Genova: un’amministrazione che discrimina le famiglie altrui

Quale “straordinaria urgenza”  abbia spinto l’Amministrazione Comunale Genovese, tra tutte le problematiche ed emergenze che si trova ad affrontare la città e il suo territorio – gestione dei rifiuti, trasporto pubblico, qualità dell’aria, qualità della vita, manutenzione urbana, lavoro, commercio, ecc.- per approvare nel consiglio comunale del 23 agosto 2018, a neanche 10 giorni dal devastante crollo del Ponte Morandi, l’istituzione del “Registro amministrativo delle famiglie ” (così dette “tradizionali”), impegnandosi nella mission di  “assicurare alle formazioni sociali fondate sul matrimonio civile o concordatario adeguata tutela ed incentivazione nel godimento dei benefìci e nella fruizione dei servizi erogati dalla Civica Amministrazione”, non è stato immediatamente comprensibile. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Quale “straor­di­na­ria urgen­za”  abbia spin­to l’Ammi­ni­stra­zio­ne Comu­na­le Geno­ve­se, tra tut­te le pro­ble­ma­ti­che ed emer­gen­ze che si tro­va ad affron­ta­re la cit­tà e il suo ter­ri­to­rio – gestio­ne dei rifiu­ti, tra­spor­to pub­bli­co, qua­li­tà dell’aria, qua­li­tà del­la vita, manu­ten­zio­ne urba­na, lavo­ro, com­mer­cio, ecc.- per appro­va­re nel con­si­glio comu­na­le del 23 ago­sto 2018, a nean­che 10 gior­ni dal deva­stan­te crol­lo del Pon­te Moran­di, l’istituzione del “Regi­stro ammi­ni­stra­ti­vo del­le fami­glie ” (così det­te “tra­di­zio­na­li”), impe­gnan­do­si nel­la mis­sion di  assi­cu­ra­re alle for­ma­zio­ni socia­li fon­da­te sul matri­mo­nio civi­le o con­cor­da­ta­rio ade­gua­ta tute­la ed incen­ti­va­zio­ne nel godi­men­to dei bene­fì­ci e nel­la frui­zio­ne dei ser­vi­zi ero­ga­ti dal­la Civi­ca Ammi­ni­stra­zio­ne”, non è sta­to imme­dia­ta­men­te com­pren­si­bi­le. 

Anzi, sì com­pren­de­va fin trop­po bene, ma la vicen­da è comun­que degna di nota.

Esse­re nel­la neces­si­tà e nell’urgenza di dover assi­cu­ra­re ade­gua­ta tute­la a qual­cu­no o qual­co­sa, signi­fi­ca che quel qual­cu­no o qual­co­sa sono in peri­co­lo, sot­to attac­co, a repen­ta­glio o, come mini­mo, ogget­to di discri­mi­na­zio­ni, tan­to da dover esse­re incen­ti­va­ti nel godi­men­to di bene­fi­ci e ser­vi­zi ero­ga­ti dal­la stes­sa Ammi­ni­stra­zio­ne Comunale.

Sco­pri­re che a Geno­va, la mia cit­tà, la “por­ta d’Europa”, cit­tà aper­ta al mon­do, all’innovazione, all’emancipazione cul­tu­ra­le, socia­le e civi­le, che si vuo­le “mera­vi­glio­sa” e attrat­ti­va per il resto d’Europa e del mon­do, le fami­glie, ma solo quel­le fon­da­te sul matri­mo­nio civi­le o con­cor­da­ta­rio, sono discri­mi­na­te tan­to da dover esse­re tute­la­te mi ha scon­cer­ta­to. 

Io e la mia fami­glia “ricom­po­sta” da due indi­vi­dui divor­zia­ti e un figlio anco­ra con­vi­ven­te, e che pro­ba­bil­men­te mai vor­ran­no atte­sta­re la loro unio­ne con un nuo­vo “atto ammi­ni­stra­ti­vo”, mi sono qua­si sen­ti­ta in colpa.

Ma pas­sa­re dal­lo scon­cer­to allo scon­for­to, è basta­to un atti­mo; per il disgu­sto e l’indignazione un nano­se­con­do.

