Continua il viaggio nel cratere sismico, l’attenzione non deve spegnersi

Sia­mo tor­na­ti nel­le zone del cra­te­re tra Aman­do­la e Visso.

Prima tappa: Amandola.

Sia­mo tor­na­ti dal­l’Azien­da Cor­ra­di­ni, che ave­va­mo già visi­ta­to quest’inverno. Ci aspet­ta Ali­ce con la sua mera­vi­glio­sa fami­glia, che anni fa ha deci­so di tra­sfe­rir­si nel­le Mar­che per alle­va­re ani­ma­li in modo sano e con­tri­bui­re così a fare la pro­pria par­te per un’alimentazione più corretta.

Il sisma di ago­sto ave­va già lesio­na­to la casa e l’azienda, ma quel­la di fine otto­bre è sta­ta deva­stan­te. La neve di gen­na­io ha poi ter­mi­na­to l’opera facen­do crol­la­re i gra­nai, ulti­mi pila­stri azien­da­li anco­ra in pie­di. Si è sal­va­ta solo la stal­la, frut­to di un costo­so inve­sti­men­to e di anni di rispar­mi, per costrui­re una strut­tu­ra in legno che fos­se fat­ta a rego­la d’arte. E infat­ti non ha disat­te­so le pro­mes­se. Tut­to il resto però è crol­la­to, insie­me alla loro vita. La pri­ma vol­ta che abbia­mo visi­ta­to que­sta fat­to­ria la neve copri­va tut­to   insie­me al fan­go, la luce e i colo­ri del­la pri­ma­ve­ra addol­ci­sco­no allo sguar­do e all’animo la situa­zio­ne, che rima­ne però disa­stro­sa.

Tan­ta la soli­da­rie­tà rice­vu­ta in que­sti mesi, ma anche tan­te, trop­pe, rispo­ste ine­va­se e por­te sbat­tu­te in fac­cia.

Pro­va­no a rial­zar­si, con­ti­nua­no a pro­dur­re car­ne con meto­do bio­lo­gi­co. Nes­su­na isti­tu­zio­ne (tran­ne, ci ten­go­no a pre­ci­sa­re, il Comu­ne, sem­pre pre­sen­te) che gli abbia chie­sto in que­sti mesi: “Ma voi come fate a vive­re? A lavo­ra­re?” Rie­sco­no a far­lo gra­zie alla dispo­ni­bi­li­tà di un mat­ta­to­io a qual­che km di distan­za che per qual­che mese li ospi­ta, altri­men­ti non avreb­be­ro avreb­be­ro sapu­to come fare per vivere.

Chie­do­no cose sen­sa­te, che però appa­io­no trop­po com­pli­ca­te per meri­ta­re risposta.

Chie­do­no un PSR dedi­ca­to al sisma, o alme­no dei cri­te­ri che age­vo­li­no le azien­de che ne sono sta­te vittime.
Chie­do­no di sem­pli­fi­ca­re le pro­ce­du­re.
Chie­do­no di non esse­re pre­si in giro e che non ven­ga­no but­ta­ti via dena­ri pub­bli­ci.
Si chie­do­no se modu­li e mobi­li di secon­da scel­ta ven­go­no paga­ti come modu­li di pri­ma qua­li­tà, che fine faran­no una vol­ta dismes­si, quan­to costa­no al mese.
Si chie­do­no se la rico­stru­zio­ne è un dove­re del­le isti­tu­zio­ni o una concessione.
Chie­do­no che si fac­cia di tut­to per scon­giu­ra­re lo spo­po­la­men­to di que­ste zone, ma anzi di tra­sfor­ma­re que­sto dram­ma in un’oc­ca­sio­ne di inve­sti­men­to per rico­strui­re inve­sten­do sul futu­ro, sui gio­va­ni, sul ripo­po­la­men­to e le azien­de di un ter­ri­to­rio che può offri­re tan­tis­si­mo in ter­mi­ni di turi­smo, pro­du­zio­ne e qua­li­tà del­la vita.

Ci ripe­to­no sen­za sosta che non chie­do­no aiu­ti per se’, ma per tut­ti i pro­dut­to­ri col­pi­ti dal ter­re­mo­to che non rie­sco­no a rial­zar­si da soli. La loro è una fami­glia uni­ta con due figli gio­va­ni e pie­ni di ener­gia e entu­sia­smo, ma tan­ti, tan­tis­si­mi, sono i pro­dut­to­ri anzia­ni, spes­so mala­ti e soli. Non han­no voce, non han­no ami­ci, non han­no la Rete, non han­no ange­li in paradiso.

Chie­dia­mo ad Ali­ce di poter­le far­le una bre­ve inter­vi­sta, in modo da far cono­sce­re dal­la sua voce la situa­zio­ne. La tro­va­te qua.

COME AIUTARLI? Si può con­tat­ta­re diret­ta­men­te l’azienda per acqui­sta­re la car­ne, di otti­ma qua­li­tà e pro­dot­ta con meto­do bio­lo­gi­co. Con­se­gna­no per­so­nal­men­te in mol­te regio­ni di Ita­lia pac­chi fami­glia a pri­va­ti e Grup­po di Acqui­sto. Qua tut­te le info, i pro­dot­ti, i costi e i progetti.

