Egitto, Civati: Al Sisi libera detenuti, governo intervenga per Zaki

Conte si sforzi, con i fatti e non con gli annunci, per la liberazione di Patrick. È una priorità reale, molto più della presunta realpolitik che porta l'Italia a rifornire di armi l'Egitto

“Il gover­no ita­lia­no ha l’oc­ca­sio­ne di far­si sen­ti­re con al Sisi, non solo per ven­der­gli le armi. Il pre­si­den­te egi­zia­no ha annun­cia­to la libe­ra­zio­ne di oltre 500 dete­nu­ti per fron­teg­gia­re l’e­mer­gen­za Covid-19. Il pre­si­den­te del Con­si­glio Con­te e il mini­stro degli Este­ri Di Maio chie­da­no imme­dia­ta­men­te la scar­ce­ra­zio­ne di Patrick Zaki. Da mesi lo stu­den­te è pri­gio­nie­ro sen­za che ci sia una moti­va­zio­ne. Peral­tro, essen­do un ragaz­zo con pro­ble­mi di asma, la sua scar­ce­ra­zio­ne è neces­sa­ria anche per ragio­ni di salu­te”. Lo dichia­ra Giu­sep­pe Civati, fon­da­to­re di Pos­si­bi­le. “Nei gior­ni scor­si — aggiun­ge Civa­ti - Con­te ha garan­ti­to l’im­pe­gno per arri­va­re alla veri­tà sul­l’o­mi­ci­dio di Giu­lio Regeni. Ora si sfor­zi, con i fat­ti e non con gli annun­ci, per la libe­ra­zio­ne di Patrick. È una prio­ri­tà rea­le, mol­to più del­la pre­sun­ta real­po­li­tik che por­ta l’I­ta­lia a rifor­ni­re di armi l’Egitto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.