Fiocchetto lilla, informare e sensibilizzare sui disturbi alimentari

Oggi è l’ottava gior­na­ta nazio­na­le del Fioc­chet­to Lil­la, dedi­ca­ta alle pato­lo­gie da distur­bi ali­men­ta­ri. La sto­ria di que­sta gior­na­ta par­te da Geno­va, con l’e­spe­rien­za di Ste­fa­no Tavil­la, padre di Giu­lia e fon­da­to­re dell’associazione per la lot­ta ai distur­bi del com­por­ta­men­to ali­men­ta­re “Mi nutro di vita”.

Nono­stan­te la gior­na­ta sia dedi­ca­ta in tut­ta Ita­lia a ini­zia­ti­ve vol­te a infor­ma­re, sen­si­bi­liz­za­re e non fare sen­ti­re sole le per­so­ne coin­vol­te, e nono­stan­te i ten­ta­ti­vi fat­ti in pas­sa­to, la data non è anco­ra sta­ta isti­tu­zio­na­liz­za­ta.  A chie­de­re che il 15 mar­zo diven­ti una data uffi­cial­men­te rico­no­sciu­ta sono le asso­cia­zio­ni nate dall’esperienza dei fami­glia­ri ed ex pazien­ti, di chi si è tro­va­to a com­bat­te­re da solo una bat­ta­glia resa anco­ra più dif­fi­ci­le dal­la disin­for­ma­zio­ne, dall’isolamento e dal­la com­ples­si­tà del tema. 

In Ita­lia, sono cir­ca tre milio­ni di per­so­ne a sof­fri­re di pato­lo­gie da distur­bi ali­men­ta­ri, insie­me alle loro fami­glie, con­si­de­ran­do soprat­tut­to che l’esordio dei distur­bi si col­lo­ca nel­le fasce d’età ado­le­scen­zia­li e pre ado­le­scen­zia­li. I pazien­ti e le loro fami­glie si tro­va­no spes­so soli, di fron­te a una com­ples­si­tà che riguar­da ogni aspet­to: dal­la reti­cen­za a chie­de­re aiu­to, alla dif­fi­col­tà di arri­va­re a una dia­gno­si e a rice­ve­re assi­sten­za adeguata.

Secon­do un’in­chie­sta pub­bli­ca­ta da Repub­bli­ca nel 2016, la dispa­ri­tà da regio­ne a regio­ne è enor­me, con l’Um­bria che pre­sen­ta uno dei qua­dri più avan­za­ti. Ma non tut­ti pos­so­no per­met­ter­si di viag­gia­re per curar­si, soprat­tut­to per perio­di che devo­no neces­sa­ria­men­te esse­re pro­lun­ga­ti, per­ché la via per la gua­ri­gio­ne non è rapi­da e dipen­de da mol­ti fat­to­ri, tra cui il sup­por­to del­le per­so­ne care e la situa­zio­ne fami­glia­re (nel cui ambi­to spes­so si svi­lup­pa­no le pato­lo­gie).  E così a paga­re il prez­zo più alto sono spes­so le fami­glie più vul­ne­ra­bi­li eco­no­mi­ca­men­te, con pazien­ti che vedo­no il dirit­to alla salu­te nega­to e compromesso.

Il dato è anco­ra più allar­man­te quan­do si con­si­de­ra che per le ragaz­ze nel­la fascia tra i 12 e i 25 anni que­ste pato­lo­gie costi­tui­sco­no la pri­ma cau­sa di mor­te dopo gli inci­den­ti stra­da­li. Que­sta inci­den­za par­ti­co­lar­men­te alta tra le don­ne gio­va­ni o gio­va­nis­si­me – anche se i dati ci dico­no che i nume­ri di dia­gno­si per i pazien­ti maschi sono in cre­sci­ta — è sin­to­ma­ti­ca del­la pres­sio­ne cul­tu­ra­le riguar­do al cibo e al rap­por­to con l’immagine di sé a cui sono sot­to­po­ste le ragaz­ze e le gio­va­ni don­ne. Una pres­sio­ne che si accom­pa­gna ed è aggra­va­ta dal timo­re di non esse­re cre­du­te o sup­por­ta­te se doves­se­ro cer­ca­re aiu­to, e dal­la reti­cen­za e ver­go­gna a con­di­vi­de­re pro­ble­mi emo­ti­vi e fisi­ci. È un peso enor­me sul­le spal­le di pazien­ti la cui con­di­zio­ne è già fra­gi­le e di fron­te al qua­le fami­glie, inse­gnan­ti e medi­ci non pos­so­no esse­re lascia­ti né soli né tro­var­si impre­pa­ra­ti. Una solu­zio­ne effi­ca­ce sta nel poten­zia­re la con­sa­pe­vo­lez­za e il lavo­ro di squa­dra tra le scuo­le, i medi­ci di fami­glia, i pedia­tri, le famiglie.

Sui siti del­le asso­cia­zio­ni tro­va­te tut­te le ini­zia­ti­ve del­la Gior­na­ta di oggi e degli altri 364 gior­ni, quel­li che fan­no dav­ve­ro la differenza.

Fosca Ben­ne

Fran­ce­sca Druetti

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.