«Emergenza permanente»

Ci siamo chiesti se questa espressione che l’Onu adotta per descrivere l’allarme migrazioni non contenga un assurdo logico.

Ci siamo chiesti perché l’Europa non riesca a intervenire, come suggerisce Kristalina Georgieva, vicepresidente della Commissione europea, nei paesi da cui i migranti provengono.

Ci siamo chiesti perché l’Italia non si ponga all’avanguardia nell’affrontare la questione, che la riguarda direttamente per ragioni geografiche, storiche e politiche.

La prima cosa che dobbiamo fare è dare un nuovo significato alle parole, significarle con più precisione, dare loro un valore oggettivo.

E la parola in questione è «accoglienza».

Cosa sappiamo davvero dei numeri, dei servizi, dei costi, delle criticità e delle possibilità che ruotano intorno a questa parola?

Crediamo sia venuto il momento di raccontare con precisione e rigore che cosa accade, chi se ne occupa, quali competenze sono già attive e cosa servirebbe, qual è il costo sociale e quali i benefici, muovendo da Sud a Nord, denunciando gli abusi e promuovendo le esperienze migliori.

Lo facciamo nella convinzione di non essere gli unici a porsi questo problema sotto questo punto di vista.

E chiediamo a tutte e tutti di partecipare a una grande indagine che riguarda i profughi ma riguarda soprattutto noi stessi.

PIppo Civati – Alessandro Gilioli

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati