Come il governo sta aprendo le porte alle politiche migratorie della peggior destra

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491833281885{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Chi vive a cer­te lati­tu­di­ni si ricor­da bene i tem­pi in cui, dal gover­no del­le regio­ni fino alle ammi­ni­stra­zio­ni loca­li dei più pic­co­li comu­ni del­la val­li alpi­ne, espo­nen­ti leghi­sti e for­zi­sti attua­va­no le pro­prie poli­ti­che a suon di ordi­nan­ze e di discri­mi­na­zio­ni. Era­no i tem­pi del­le ordi­nan­ze anti-kebab, del­le ordi­nan­ze con­tro le inse­gne etni­che, del­le ordi­nan­ze con­tro i sen­za­tet­to. Ma era­no anche i tem­pi di poli­ti­che regio­na­li che segna­va­no sepa­ra­zio­ni etni­che (raz­zia­li?) nell’accesso a ser­vi­zi fon­da­men­ta­li per la garan­zia dei dirit­ti del­la per­so­na (cfr. Regio­ne Stra­nie­ra, 2009).

Era­no gli stes­si tem­pi in cui depu­ta­ti e sena­to­ri del cen­tro­si­ni­stra, così come l’ultimo dei con­si­glie­ri comu­na­li di cen­tro­si­ni­stra, denun­cia­va­no la vio­la­zio­ne tra­mi­te atti ammi­ni­stra­ti­vi di dirit­ti costi­tu­zio­nal­men­te san­ci­ti, e in cui il cen­tro­si­ni­stra pro­po­ne­va una visio­ne diver­sa, poli­ti­ca e cul­tu­ra­le, non solo del­le migra­zio­ni, ma anche del­la sicu­rez­za e dell’inclusione socia­le. Alle ron­de pada­ne (ve le ricor­da­te, le ron­de pada­ne?) in tan­ti rispon­de­va­mo con la riqua­li­fi­ca­zio­ne dei quar­tie­ri (in tan­ti, ma non tut­ti: c’era qual­cu­no che già allo­ra par­la­va di “ron­de demo­cra­ti­che”) e ci impe­gna­va­mo per con­tra­sta­re la reto­ri­ca leghi­sta e i luo­ghi comu­ni sull’immigrazione (cfr. Man­dia­mo­li a casa, i luo­ghi comu­ni, e le boz­ze in .pdf, 2010 e Nes­sun Pae­se è un’i­so­la, 2016), che pro­prio in que­gli anni han­no get­ta­to le basi per la costru­zio­ne di una visio­ne del mon­do che vede nell’immigrato la cau­sa di tut­ti i mali. Ed ecco per­ciò l’insistere sul­la paro­la “clan­de­sti­no” e il col­le­ga­to rea­to di ingres­so e sog­gior­no irre­go­la­re (sem­pli­fi­ca­to in “rea­to di clan­de­sti­ni­tà”, appun­to), i rim­pa­tri, i CIE, gli accor­di con la Libia, i respin­gi­men­ti. La reto­ri­ca dell’invasione.

E’ su que­sta onda­ta di intol­le­ran­za che la coa­li­zio­ne di cen­tro­si­ni­stra che si pre­sen­ta­va alle ele­zio­ni poli­ti­che del 2013, scri­ven­do che il pri­mo atto che avreb­be com­piu­to sareb­be sta­to quel­lo di pre­ve­de­re per leg­ge che ogni bam­bi­no nato e cre­sciu­to in Ita­lia avreb­be avu­to la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na. Non è sta­to il pri­mo atto di alcu­no dei tre gover­ni che fino­ra han­no carat­te­riz­za­to que­sta legi­sla­tu­ra. E non sarà nem­me­no l’ultimo, se pen­sia­mo che il testo di rifor­ma del­la cit­ta­di­nan­za – bloc­ca­to al Sena­to – intro­du­ce uno ius soli mol­to tem­pe­ra­to e cioè fon­da­to sul red­di­to dei geni­to­ri. E non sarà di cer­to que­sta una legi­sla­tu­ra che por­te­rà quel cam­bia­men­to cul­tu­ra­le e nor­ma­ti­vo che tan­ti ci augu­ra­va­mo all’inizio di que­sta sto­ria.

