten­do pro­prio dal­la cul­tu­ra. Cre­do che la mia atti­vi­tà poli­ti­ca coin­ci­da com­ple­ta­men­te con la mia atti­vi­tà cul­tu­ra­le e intel­let­tua­le. Non sono mai sta­to iscrit­to a nes­sun par­ti­to.”

Per­ché poli­ti­ca è quel­lo che fai tut­ti i gior­ni. Nel modo in cui affron­ti le sfi­de che ti si pon­go­no davan­ti. Chri­stian vuo­le usa­re le armi del­la cri­ti­ca per inter­pre­ta­re lo spi­ri­to del tem­po e cer­ca­re di pro­por­re un nuo­vo modo di con­fi­gu­ra­re il lavo­ro cul­tu­ra­le in Ita­lia. Che può – anzi, deve – esse­re un tram­po­li­no per il rilan­cio del pae­se tut­to. “La cul­tu­ra non si man­gia e la cul­tu­ra si man­gia sono due affer­ma­zio­ni solo appa­ren­te­men­te con­tra­rie: si trat­ta di un’opposizione illu­so­ria, per­ché entram­be rien­tra­no nel mede­si­mo recin­to con­cet­tua­le, quel­lo che in man­can­za di un agget­ti­vo miglio­re defi­nia­mo neo­li­be­ri­sta, che ha radi­ci mol­to più pro­fon­de e lon­ta­ne ma che nell’ultimo tren­ten­nio è dive­nu­to domi­nan­te, e in base al qua­le il valo­re di qual­co­sa è tale solo se è quan­ti­fi­ca­bi­le, mone­tiz­za­bi­le. Que­sto ovvia­men­te non vuol dire esclu­de­re la dimen­sio­ne real­men­te eco­no­mi­ca del­la cul­tu­ra, che esi­ste ed è essen­zia­le, se com­pre­sa cor­ret­ta­men­te: vuol dire sem­pli­ce­men­te rifiu­ta­re la dimen­sio­ne e l’interpretazione eco­no­mi­ci­sti­ca e stru­men­ta­le del­la cul­tu­ra, la logi­ca estrat­ti­va che c’è die­tro meta­fo­re orren­de come quel­la del gia­ci­men­to di petro­lio o del teso­ro-che-non-sap­pia­mo-sfrut­ta­re.”

Per l’8 dicem­bre, Chri­stian ha deci­so di sup­por­ta­re la sfi­da di Giu­sep­pe Civa­ti. “Mi sono avvi­ci­na­to a Civa­ti in occa­sio­ne dell’incontro di Pros­si­ma Ita­lia a Albi­nea nel luglio del 2012: di lui mi pia­ce la chia­rez­za men­ta­le, il fat­to che espri­ma e argo­men­ti con­te­nu­ti che mi con­vin­co­no pro­fon­da­men­te. E che mi con­vin­co­no del fat­to che i mede­si­mi con­te­nu­ti li cono­sce a fon­do e li pra­ti­ca.”

16-cartolina-civoti-coliandroLa pro­po­sta di Civa­ti, infat­ti, vuo­le attua­le una vera e pro­prio rivo­lu­zio­ne cul­tu­ra­le di cui il pae­se sem­bra ave­re un vita­le biso­gno. “Biso­gna com­pie­re un per­cor­so di auto­for­ma­zio­ne, che sarà ine­vi­ta­bil­men­te lun­go, fati­co­so, a trat­ti anche dolo­ro­so, per rimuo­ve­re la rimo­zio­ne e supe­ra­re l’affezione pato­lo­gi­ca alla fin­zio­ne, alla simu­la­zio­ne, alla dis­so­cia­zio­ne, le vere pas­sio­ni atti­tu­di­na­li dell’Italia. Usci­re dal­la cul­tu­ra dell’emergenza che da trop­po tem­po ci domi­na com­ple­ta­men­te, ricol­le­ga­re il pen­sie­ro all’azione, inte­sa come tra­sfor­ma­zio­ne del­la real­tà, e pun­ta­re sul­la dimen­sio­ne del­la serie­tà, del­la com­pe­ten­za, del­la cono­scen­za pra­ti­ca­ta sul ter­re­no pra­ti­co di poli­ti­che con­cre­te, effi­ca­ci, e su quel­lo teo­ri­co di una visio­ne più ampia, di una per­ce­zio­ne final­men­te e nuo­va­men­te sto­ri­ca dei nostri pro­ble­mi e del­le nostre cri­ti­ci­tà.”

Ma il PD può esse­re quel par­ti­to? “Attual­men­te mi sem­bra che il PD asso­mi­gli alla Man­hat­tan de I guer­rie­ri del­la not­te di Wal­ter Hill: il ter­re­no di uno scon­tro che non fa bene alla poli­ti­ca e a una con­ce­zio­ne sana dell’impegno poli­ti­co. Dopo l’8 dicem­bre, mi pia­ce­reb­be che il PD si pro­po­nes­se come una for­za auto­re­vo­le, con­vin­ta­men­te di sini­stra, che pro­pon­ga con impe­gno e coe­ren­za un siste­ma di valo­ri fon­da­to sal­da­men­te nel pas­sa­to e pro­iet­ta­to nel futu­ro: di que­sto soprat­tut­to abbia­mo biso­gno per imma­gi­na­re e rea­liz­za­re la rico­stru­zio­ne imma­te­ria­le e mate­ria­le del Pae­se, una rico­stru­zio­ne di pun­ti di vista e di men­ta­li­tà pri­ma anco­ra che di infra­strut­tu­re. È un lavo­ro gra­vo­so ma entu­sia­sman­te, che cre­do pos­sa impe­gna­re in manie­ra inte­res­san­te un’intera vita: non cre­do che ci anno­ie­re­mo.”

#civo­ti 16: Chri­stian Caliandro

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.