Il tem­po mini­mo per rea­liz­za­re che il non trop­po fine arti­fi­zio let­te­ra­rio e le acro­ba­zie da legu­lei che gli esten­so­ri del­la deli­be­ra e del rego­la­men­to isti­tu­ti­vi del “Regi­stro del­le fami­glie tra­di­zio­na­li” han­no dovu­to archi­tet­ta­re sco­mo­dan­do arti­co­li e prin­ci­pi del­la Costi­tu­zio­ne, del­la Dichia­ra­zio­ne uni­ver­sa­le dei dirit­ti dell’uomo, del­la  Car­ta euro­pea del­le auto­no­mie loca­li ed altro anco­ra, ave­va (ed ha) un solo ed uni­co sco­po: ripri­sti­na­re una discri­mi­na­zio­ne, richia­man­do­si al dirit­to; masche­ra­re una discri­mi­na­zio­ne, come dove­re istituzionale.

Aver attua­to final­men­te il rico­no­sci­men­to del­le unio­ni civi­li, l’aver intro­dot­to ed este­so stru­men­ti di tute­la alle tan­te for­me di fami­glia che tut­te  indi­stin­ta­men­te rap­pre­sen­ta­no quei nuclei fon­da­men­ta­le del­la socie­tà e che han­no dirit­to tut­ti indi­stin­ta­men­te ad esse­re pro­tet­ti dal­la socie­tà e dal­lo Sta­to, indi­pen­den­te­men­te dal tipo di atto che li lega, fos­se pure non un atto ammi­ni­stra­ti­vo, ma anche solo un atto d’amore, non pote­va esse­re tol­le­ra­to oltre dai pala­di­ni del­la fami­glia tradizionale.

E i figli e le figlie gene­ra­ti non sono diver­si tra di loro a secon­da del tipo di  atto ammi­ni­stra­ti­vo che atte­sta l’unione dei pro­pri geni­to­ri o anche in assen­za di qual­sia­si atto.

Per que­sto vi dif­fi­dia­mo dal far­lo! 

Vi dif­fi­dia­mo dal dare attua­zio­ne al ten­ta­ti­vo che, con gli ulti­mi ordi­ni del gior­no appro­va­ti dal con­si­glio comu­na­le del­lo scor­so 24 gen­na­io, rico­no­sce­reb­be incen­ti­va­zio­ni non solo scon­ti su taxi e par­cheg­gi, abbo­na­men­ti age­vo­la­ti o gra­tui­ti per l’Amt, dero­ghe per l’ingresso nel­le Ztl, ma anche  pun­teg­gi aggiun­ti­vi per l’assegnazione del­le case popo­la­ri e l’accesso agli asi­li, ma solo ai cit­ta­di­ni iscrit­ti al regi­stro del­le fami­glie tra­di­zio­na­li! 

Vi dif­fi­dia­mo dal sot­trar­re risor­se pub­bli­che di tut­ti per dare a pochi, non per neces­si­tà di tute­la o biso­gni, ma solo per rimar­ca­re una distin­zio­ne!

Vi dif­fi­dia­mo dal pro­se­gui­re in que­sto dise­gno poli­ti­co nazio­na­le (vedi “Dise­gno di leg­ge Pil­lon”) e loca­le di restau­ra­zio­ne, di impo­si­zio­ne di scel­te e model­li di vita che nes­su­no vi vie­ta di pre­fe­ri­re come con­vin­zio­ni o scel­te per­so­na­li, ma sen­za pre­va­le­re  e discri­mi­na­re scel­te deri­van­ti da con­vin­zio­ni o scel­te per­so­na­li diverse.

Vi invie­re­mo 10, 100, 1000 dif­fi­de in nome di un uni­co prin­ci­pio uni­ver­sa­le che è quel­lo di NON DISCRIMINAZIONE richia­ma­to anche nell’art. 21 del­la Car­ta dei Dirit­ti Fon­da­men­ta­li dell’Unione Euro­pea: è “vie­ta­ta qual­sia­si for­ma di discri­mi­na­zio­ne fon­da­ta, in par­ti­co­la­re, sul ses­so, la raz­za, il colo­re del­la pel­le o l’origine etni­ca o socia­le, le carat­te­ri­sti­che gene­ti­che, la lin­gua, la reli­gio­ne o le con­vin­zio­ni per­so­na­li, le opi­nio­ni poli­ti­che o di qual­sia­si altra natu­ra, l’appartenenza ad una mino­ran­za nazio­na­le, il patri­mo­nio, la nasci­ta, gli han­di­cap, l’età o le ten­den­ze sessuali”

Vi dif­fi­dia­mo in nome di  un uni­co e solo coman­da­men­to: non discri­mi­na­te le fami­glie degli altri!

Rober­ta Burroni[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.