Generazione G: il 30 novembre a Milano con chi vuole cambiare il mondo

C’è sta­ta la gene­ra­zio­ne X, quel­la Y det­ta anche dei Mil­len­nials, ovve­ro i nati fra gli anni ’80 e ’90, i baby boo­mers nati nei ’50, e ora una nuo­va gene­ra­zio­ne si affac­cia, come appun­to capi­ta di tan­to in tan­to, sul pal­co­sce­ni­co del mon­do con l’in­ten­zio­ne di cam­biar­lo e di diven­tar­ne pro­ta­go­ni­sta. La chia­me­re­mo Gene­ra­zio­ne G: G come green, ovvia­men­te come Gre­ta, come glo­bal, una marea uma­na e under che scia­ma a milio­ni ovun­que nel­le piaz­ze e sui social, che non è anco­ra sta­ta rico­no­sciu­ta per quel­lo che è — una nuo­va leva con un suo pecu­lia­re ben­ché cer­ta­men­te vario pun­to di vista — e quin­di non è anco­ra sta­ta battezzata.

Ci pro­ve­re­mo noi, inda­gan­do­la, a par­ti­re da saba­to 30 novem­bre al cen­tro Con­cet­to Mar­che­si di via Spal­lan­za­ni a Mila­no. Una gior­na­ta di for­ma­zio­ne, la pri­ma di una serie come già annun­cia­to a luglio nel cor­so del­l’ul­ti­mo Poli­ti­camp, in cui però sono gli stu­den­ti a far lezio­ne e gli adul­ti ad ascol­ta­re, per­ché non c’è nien­te di peg­gio dei vec­chi che pre­ten­do­no di spie­ga­re i giovani.
Sen­za fasti­dio­si gio­va­ni­li­smi, ma con il con­sue­to approc­cio aper­to e rigo­ro­so che da sem­pre carat­te­riz­za Pos­si­bi­le: per capi­re, e, si spe­ra, fare emer­ge­re idee e solu­zio­ni.

Chi sono, cosa voglio­no i ragaz­zi del­la Gene­ra­zio­ne G? Sono tan­te cose diver­se, al di là del­le sem­pli­fi­ca­zio­ni, e ne voglio­no altret­tan­te: si bat­to­no con­tro l’e­mer­gen­za cli­ma­ti­ca, ovvia­men­te, che poi è la mol­la che li ha spin­ti più di ogni altra moti­va­zio­ne a unir­si e e dar noti­zia di se, e ren­der­si noti a un mon­do che for­se avreb­be con­ti­nua­to a dar­li per scon­ta­ti nel­la con­vin­zio­ne di poter­li tene­re buo­ni con l’il­lu­sio­ne di una socie­tà dei con­su­mi sen­za con­se­guen­ze e sen­za limi­ti. Que­sti sono inve­ce ragaz­zi che han­no capi­to che qual­co­sa in quel­la pro­mes­sa non fun­zio­na, e pro­ba­bil­men­te non si rea­liz­ze­rà. Ne stan­no com­pren­den­do il costo, let­te­ral­men­te pla­ne­ta­rio, le disu­gua­glian­ze che impli­ca e che col­pi­ran­no qua­si tut­ti, tran­ne pochis­si­mi pri­vi­le­gia­ti. C’è quin­di la gig eco­no­my, il lavo­ro dema­te­ria­liz­za­to soprat­tut­to nei dirit­ti, una dimen­sio­ne che è glo­ba­le e che por­ta a spo­star­si, per oppor­tu­ni­tà ma soprat­tut­to per bisogno.

Avre­mo quin­di testi­mo­nian­ze da chi nel­le piaz­ze c’è sta­to e ha con­tri­bui­to a orga­niz­zar­le, da chi emi­gra per cer­ca­re una vita miglio­re, da chi si bat­te per­ché i cosid­det­ti lavo­ret­ti sia­no rico­no­sciu­ti per quel­lo che sono, ovve­ro lavo­ri veri e pro­pri. Da chi fa poli­ti­ca anche sen­za biso­gno di ritro­var­si nel­le sue for­me tra­di­zio­na­li, da chi fa cul­tu­ra e con la cul­tu­ra ebbe­ne sì, vor­reb­be man­giar­ci, da chi stu­dia per­ché gli è sta­to det­to che lo stu­dio era la chia­ve per rea­liz­zar­si e poi ha sco­per­to che stu­dia­re costa e che il mon­do del lavo­ro là fuo­ri non era così pron­to a rico­no­sce­re non tan­to il valo­re lega­le, quan­to quel­lo mora­le di quel­lo studio.

Fare­mo tut­to que­sto per un sen­so di neces­si­tà, la neces­si­tà di alza­re lo sguar­do ver­so un oriz­zon­te un po’ più ampio e meno mise­ro di quel­lo a cui vor­reb­be costrin­ger­ci la poli­ti­ca descrit­ta ogni gior­no sui gior­na­li. Insom­ma, qui c’è da cam­bia­re il mon­do e si dibat­te di limi­te del con­tan­te: e non si rie­sce a fare nem­me­no quel­lo, peraltro.
Negli ulti­mi due decen­ni la poli­ti­ca e la con­ve­gni­sti­ca ita­lia­ne han­no lun­ga­men­te sfrut­ta­to la sug­ge­stio­ne di un’I­ta­lia 2020, l’i­dea cioè di met­ter­si al lavo­ro per imma­gi­na­re il pae­se del futu­ro. Beh, il 2020 ini­zia fra due mesi e la noti­zia è che qua­si tut­to è rima­sto più o meno come pri­ma, in com­pen­so mol­te cose sono peg­gio­ra­te. La solu­zio­ne non è, doma­ni, ini­zia­re a chia­ma­re le liste elet­to­ra­li Ita­lia 2030, quan­to piut­to­sto ini­zia­re a occu­par­si del­le cose serie, seria­men­te. Noi ci pro­via­mo, a par­ti­re dal 30 novembre.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.