 

Seconda tappa: Visso.

Una cit­tà nei con­tai­ner. Vis­so è sta­to epi­cen­tro del­le scos­se più deva­sta­ti, il cen­tro sto­ri­co è raso al suo­lo. Alcu­ne atti­vi­tà stan­no ria­pren­do nei con­tai­ner, con tan­ta fati­ca e tan­to sconforto.

Ci fer­mia­mo a par­la­re con la signo­ra che pro­du­ce e ven­de il rino­ma­to Ciau­sco­lo. Ha già fat­to 5 tra­slo­chi e anco­ra non vede nean­che il baglio­re del­la fine. La sua vita è ora in un camion­ci­no dove ven­de i suoi pro­dot­ti, a fian­co del con­tai­ner del frut­ti­ven­do­lo e quel­lo del­la far­ma­cia. La stan­chez­za che tra­pe­la il suo vol­to e pari alla sua incre­di­bi­le gentilezza.

Tut­ti quel­li con cui par­lia­mo denun­cia­no lo sta­to di immo­bi­li­tà. Il cen­tro è costan­te­men­te pre­si­dia­to da mili­ta­ri e non se ne capi­sce il sen­so. Inu­ti­li tran­sen­ne a cir­con­da­re mace­rie che atten­do­no da mesi di esse­re por­ta­te via.

Tut­ti temo­no lo spo­po­la­men­to, il ter­ro­re più gran­de. Pri­ma anco­ra del­la man­can­za di lavo­ro e di una casa, la pre­oc­cu­pa­zio­ne prin­ci­pa­le è il pen­sie­ro che quei luo­ghi non ver­ran­no più rico­strui­ti, che per­de­ran­no scuo­le e ser­vi­zi, che la gen­te se ne andrà altro­ve, che le loro radi­ci ver­ran­no spaz­za­te via per sem­pre insie­me alla casa a ai ricordi.

Cer­chia­mo Fabio, tito­la­re del­l’Albe­ro Del Pane e del­la Pastic­ce­ria Vis­sa­na. Con il ter­re­mo­to di ago­sto pri­ma e quel­lo di otto­bre poi, ha per­so l’at­ti­vi­tà e la casa che anco­ra deve fini­re di paga­re. Ora vivo­no sul­la costa. Ogni mat­ti­na alle 4.30 par­te e gui­da per 100 km per tor­na­re a Vis­so. Rien­tra a casa per le 22.

Di fron­te alla deva­sta­zio­ne tota­le non si è arreso.

“Ave­vo 7 dipen­den­ti, come face­vo a met­te­re tut­ti in mez­zo a una strada?”

Lea­sing, finan­zia­men­ti, soli­da­rie­tà e tan­ta tan­ta for­za di volontà.

E’ riu­sci­to a recu­pe­ra­re e a risi­ste­ma­re alcu­ni for­ni e mac­chi­na­ri che era­no rima­sti sot­to le mace­rie, altri li ha ricom­pra­ti, ha rico­strui­to un labo­ra­to­rio anti­si­smi­co vici­no a dove sor­ge­va quel­lo distrut­to, ha siste­ma­to tut­to con l’aiuto di un’azienda costrut­tri­ce “che si fida che pri­ma o poi estin­gue­rò il mio debi­to. Sen­za la loro fidu­cia non sareb­be sta­to pos­si­bi­le rialzarsi” 

Oggi il pani­fi­cio ria­pre. Ripar­ti­re dal pane, da un pro­dot­to anti­chis­si­mo ed evo­ca­ti­vo. Cum panis.

COME AIUTARE? Abbia­mo chie­sto a Fabio come pos­sia­mo aiu­tar­lo. Ci dice che tra le altre cose non è riu­sci­to a recu­pe­ra­re l’affet­ta­tri­ce, di cui avreb­be mol­to biso­gno, insie­me ad alcu­ni gene­ri ali­men­ta­ri. Abbia­mo quin­di avvia­to una rac­col­ta, a cui pote­te con­tri­bui­re anche voi.
[give_form id=“25038”]

 

Nei gior­ni pros­si­mi, inol­tre il comi­ta­to Pos­si­bi­le Max Fanel­li di Seni­gal­lia avvie­rà anche la rac­col­ta di pro­dot­ti e del­le ordi­na­zio­ni del­la Colom­ba Soli­da­le, la colom­ba pro­dot­ta da Fabio che andre­mo a pren­de­re e con­se­gne­ran­no tra vener­dì e saba­to gra­zie alla soli­ta, pre­zio­sa ospi­ta­li­tà dell’edi­co­la Quilly’s a Seni­gal­lia.

Il nostro viag­gio nel cra­te­re non si fer­ma, l’attenzione non deve spe­gner­si.

Qui c’è anco­ra tut­to da fare, nel ver­go­gno­so ritar­do di isti­tu­zio­ni che per ora non sono sta­te nean­che mini­ma­men­te all’altezza del­la situazione.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.