Foa, alla Rai un presidente al di sopra di ogni sospetto

E quin­di dopo aver giu­ra­to che alla RAI avreb­be­ro nomi­na­to per­so­ne “al di sopra di ogni sospet­to di appar­te­nen­za poli­ti­ca”, Di Maio e Sal­vi­ni indi­ca­no il sovra­ni­sta Mar­cel­lo Foa a pre­si­den­te del­la RAI.

For­tu­na­ta­men­te Foa è mol­to atti­vo sul suo blog sul Gior­na­le (il noto quo­ti­dia­no indi­pen­den­te) e quin­di pos­sia­mo cono­sce­re il pen­sie­ro del nuo­vo capo del nostro ser­vi­zio pub­bli­co. Ecco un flo­ri­le­gio, un best of, del Foa-pensiero:

GENDER
“I fau­to­ri dell’ideologia gen­der sono abi­lis­si­mi nel dis­si­mu­la­re le loro inten­zio­ni. Caval­ca­no la bat­ta­glia per il rico­no­sci­men­to dell’omosessualità – bat­ta­glia sacro­san­ta anche se in gran par­te con­clu­sa – per infil­tra­re nel­la socie­tà e innan­zi­tut­to nel­la scuo­la l’idea, aber­ran­te, che la ses­sua­li­tà non sia inna­ta ma frut­to di con­di­zio­na­men­ti cul­tu­ra­li e che per­tan­to si pos­sa deci­de­re se esse­re o no gay.”

NO EURO
“E allo­ra, con­si­de­ran­do che il Pil non cre­sce, a dispet­to dei pro­cla­mi ren­zia­ni, sareb­be dove­ro­so doman­dar­si se all’Italia con­ven­ga dav­ve­ro resta­re nel­la moen­ta uni­ca. L’Europa chie­de­rà lacri­me e san­gue ai cit­ta­di­ni ita­lia­ni, ma poi? A giu­di­ca­re da quel che acca­de in Gre­cia e in Por­to­gal­lo e in Fin­lan­dia ci saran­no altre lacri­me e san­gue, in un tor­men­to sen­za fine, in un’illusione sen­za fine, in una pau­ra sen­za fine.”

MATTARELLA
“E allo­ra tut­to diven­ta chia­ro: l’establishment euro­pei­sta ha deci­so di spez­za­re le reni all’Italia, come ha già fat­to con la Gre­cia. Lo sce­na­rio che si pro­fi­la è il seguen­te: sca­te­na­re una cri­si pau­ro­sa del debi­to pub­bli­co ita­lia­no, spin­gen­do lo spread a livel­li mai visti, pro­vo­ca­re il pani­co, fino al momen­to in cui l’Italia ver­rà com­mis­sa­ria­ta e Mat­ta­rel­la invo­che­rà per il bene supre­mo del Pae­se la fidu­cia a Cot­ta­rel­li (già in cari­ca) e/o l’introduzione di misu­re straor­di­na­rie, come il rin­vio sine die del­le ele­zio­ni e la con­se­guen­te distru­zio­ne del­la repu­ta­zio­ne e del­la popo­la­ri­tà di Sal­vi­ni e di Di Maio, che ver­ran­no indi­ca­ti come i respon­sa­bi­li di que­sta cri­si.

SOVRANISMO
“Oggi pos­sia­mo dir­lo: i sovra­ni­sti ave­va­no ragio­ne e non c’è insul­to che riu­sci­rà a fer­mar­ci, per una ragio­ne tan­to sem­pli­ce quan­to ina­spet­ta­ta: gli elet­to­ri stan­no distrug­gen­do sche­da dopo sche­da quel costrut­to neo­glo­ba­li­sta e trans­na­zio­na­le che anni di inces­san­te pro­pa­gan­da han­no ten­ta­to di tra­sfor­ma­re in un Desti­no ineludibile”.

TRAINI
“Lo sco­po del mon­do “pro­gres­si­sta” è di cam­bia­re il giu­di­zio col­let­ti­vo, facen­do leva sul sen­so di col­pa e lascian­do inten­de­re che il gesto di Luca Trai­ni non sia quel­lo di un disa­dat­ta­to squi­li­bra­to, come io riten­go, ben­sì il sin­to­mo di un rina­scen­te fasci­smo in Italia”.

IMMIGRAZIONE
L’immigrazione incon­trol­la­ta è fon­te di ingiu­sti­zia e che l’integrazione di milio­ni di musul­ma­ni ovve­ro di una reli­gio­ne che non appar­tie­ne alla tra­di­zio­ne euro­pea è peri­co­lo­sa­men­te vel­lei­ta­ria, tan­to più da par­te di un Pae­se, l’Italia, che non ne ha la cul­tu­ra né l’esperienza e che non è pron­to per una mis­sio­ne tan­to impor­tan­te. Peral­tro, a mio giu­di­zio, non è solo l’Italia ad esse­re impre­pa­ra­ta ma tut­ti gli Sta­ti euro­pei, visti fal­li­men­ti e le cri­si di riget­to che si mani­fe­sta­no dap­per­tut­to, a comin­cia­re da quel­li nel nord del Continente”.

VACCINI
“Cre­do che biso­gna esse­re ragio­ne­vo­li. Io non sono un medi­co ma cono­sco abba­stan­za bene il cor­po uma­no e ho par­la­to con dei medi­ci, che mi han­no det­to che iniet­ta­re 12 vac­ci­ni in un arco di tem­po mol­to ristret­to nel cor­po di un bam­bi­no pro­vo­ca uno shock al cor­po del bam­bi­no mol­to for­te che rischia di dan­neg­gia­re quel­lo che è il suo nor­ma­le equi­li­brio. Per­ché que­sto vie­ne fat­to? Io non ho una rispo­sta cer­ta, però ci sono mol­te rispo­ste pos­si­bi­li: c’è chi dice che ci gua­da­gna­no sui vac­ci­ni, c’è chi dice che inve­ce in que­sta manie­ra pro­vo­chi un aumen­to del­le aller­gie o del­le malat­tie indot­te che indu­co­no poi al con­su­mo di far­ma­ci. Io non so qua­le sia la rispo­sta. Da osser­va­to­re di buon sen­so dico: il nume­ro di vac­ci­ni è trop­po ele­va­to.”

Oltre che sul suo blog, Fra è anche mol­to atti­vo sui social, e da buon uti­liz­za­to­re del mez­zo sa che con­di­vi­de­re è impor­tan­te. A con­fer­ma del­la sua indi­pen­den­za poli­ti­ca, tra i suoi influen­cer pre­fe­ri­ti c’è un po’ il who’s who del­la galas­sia del sovra­ni­smo, non solo di destra, ma anche rosso-bruno:

Anto­nio Rinaldi

 

Die­go Fusaro

Pao­lo Becchi

L’ormai fami­ge­ra­ta Fran­ce­sca Toto­lo, paga­ta da Casa Pound per dif­fon­de­re Fake News

Ma anche da solo se la cava benis­si­mo. Vale la pena di cita­re quel­li che a nostro avvi­so sono due tweet mol­to rive­la­to­ri del tipo di per­so­nag­gio che abbia­mo di fronte.

Mat­ta­rel­la? Disgusto.

Mat­ta­rel­la? Golpista.

Insom­ma, il ser­vi­zio pub­bli­co è in otti­me mani. Buo­na visio­ne a tutti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.