Fiume Sacco: cento chilometri di schiuma

Da una settimana la mia Provincia, Frosinone, è balzata agli occhi della cronaca non per la bellezza dei suoi corsi d’acqua e delle sue dolci colline, non per l’incredibile patrimonio artistico, storico e culturale, ma per un'enorme quantità di massa bianca che ha ricoperto il fiume Sacco.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Per oltre cinquant’anni, da que­ste par­ti, si è pen­sa­to solo a pro­dur­re. Il fiu­me era una vac­ca da mun­ge­re, una ric­chez­za da spre­me­re fino al midol­lo. L’industrializzazione, in que­ste ter­re, è arri­va­ta così, con un piglio fol­le e spie­ta­to. S’è pre­sa la val­le a for­za di zam­pa­te di cemen­to e lamie­ra, e s’è river­sa­ta nel Sac­co come quel liqui­do ver­de e cocen­te. La moder­ni­tà ha vio­len­ta­to que­sta val­le per decen­ni, dopo aver­la ade­sca­ta con un sogno di ric­chez­za dura­tu­ra. Poi però l’ha abban­do­na­ta al suo desti­no e ai suoi incu­bi. Pro­prio come avreb­be fat­to uno stu­pra­to­re, un bru­to non cer­to gui­da­to da un demo­ne for­te, gagliar­do, con gli occhi infuo­ca­ti. A domi­na­re gli uomi­ni, qui, è arri­va­to un demo­ne flac­ci­do, pre­ten­zio­so e miope.

Car­lo Rug­gie­ro, Cat­ti­ve Acque

Schiu­ma, male­det­tis­si­ma schiu­ma! Da una set­ti­ma­na la mia Pro­vin­cia, Fro­si­no­ne, è bal­za­ta agli occhi del­la cro­na­ca non per la bel­lez­za dei suoi cor­si d’acqua e del­le sue dol­ci col­li­ne, non per l’incredibile patri­mo­nio arti­sti­co, sto­ri­co e cul­tu­ra­le, ma per un’e­nor­me quan­ti­tà di mas­sa bian­ca che ha rico­per­to il fiu­me Sac­co. Cosa dico­no i pri­mi risul­ta­ti dell’Arpa? Par­la­no di enor­mi quan­ti­tà di ten­sioat­ti­vi, ossia deter­gen­ti, ver­ni­ci o emul­sio­nan­ti. Tor­nan­do alla cro­na­ca di que­sti gior­ni, le ana­li­si dei cam­pio­ni foto­gra­fa­no una situa­zio­ne da incu­bo: 16 mg/l di ten­sioat­ti­vi ( il limi­te tabel­la­to è 2mg/l). Sca­ri­chi ille­ga­li, que­sto è cer­to, coper­ti da chi o da cosa per anni inve­ce non è leci­to saper­lo.

Per dare l’idea di quan­to sia gra­ve e peri­co­lo­sa que­sta situa­zio­ne basta riper­cor­re­re il cor­so del fiu­me: il Sac­co nasce tra San Vito e Ole­va­no Roma­no, sia­mo pra­ti­ca­men­te alle por­te di Roma, diven­ta affluen­te del Liri a Cepra­no che a sud di Cas­si­no si uni­sce al Gari­glia­no e sfo­cia nel Gol­fo di Gae­ta. Par­lia­mo di più di 100 km che diret­ta­men­te o indi­ret­ta­men­te sono sta­ti col­pi­ti da que­sto feno­me­no, par­lia­mo del­la vivi­bi­li­tà di tre pro­vin­ce e di un’intera filie­ra agri­co­la, par­lia­mo del­la vita o in trop­pi casi del­la mor­te di trop­pe per­so­ne. Per­ché se la schiu­ma è il feno­me­no più evi­den­te e cla­mo­ro­so di que­ste ore, que­sta, ahi­noi, è una sto­ria di distru­zio­ne che va avan­ti da anni. In tut­ta fran­chez­za quel­lo che più mi ango­scia è tut­to ciò che non si vede che è pari sola­men­te a quel­lo che ha subi­to quel fiu­me e le sue gen­ti, le tan­te denun­ce non ascol­ta­te e il ricat­to occupazionale.

La sto­ria dei suoi fiu­mi è la car­ti­na al tor­na­so­le del­lo svi­lup­po di quest’area. Rac­con­ta di una tra­sfor­ma­zio­ne gene­ti­ca: il DNA con­ta­di­no che si tra­mu­ta in indu­stria­le. Una muta­zio­ne avve­nu­ta a tap­pe for­za­te e sen­za alcun riguar­do per il ter­ri­to­rio. Fab­bri­che costrui­te sui cor­si d’acqua, cemen­ti­fi­ci, indu­strie lea­der nell’amianto. La natu­ra ha subi­to in silen­zio e con il tem­po ci ha mostra­to le sue feri­te. Così le acque uti­li e pre­zio­se per le col­tu­re e per la soprav­vi­ven­za diven­ta­no “Cat­ti­ve Acque”, come rias­su­me per­fet­ta­men­te il tito­lo del Libro cita­to in aper­tu­ra, nemi­ci spie­ta­ti, silen­zio­si che ci uccidono.