Alla man­ca­ta intro­du­zio­ne di uno ius soli “pie­no” si som­ma­no, infat­ti, la man­ca­ta rifor­ma del­la leg­ge Bos­si-Fini, che attra­ver­so irrea­li­sti­ci mec­ca­ni­smi di ingres­so e di espul­sio­ne non è altro che una fab­bri­ca di irre­go­la­ri­tà, e la man­ca­ta can­cel­la­zio­ne del rea­to di ingres­so e sog­gior­no irre­go­la­re nono­stan­te la dele­ga appro­va­ta dal Par­la­men­to, rite­nu­to ormai da tut­ti un rea­to inu­ti­le e capa­ce sola­men­te di ingol­fa­re i lavo­ri del­la giustizia.

A tut­te que­ste man­can­ze si som­ma­no ini­zia­ti­ve nor­ma­ti­ve che fan­no invi­dia alle poli­ti­che leghi­ste richia­ma­te in pre­ce­den­za: la stret­ta sui rim­pa­tri degli irre­go­la­ri, accor­di con il gover­no (uno dei) libi­co per impe­di­re le par­ten­ze e ester­na­liz­za­re gestio­ne di con­fi­ni e rifu­gia­ti a un pae­se che non ha sot­to­scrit­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra (non è un caso che nel memo­ran­dum ricor­ra con pau­ro­sa siste­ma­ti­ci­tà il ter­mi­ne “clan­de­sti­ni”), accor­di con le tri­bù libi­che con le stes­se fina­li­tà, l’eli­mi­na­zio­ne di un gra­do di giu­di­zio per i richie­den­ti asi­lo e la sop­pres­sio­ne di alcu­ne garan­zie pro­ce­du­ra­li, la ria­per­tu­ra dei CIE sot­to fal­so nome, l’istituzionalizzazione del­la lot­ta ai pove­ri a mez­zo di ordi­nan­ze sin­da­ca­li. La per­du­ran­te espor­ta­zio­ne di armi con le qua­li l’Arabia Sau­di­ta bom­bar­da lo Yemen – pae­se col­pi­to non solo dal­le bom­be, ma anche da una gra­vis­si­ma cri­si ali­men­ta­re — in spre­gio alla leg­ge italiana.

Il lavo­ro spor­co, insom­ma, l’ha fat­to il Par­ti­to Demo­cra­ti­co, quel­lo stes­so par­ti­to che si pro­po­ne­va di intro­dur­re lo ius soli come pri­mo atto gover­na­ti­vo. E l’ha fat­to caval­can­do la reto­ri­ca leghi­sta e raz­zi­sta, dal “non pos­sia­mo acco­glier­li tut­ti” (ma tut­ti chi?), ai “pat­ti di san­gue” tra gover­no e tri­bù libi­che, amman­tan­do­la di un’aura di serie­tà e rigo­re che per­met­te alla peg­gior destra di dire che «sì, va bene, ma non è abba­stan­za», e allo­ra biso­gna esse­re più bru­ta­li e spie­ta­ti, e lasciar affo­ga­re i migran­ti in mare, piut­to­sto che sal­var­li.

Ecco per­ché Min­ni­ti, insie­me a colo­ro che sono inca­pa­ci di muo­ve­re alme­no una timi­da cri­ti­ca a quan­to fat­to in que­sta legi­sla­tu­ra, sarà respon­sa­bi­le dell’ulteriore sci­vo­la­men­to ver­so il cat­ti­vi­smo e la con­se­guen­te discri­mi­na­zio­ne di chi ha la pel­le di un colo­re diver­so, di una socie­tà più chiu­sa, inca­pa­ce di dare il ben­ve­nu­to a per­so­ne che scap­pan dal­la guer­ra ma che esul­ta per il rim­pa­trio di qua­ran­ta per­so­ne in Sudan, sul cui pre­si­den­te pen­de un man­da­to d’arresto inter­na­zio­na­le per cri­mi­ni di guer­ra, cri­mi­ni con­tro l’umanità e geno­ci­dio. Noi ci schie­ria­mo dall’altra par­te: la par­te dei dirit­ti uma­ni, del­la costru­zio­ne del­la con­vi­ven­za, la par­te di chi ripu­dia la guer­ra e la vio­len­za. Sem­pre dal­la stes­sa parte.

Giu­sep­pe Civati

Ste­fa­no Cato­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.