Il Governo ipoteca il futuro della Sardegna

E’ di ieri la decisione del Governo che, attraverso il Ministero dell’Ambiente, autorizza la "Gonnosfanadiga Limited" per la costruzione di un gigantesco impianto solare termodinamico osteggiato dai comuni del Medio Campidano e dalla cittadinanza: l’ennesimo sfregio al territorio regionale, all’autonomia della Sardegna ed alla vocazione agricola di quei territori.

E’ di ieri la deci­sio­ne del Gover­no che, attra­ver­so il Mini­ste­ro dell’Ambiente, auto­riz­za la “Gon­no­sfa­na­di­ga Limi­ted” per la costru­zio­ne di un gigan­te­sco impian­to sola­re ter­mo­di­na­mi­co osteg­gia­to dai comu­ni del Medio Cam­pi­da­no e dal­la cittadinanza.

Que­sta deci­sio­ne, che segue quel­la di otto­bre in cui la socie­tà gemel­la “Flu­mi­ni Man­nu Limi­ted” otte­ne­va pare­re favo­re­vo­le per la rea­liz­za­zio­ne di un impian­to ana­lo­go tra Deci­mo­pu­tzu e Vil­la­sor, rap­pre­sen­ta l’ennesimo sfre­gio al ter­ri­to­rio regio­na­le, all’autonomia del­la Sar­de­gna ed alla voca­zio­ne agri­co­la di quei territori.

Cir­ca 600 etta­ri di ter­ra a voca­zio­ne agri­co­la e pasto­ra­le, nono­stan­te la socie­tà non abbia la dispo­ni­bi­li­tà di tut­ti i ter­re­ni inte­res­sa­ti, ven­go­no di fat­to sot­trat­ti al ter­ri­to­rio. Un risul­ta­to otte­nu­to anche attra­ver­so espro­pri che inten­do­no for­za­re chi pre­ten­de sem­pli­ce­men­te di poter col­ti­va­re le pro­prie fer­ti­li terre.

L’operazione è sta­ta stu­dia­ta in modo meti­co­lo­so e quan­do si è capi­to che era trop­po rischio­so affron­ta­re la par­ti­ta local­men­te, dopo che la mobi­li­ta­zio­ne nata due anni fa in Sar­de­gna ave­va reso impos­si­bi­le il rila­scio dei per­mes­si regio­na­li, si è deci­so di agi­re sul pia­no nazio­na­le facen­do rien­tra­re i pro­get­ti nei para­me­tri del­le ope­re di inte­res­se stra­te­gi­co pre­vi­ste dal­lo Sbloc­ca Ita­lia. A que­sto pun­to è sta­to faci­le richie­de­re le auto­riz­za­zio­ni con­sa­pe­vo­li di poter par­la­re con un Gover­no che duran­te que­sta legi­sla­tu­ra si è sem­pre mostra­to gene­ro­so con alcu­ne lob­by dell’energia e pale­se­men­te sor­do davan­ti alle richie­ste di sal­va­guar­dia ambientale. 

In sostan­za, nono­stan­te il pare­re con­tra­rio del MIBACT il Gover­no sta deci­den­do di ipo­te­ca­re il futu­ro del ter­ri­to­rio sar­do sul­la base di inte­res­si eco­no­mi­ci che nul­la han­no a che vede­re con il futu­ro del­la nostra Regio­ne.

In tut­to que­sto sono evi­den­ti le respon­sa­bi­li­tà decen­na­li del­la poli­ti­ca nazio­na­le e regio­na­le che oggi ci con­se­gna, a fron­te di ingen­ti dan­ni ambien­ta­li e pae­sag­gi­sti­ci, un set­to­re del­la pasto­ri­zia pale­se­men­te in stal­lo, un insie­me di aree indu­stria­li in sman­tel­la­men­to e non boni­fi­ca­te ed un set­to­re agri­co­lo pri­vo di poli­ti­che di set­to­re e lascia­to all’estemporanea ini­zia­ti­va di sin­go­li volenterosi. 

Esi­sto­no in Sar­de­gna aree for­te­men­te com­pro­mes­se ambien­tal­men­te. Per­ché non instal­la­re in quei siti impian­ti di que­ste dimen­sio­ni? Per­ché rinun­cia­re ad un model­lo di svi­lup­po rispet­to­so del­la nostra sto­ria e del­la nostra identità?

Davan­ti ad un’opinione pub­bli­ca che in misu­ra sem­pre più mas­sic­cia si ribel­la davan­ti a que­sti inter­ven­ti la poli­ti­ca nic­chia ed appa­re timi­da ed indifferente. 

Su que­sti temi non fare­mo scon­ti a nes­su­no, nep­pu­re a chi ci richia­ma costan­te­men­te a rico­strui­re l’unità del cen­tro­si­ni­stra dopo aver aval­la­to ope­ra­zio­ni di que­sta natu­ra. Chi si schie­ra con­tro gli inte­res­si del nostro ter­ri­to­rio non è com­pa­ti­bi­le con noi, chi rifiu­ta di costrui­re un model­lo di svi­lup­po che sia rispet­to­so dell’ambiente ed è cor­re­spon­sa­bi­le di que­ste spe­cu­la­zio­ni non è com­pa­ti­bi­le con noi.

Per noi la poli­ti­ca è una cosa seria e l’unità non è qual­co­sa che si costrui­sce in modo astrat­to ed a pre­scin­de­re dal­le pro­po­ste. Fin dai pros­si­mi gior­ni sare­mo impe­gna­ti insie­me a tan­ti cit­ta­di­ni ed alle for­ze poli­ti­che che si schie­re­ran­no con­tro que­sto enne­si­mo ten­ta­ti­vo di spe­cu­la­zio­ne ambien­ta­le ed energetica.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?