C’è una paro­la che for­se più di tut­te rias­su­me il disa­stro ambien­ta­le pri­ma del­la schiu­ma: beta-esa­clo­ro­ci­cloe­sa­no. Sem­bra una paro­lac­cia ma è mol­to di più: è un kil­ler. Tec­ni­ca­men­te è uno scar­to del lin­da­no, un erbi­ci­da. Nel 2013 lo stu­dio epi­de­mio­lo­gi­co del­la Regio­ne Lazio svol­to su 502 sog­get­ti sen­ten­zia­va:

In con­clu­sio­ne, in que­sta inda­gi­ne, sono sta­ti mes­si in evi­den­za livel­li signi­fi­ca­ti­vi di β–HCH in una popo­la­zio­ne nota per esse­re sta­ta espo­sta a tale inqui­nan­te, pre­va­len­te­men­te attra­ver­so ali­men­ti e bevan­de. I dati emer­si dal­la sor­ve­glian­za sani­ta­ria del­la popo­la­zio­ne pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne han­no per­mes­so di met­te­re in luce alcu­ni effet­ti bio­lo­gi­ci […]. In par­ti­co­la­re sono sta­te osser­va­te per­tur­ba­zio­ni del pat­tern lipi­di­co, del­la fun­zio­na­li­tà rena­le e del­la ste­roi­do­ge­ne­si, inte­res­san­do anche gli ormo­ni ses­sua­li nel ses­so fem­mi­ni­le. É sta­ta osser­va­ta infi­ne una chia­ra asso­cia­zio­ne con alte­ra­zio­ni cognitive.

La pos­si­bi­li­tà che alla espo­si­zio­ne a β–HCH segua un dan­no bio­lo­gi­co di diver­si orga­ni ed appa­ra­ti è suf­fra­ga­ta dai risul­ta­ti di que­sto stu­dio, anche se le con­clu­sio­ni gene­ra­li sono neces­sa­ria­men­te cau­te nell’indicare l’esistenza di un nes­so di cau­sa ed effet­to. La meto­do­lo­gia del­lo stu­dio e i suoi risul­ta­ti meri­te­ran­no sicu­ra­men­te una valu­ta­zio­ne atten­ta del­la comu­ni­tà scien­ti­fi­ca nei pros­si­mi mesi e la mate­ria si gio­ve­rà di un atten­to fol­low-up ambien­ta­le e cli­ni­co del­la popo­la­zio­ne già coin­vol­ta e di altre popo­la­zio­ni del com­pren­so­rio che han­no subi­to una espo­si­zio­ne alla sostan­za tossica.

Il ciclo ali­men­ta­re era com­pro­mes­so: il lat­te mater­no con­te­ne­va Il B‑CHC.

Da dove ripar­ti­re e cosa fare? Pri­ma di tut­to non biso­gna dimen­ti­ca­re l’eroica osti­na­zio­ne del­le asso­cia­zio­ni loca­li, di alcu­ni corag­gio­si e com­pe­ten­ti Ammi­ni­stra­to­ri Loca­li che han­no ini­zia­to un lavo­ro impor­tan­te per crea­re una rete. Con­tem­po­ra­nea­men­te dob­bia­mo ave­re le for­za di riba­di­re gior­no dopo gior­no che non può esser­ci alcun tipo di futu­ro se non avver­rà in tem­pi rapi­di una ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca del siste­ma pro­dut­ti­vo. Risve­glia­re le coscien­ze e vede­re i col­pe­vo­li in gale­ra gra­zie a dei con­trol­li seri, costan­ti e mirati.

E’ il tem­po di una riscos­sa civi­ca ed eco­lo­gi­ca in Pro­vin­cia di Fro­si­no­ne e in Ita­lia: se voglia­mo dimo­stra­re l’amore ver­so la nostra Ter­ra non inse­guia­mo rigur­gi­ti del ven­ten­nio, ma tute­lia­mo, pri­ma, e valo­riz­zia­mo poi gli eco­si­ste­mi che ren­do­no uni­ca l’Italia: que­sta è l’unica gran­de ope­ra dav­ve­ro urgen­te capa­ce di dare lavo­ro e svi­lup­po. Pro­prio alla con­fluen­za tra Liri e Sac­co, tra Iso­let­ta e San Gio­van­ni Inca­ri­co, per un assur­do gio­co del desti­no, sor­ge un’area archeo­lo­gi­ca pra­ti­ca­men­te abban­do­na­ta a se stes­sa: quel­lo che dove­va e pote­va esse­re un uni­cum capa­ce di uni­re valo­riz­za­zio­ne sto­ri­ca e riser­va natu­ra­li­sti­ca, oggi assi­ste iner­me a que­sto scem­pio. Un sim­bo­lo di quel­lo che pote­va esse­re e non è, il sim­bo­lo di quel­lo a cui dob­bia­mo aspi­ra­re. La stel­la pola­re da raggiungere.

Umber­to Zimarri[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.